Surma e Donga

Questa offerta è scaduta, puoi cercare tra i nuovi viaggi oppure inviarci una richiesta per un preventivo personalizzato.

Guarda tutti i viaggi
  • Destinazione: Etiopia
  • Durata: 15 giorni, 12 notti

“SURMA & DONGA”

Ovest Etiopia

VIAGGIO NELL'ETIOPIA REMOTA


DAL 2 AL 16 LUGLIO 2023


Surma


FOCUS DEL VIAGGIO:
  • IMPEGNO ALTO IN JEEP SU PISTE
  • DURATA 15 GIORNI, 12 NOTTI
  • VIAGGIO ETNOGRAFICO NATURALISTICO E CULTURALE
  • GUIDA LOCALE IN LINGUA ITALIANA

STILE DEL VIAGGIO:
  • TURISMO ETNOGRAFICO ED ANTROPOLOGICO CON VISITA A COMUNITA’ E MERCATI LOCALI
  • ECO-TURISMO: SAFARI ALL’INTERNO DEL CHEBERA CHURCHURA NP (ELEFANTI, BUFALI, BUSHPIG); SAFARI BOAT TOUR SUL CHAMO LAKE (IPPOPOTAMI, MARABÙ E COCCODRILLI); AWASSA LAKE (PELLICANI E UCCELLI ACQUATICI)
  • TURISMO FOTOGRAFICO: PORTRAIT, LIFESTYLE, LANDSCAPE, WILDLIFE, GEO

VIAGGIO IN SICUREZZA:
  • HOTEL 3* 4* STELLE – STANDARD LOCALI
  • MEZZI DI TRASPORTO IN SICUREZZA (Jeep)
  • CORRISPONDENTI CONSOLIDATI E AUTORIZZATI
  • GUIDE LOCALI IN OGNI LOCATION (EXTRA)
  • ITINERARIO IN SICUREZZA
  • GARANZIA POLIZZE DI VIAGGIO EUROP ASSISTANCE

EMOZIONI… Etiopia inesplorata. Un Viaggio alla scoperta dell’Etiopia tribaleVera”. Andremo ad Ovest dell’Etiopia. In questa spedizione entreremo nel cuore dei riti ancestrali e delle cerimonie delle etnie locali. Durante il nostro viaggio cercheremo di coglierne tutti gli aspetti, provando a comprendere il perché di riti e cerimonie troppo forti e violente per i nostri occhi, che riportano a stadi primordiali. Un viaggio carico di emozioni, che richiede spirito di adattamento e flessibilità. L’Etiopia del Sud ed in particolare della parte sud-occidentale meno battuta dal turismo convenzionale, è fatta di tradizioni di un continente ricco di etnie, culture, religioni e linguaggi, dove l’uomo, la natura, la magia dei riti si fondono in immagini e situazioni di travolgente intensità.
ETNIE fuori dai circuiti turistici: Surma, Suri, Bume, Nyangatom, Karo, Hamer, Konso, Dassanech o Galeb.
SURMA – SURI Il popolo dei Surma è principalmente dedito all’agricoltura. Il gruppo è ancora molto coeso ed omogeneo, anche per resistere agli attacchi dei popoli e delle etnie circostanti. Sono stati sempre al di fuori del mondo moderno conservando usi e costumi tradizionali. Spesso Surma e Suri vengono correlati ma in realtà i Suri sono un popolo semi-nomade e allevatore che vive dal lato ad ovest del fiume Omo, la città di Kibish. Per i Suri gli animali sono fonte di ricchezza e spesso i rituali, come bere sangue e latte, si intersecano con la vita tribale del popolo. Anche le donne portano come le donne Mursi grandi piattelli labiali o alle orecchie. Oltre uso comune è il dipingersi i volti ed i corpi. I bambini usano decorarsi coi fiori tanto da farli sembrare dei personaggi irreali e di fantasia. ITINERARIO IN BREVE:
  • 1° Italia – Addis Abeba
  • 2° Addis Abeba – Jimma FB
  • 3° Jimma – Chebera Churchura National Park (camp) FB
  • 4° Chebera Churchura National Park (camp) FB
  • 5° Chebera Churchura N. Park – Bume FB
  • 6° Bume – Kibish FB
  • 7° Kibish – Tulgit – Kibish FB
  • 8° Kibish – Karo (camp nei pressi dell’omo) FB
  • 9° Karo – Turmi (camp nei pressi dell’omo) FB
  • 10° Turmi – Omorate - Dimeka - Turmi (Mango camp)FB
  • 11° Turmi – Arba Minch FB
  • 12° Arba Minch – Chamo Lake – Konso – Arba Minch FB
  • 13° Arba Minch – Awassa FB
  • 14° Awassa – Addis Abeba – D= day use - volo internazionale
  • 15° Italia
LEGENDA: FB = PENSIONE COMPLETA / D= CAMERA DI CORTESIA (day-use)
NOTA – Tutte le escursioni sono progettate in modo da essere abbastanza flessibili per potersi adeguare alle condizioni del tempo e approfittare delle opportunità che possiamo incontrare lungo il percorso. Considerando la natura del viaggio, alcune parti potrebbero essere modificate per cause imprevedibili e sulla base di decisioni dello staff locale. Sono richiesti flessibilità e spirito di adattamento.
NOTA BENE: Si prega di notare prima dell’adesione al viaggio, tutte le disposizioni Sanitarie Internazionali Anti-Covid come previsto da normative in uscita/entrata da/per l’Italia e nel luogo di destinazione del viaggio.

 PROGRAMMA DI VIAGGIO


1°GIORNO: DOMENICA 02 LUGLIO 2023 ITALIA – ADDIS ABEBA Partenza dai principali aeroporti italiani con il volo di linea Ethiopian Airlines. Pasti e pernottamento a bordo.
2°GIORNO: LUNEDÌ 03 LUGLIO 2023 - ADDIS ABEBA – JIMMA JIMMA  All’arrivo in aeroporto, accoglienza all'uscita dell'aeroporto e trasferimento in hotel. Iniziamo il percorso in Jeep alla volta di Jimma, attraversando i verdissimi altopiani dell’Oromia e soffermandoci spesso a fare fotografie alla vegetazione lussureggiante In serata giungiamo a Jimma, al centro della nota regione Kaffa, dove è il pernottamento.
3°GIORNO: MARTEDÌ 04 LUGLIO 2023 - JIMMA – CHEBERA CHURCHURA NATIONAL PARK (CAMP)  Prima di essere incorporata nell’impero cristiano, Jimma era uno dei regni più potenti e Abba Jifar, il re della dinastia Oromo musulmana che qui regnò nel XVIII secolo a capo dello stato indipendente di Jimma, si fece costruire un palazzo a metà Ottocento, oggi diventato museo. Al suo interno si può vedere il trono dell'ultimo sovrano, intagliato in un unico pezzo di legno, oltre a diversi materiali storici del Re Abba Jifar. Pranzo a pic nic. Proseguendo il transfer, vedremo distese immense di caffè; siamo nella regione di Kaffa, terra di origine della bevanda più famosa del mondo e luogo da cui proviene la speciale qualità del caffè Arabica. Trasferimento verso il Chebera Churchura NP. Arrivo e sistemazione delle tende e del campo. 
4°GIORNO: MERCOLEDÌ’ 05 LUGLIO 2023 - CHEBERA CHURCHURA NATIONAL PARK (CAMP)  Uno dei posti meno conosciuti dell’Etiopia nell'altopiano occidentale è la collinosa Chebera Churchura, che si estende per 1.215 km quadrati di giungla e savana. E’ un’area verde caratterizzata da un paesaggio ondulato, nella zona di Konta Woreda, dove è stato costituito recentemente l’omonimo parco naturale, in cui le zone più elevate sono ricoperte da una fitta foresta tropicale. Questo è il posto in Etiopia dove è più probabile osservare gli elefanti africani, che possono essere raggiunti a piedi attraverso la paludosa foresta di Maka con l'aiuto di esperti scouts locali. Nel Parco sono presenti il bushpig “maiale gigante della foresta” ed altri animali selvatici, come bufali, leoni, leopardi, antilopi e numerose scimmie.  All’interno del Chebera Churchura NP si trovano un notevole numero di sorgenti termali e le cascate gemelle sul fiume Bardo.
 GIORNO: GIOVEDÌ 06 LUGLIO 2023 - CHEBERA CHURCHURA N. PARK – BUME   Il trasferimento di oggi è rivolto all’avvicinamento e conoscenza dell’etnia Bume. I Bume (o Nyangatom), di ceppo nilo-sahariano, sono linguisticamente ed etnicamente correlati con i Toposa del Sud Sudan e i Turkana del Kenya. Un secolo fa, entrambe le tribù erano conosciute come "Hum" o "Kum". La persistente denominazione "Bume" è originata dai loro vicini Suri e Turkana, che così li chiamano col nome spregiativo di Bume, cioè "puzzolenti".  Essi sono abitanti a sud del Parco Nazionale Omo, ma di tanto in tanto migrano nelle regioni inferiori quando l'acqua o il pascolo sono scarsi. Con una popolazione di circa 6-7000 abitanti, i Bume sono agro-pastorali, praticando la pastorizia e l'agricoltura (consistente principalmente nella raccolta del sorgo sui fiumi Omo e Kibish). Sono anche esperti apicoltori, raccogliendo miele nei loro numerosi alveari. I Bume sono noti per essere grandi guerrieri e, molto spesso guerrafondai attivi, sono in guerra con le tribù vicine, tra cui Hamer, Karo e Surma. Piccoli gruppi di Bume che vivono lungo l'Omo sono cacciatori di coccodrilli specializzati, servendosi di arpioni lanciati da una piroga. Gli anziani di entrambi i sessi praticano l’inserimento di un pezzetto di rame ricurvo e decorato sotto il labbro inferiore, ormai quasi totalmente sostituito da pezzetti di plastica colorato dalle giovani generazioni. Gli uomini Nyangatom (Bume) hanno evidenti scarificazioni sul viso e sul corpo e indossano decorazioni multicolori fatte di argilla che sono spesso adornate con piume. Le donne invece portano numerose file di collane attorno al collo, molto spesso monocromatiche sui toni del marrone, e si coprono di pelli.
6° GIORNO: VENERDÌ 07 LUGLIO 2023 - BUME – KIBISH Trasferimento dall’area dei Bume a Kibish e prima visita ai villaggi Surma e Suri. Spesso Surma e Suri vengono correlati, ma in realtà i Suri sono un popolo semi-nomade e allevatore che vive sulla sponda occidentale del fiume Omo, nei pressi della città di Kibish. Per i Suri gli animali sono fonte di ricchezza e spesso i rituali, come bere sangue e latte, si intersecano con la vita tribale del popolo. Anche le donne portano come le donne Mursi grandi piattelli labiali o alle orecchie. Altro uso comune è il dipingersi i volti ed i corpi. I bambini usano decorarsi coi fiori tanto da farli sembrare dei personaggi irreali e di fantasia. Essi sono una popolazione nilotica di pastori molto simile ai piú conosciuti Mursi, conservando, rispetto a quest’ultimi, una maggiore autenticità. Le donne usano deformare il labbro inferiore con un piatto di terracotta, gli uomini, dai fisici scultorei ed imponenti, sono valorosi guerrieri. Allestiremo il campo nei pressi del villaggio.
 7° GIORNO: SABATO 08 LUGLIO 2023 -  KIBISH – TULGIT – KIBISH   SURMA & DONGA  Giornata dedicata all’incontro con i coloratissimi e tribali Surma, che colpiscono per il loro particolare senso estetico del corpo. I Surma vivono tra le “Montagne della Luna” nel sud dell'Etiopia, terra esplorata da Bottego nell'estate del 1896. La loro caratteristica principale sono i piattelli labiali trapezoidali che portano le donne nel labbro inferiore e le decorazioni disegnate sui corpi degli uomini. L’usanza del piattello deriva dalla tradizione dei Mursi, un’etnia che vive lungo il fiume Omo e alla quale i Surma appartengono come famiglia. La differenza fra loro sta nel tipo di piattello usato: rotondo di terracotta per le donne Mursi e trapezoidale, o detto anche triangolare, di legno e più leggero per le Surma. Questa usanza estremamente originale, originariamente interpretata come modo per storpiare il viso delle giovani al tempo degli schiavi ed evitarne il sequestro, è oggigiorno riconosciuta come modo per accrescerne la bellezza e quantificarne la dote richiesta per averle in spose. Il taglio del labbro viene fatto a 15/16 anni e comporta anche l’avulsione dei quattro incisivi inferiori perchè il piattello sia stabile sui due denti esterni. Col tempo il foro viene allargato inserendo dei piattelli o dei pezzi di legno di dimensioni crescenti fino a raggiungere la misura desiderata e corrispondente alla dote richiesta. Le ragazze, tutte dipinte, esibiscono la loro bellezza acerba esponendo anche le scarificazioni con disegni geometrici che ricoprono le loro pelli lucide ed effettuate con lamette da barba. Gli uomini vivono completamente nudi, che solo raramente ricoprono portando una stoffa sulla spalla, ed usano decorare il loro corpo con pitture, realizzate con la polvere di gesso mescolata con l’acqua o con argilla e acqua.  Con la punta di un pezzo di canna imbevuta nell’impasto di gesso, i Surma creano dei cerchi o delle linee o dei motivi artistici. Un momento importante e rituale dei Surma è la Donga (nota in amarico come 'Zegine' o 'Saginay'), la lotta con i bastoni che vede due giovani sfidanti scapoli battersi per dimostrare il loro coraggio e la loro forza. I duelli si svolgono dopo il periodo delle piogge e prima delle sfide i sostenitori dei duellanti li incitano cantando, ululando e danzando. Al via i bastoni volano per colpire l’avversario finchè non cade definitivamente; il vincitore allora viene portato sulle spalle degli amici di fronte alle ragazze che in questo frangente possono scegliere o farsi scegliere in spose. Chi vince infatti si mette in mostra non solo alle giovani in età di matrimonio, ma alla comunità intera e ne acquista prestigio all’interno. Oltre a coltelli di diversa grandezza, molti sfoggiano dei vecchi fucili e addirittura dei Kalashnikov che gli conferiscono un’aria di importanza. NB = Nonostante il periodo indicato sia favorevole e ci siano probabilità di assistervi, non possiamo garantirne contrattualmente la riuscita. Non sono cerimonie organizzate per i turisti ma tradizionali ed ancora genuine. Questo le rende affascinanti. Restiamo comunque molto fiduciosi e faremo tutto il possibile per garantirne la visione. (richiesta mancia per la partecipazione)
8° GIORNO: DOMENICA 09 LUGLIO 2023 - KIBISH – KARO (CAMP NEI PRESSI DELL’OMO)   Trasferimento in avvicinamento alla zona etnica, abitata dai Karo. Potremmo alloggiare nei pressi di un loro villaggio (campo)
9° GIORNO: LUNEDÌ 10 LUGLIO 2022 - KARO – TURMI (CAMP NEI PRESSI DELL'OMO) Visita dei villaggi Nyangatom e Karo. I Nyangatom vivono sulla riva occidentale del fiume Omo. L’abbigliamento tradizionale delle donne è fatto di pesanti ed innumerevoli collane e di gonne lunghe fatte con pelli di capra, riccamente decorate. Le collane erano tradizionalmente realizzate con semi secchi, ma negli ultimi anni sono state in gran parte sostituite con perle di vetro colorate provenienti dal Kenya. Le donne usano anche effettuare scarificazioni ornamentali sui loro volti, petti e pance. La tribù dei Karo  è una popolazione di ceppo nilotico che vive in minuscoli villaggi di capanne di legno e paglia, che sorgono su un’altura piatta sopra le sponde del fiume Omo. Appena fuori dal villaggio si gode della vista mozzafiato sull’ansa del fiume, che fino a pochi anni fa era coperta di vegetazione. I Karo hanno sempre vissuto di pastorizia e di agricoltura, basata su ciò che era coltivabile sulle sponde del fiume, grazie anche alle esondazioni annuali. I villaggi Karo sono protetti perimetralmente da recinti in legno: al centro vi sono le capanne e piccole palafitte che contengono i preziosi cereali alla base della loro povera alimentazione. I Karo si dipingono il corpo ed il volto (spesso cercando di imitare il piumaggio delle galline faraone) con calce bianca, argilla, polvere di ferro, cenere di carbone o legno. Le loro danze celebrano il raccolto, i riti di iniziazione dei giovani, i matrimoni (è diffusa la poligamia); sono molto sensuali, nei loro movimenti avvolgenti i fianchi ed il ventre si attraggono e si respingono in un’esplosione festosa e vitale. Le donne si adornano con fiori, piume, perline, bracciali di semplice fattura, trafiggendosi il mento con un chiodo o un bastoncino di legno. Le donne si sono viste costrette a sostituire molti dei raffinati oggetti ornamentali che orgogliosamente indossavano un tempo, con le pitture corporali (che spesso “indossano” al posto degli stessi vestiti) e con le scarificazioni della pelle (che provocano rigonfiamenti sulle cicatrici simili ai tatuaggi, mediante l’uso di acqua e cenere poste sulle ferite). Si rientra a Turmi per la visita ad un villaggio Hamer (ed al suo mercato settimanale). Gli appartenenti a questa tribù, agricoltori e allevatori di bovini, si caratterizzano per le particolari decorazioni di corpo e capelli: le donne, ad esempio, acconciano i capelli in elaborate e sottili treccine che poi coprono con dell’argilla mista a burro che conferisce un particolare colore rosso. Gli uomini, invece, portano una o due piume, a seconda della loro importanza nella tribù, tra i capelli, fermate sulla sommità da una crocchia di argilla sormontata da penne di struzzo, detta”cercine”. Fra le decorazioni preferite degli Hamer ci sono perline, collane con le cipree del Mar Rosso, anellini, piume di struzzo, braccialetti in ferro, amuleti e qualche strano oggetto esotico regalato dai viaggiatori bianchi.
10° GIORNO: MARTEDÌ 11 LUGLIO 2023 - TURMI – VISITA A OMORATE - TURMI (MANGO CAMP) Nei dintorni di Omorate, vivono particolari etnie, tipiche delle sponde del Lago Turkana, a cavallo del confine con il Kenya. Questo è il territorio dei Dassanech o Galeb, un popolo dedito alla pastorizia e alla pesca (famosi in Etiopia per la caccia ai coccodrilli), nomade o semistanziale, in perenne tensione con le popolazioni circostanti per il controllo delle scarne risorse ambientali: pascoli, mandrie e pozzi. I Dassanech sono genti dal portamento slanciato, agile ed elegante. A differenza dei popoli vicini, le loro capanne sono costituite da un telaio di rami ricoperto da pelli di animali, facile da montare e smontare come è nella tradizione dei popoli legati alla transumanza. Le donne usano particolari acconciature, gonne in pelle ed a volte un particolare piercing alla bocca; collane colorate ne disegnano i corpi. Alcuni uomini, come tutte le popolazioni dell’Omo adoperano dei poggiatesta di legno, noti come Borkota, usati come cuscini (di notte per non rovinare le acconciature) o sgabelli (di giorno per sedersi). Vivono di pesca e sono famosi in Etiopia per la caccia ai coccodrilli. Passaggio per Dimeka e visita ad un locale mercato Hamer e rientro a Turmi. NB = Durante il soggiorno a Turmi, se sarà possibile, potremmo sostituire alcune delle visite indicate con la celebrazione del SALTO DEL TORO o Ukli Bulà in lingua locale. Quando un ragazzo raggiunge l’età per diventare uomo deve superare una particolare cerimonia di iniziazione, il salto dei tori, che gli darà diritto a sposarsi, possedere bestiame e avere figli. La cerimonia vera e propria ha luogo in uno spiazzo libero da capanne e recinti, nei pressi del villaggio e inizia nel primo pomeriggio: le donne, con dei sonagli attaccati alle gambe, iniziano a camminare, ballare e saltare in cerchio suonando delle trombette e chiamando gli uomini, che avranno il compito di frustarle con dei sottili rami secchi. Questi uomini sono i Maza, cioè uomini che hanno già superato la prova del salto, ma che sono ancora single. L’iniziato intanto si prepara, radendosi la metà della testa, riposandosi e aspettando che il suo momento arrivi. Quando gli uomini fanno il loro ingresso sulla scena, le donne corrono loro incontro, rubandosi di mano a vicenda i rami con cui saranno frustate. Più volte ognuna di loro verrà frustata; più segni le verranno lasciati sulla schiena, più crescerà il rispetto che avranno per lei nella tribù e più verrà considerata una donna forte e coraggiosa. Alla fine il giovane ragazzo si sottopone alla prova. Dovrà saltare completamente nudo sul dorso dei tori messi in fila e questo più volte consecutivamente. Questi bovini sono vacche e buoi castrati, che rappresentano le donne e i bambini della tribù. Il bestiame a volte viene imbrattato di sterco per rendere il salto molto più impegnativo. È importante che i buoi vengano tenuti ben fermi: il movimento potrebbe infatti portare alla caduta del ragazzo e al non superamento della prova se non portasse a termine almeno 4 passaggi. Questo comporta per l’adolescente, chiamato ukuli la pubblica umiliazione ed è segno di cattiva fortuna: egli verrà frustato dalle donne e dai parenti, insultato e preso in giro. Per diventare uomo il giovane deve riuscire a compiere il percorso, saltando sui tori avanti e indietro un numero di volte che viene deciso dalla famiglia stessa, ma come detto, non inferiore a 4; se ci riesce diventerà uomo e potrà sposarsi, se invece fallisce dovrà aspettare almeno un anno per poter riprovare.
11° GIORNO: MERCOLEDÌ 12 LUGLIO 2023 - TURMI – ARBA MINCH Lungo spostamento, attraversando un panorama ricco di acacie e termitai, per raggiungere la città di Arba Minch, che in amarico vuol dire, "40 sorgenti". Essa è la porta di accesso dell’adiacente Nechisar National Park, il quale copre l'istmo di terra tra il Lago Abaya e il Lago Chamo, più a sud.
12° GIORNO: GIOVEDÌ 13 LUGLIO 2023 - ARBA MINCH – CHAMO LAKE – KONSO – ARBA MINCH      Partenza al mattino per un rilassante tour in barca sul Chamo Lake, dove in un ambiente naturale è possibile osservare da vicino oziosi ippopotami e coccodrilli (che, raggiungendo anche una lunghezza di 6 metri, sono tra i più grandi esemplari che si possono trovare in Africa), oltre a una grande varietà di uccelli, tra cui fantastiche aquile pescatrici e marabù, che volano bassi a caccia di pesce. Raggiunta Konso, visitiamo il villaggio abitato dall’omonima etnia ed al cui interno si trovano le mora (case comunitarie), le piazze cerimoniali con i pali generazionali (uno per ogni 18 anni) e visite di capanne con tessitori e i particolari antichi Wagas (sculture lignee in onore di guerrieri deceduti). Rientriamo ad Arba Minch per il pernottamento.
13° GIORNO: VENERDÌ 14 LUGLIO 2023 - ARBA MINCH – AWASS       Trasferimento ad Awassa lungo un territorio ricco di vegetazione lussureggiante, su cui si osservano rossi termitai, alti, esili, che svettano come dita puntate contro il cielo. La lunga strada asfaltata, parallela alla Rift Valley, sui cui bordi si alternano piantagioni di caffè ed alberi da frutto, mentre dietro ogni capanna sembra nascere da una selva l’ensete, il falso banano, conduce in serata ad Awassa, sul lago omonimo. Cena a base di pesce del lago.
14° GIORNO: SABATO 15 LUGLIO 2023 - AWASSA – ADDIS ABEBA – VOLO INTERNAZIONALE          In mattinata visita al mercato locale del pesce, affollato d'ingordi e pigri pellicani, attratti dall’abbondanza di tilapie (pesci locali) ed in trepida attesa del rientro dei pescatori, e una grande varietà di avifauna. Si prosegue per Addis Abeba, dove è prevista la camera di cortesia, prima del rientro in Italia. Cena tradizionale ed imbarco.
15° GIORNO: DOMENICA 16 LUGLIO 2023 - ITALIA Arrivo nei principali aeroporti italiani.

Fine del programma e dei servizi “Etiopia, Surma e Donga.


Quota di partecipazione a persona in camera doppia:

€ 4680,00 + Tasse Aeroportuali

Con guida locale in lingua italiana


2'

COMPAGNIA AEREA ETHIOPIAN AIRLINES DA: MILANO MALPENSA
  • ET 713  02JUL MXPADD   2020 0710+1
  • ET 712  16JUL ADDMXP   0005 0655
ROMA FIUMICINO
  • ET 713  02JUL FCOADD   2240 0710+1
  • ET 712  16JUL ADDFCO   0005 0435

LE SISTEMAZIONI IN CORSO DI VIAGGIO:
  • Addis Abeba: Sidra Hotel o similare
  • Jimma: International Hotel
  • Chebera Churchura National Park: Camp 2 Notti
  • Bume: Camp
  • Kibish: Camp 2 Notti
  • Karo villaggio: Camp
  • Turmi: Camp 2 Notti
  • Arba Minch: Paradise Lodge – Haile Resort 2 Notti
  • Awassa: Ker Awud International Hotel
  • Addis Abeba: Sidra Hotel (Day use) o similare

LA QUOTA COMPRENDE:

  • Volo internazionale in classe economica
  • Sistemazione in camere doppie in hotel, in tende doppie
  • Guida locale in lingua italiano
  • Accompagnatore dall’Italia da 10 partecipanti
  • Accoglienza ed assistenza fuori dall’aeroporto di Addis Abeba
  • Trasferimento con veicoli 4X4, carburante compreso, adatti a questo genere di viaggio nel deserto
  • Autisti e cuoco (in proporzione al numero finale del gruppo)
  • Tutta l’attrezzatura da bivacco, di cucina e la sua sussistenza (materiale di cucina, cucina a gas, piatti, coperti, scodelle, tavoli pieghevoli e sedie). Consigliato il sacco a pelo personale
  • Sistemazione in pensione completa
  • Acqua minerale in bottigliette
  • Ingressi a tutti i siti indicati dal programma
  • Assicurazione medico + bagaglio (spese massimali € 20.000 + € 1.000)
  • Quota d’iscrizione

LA QUOTA NON COMPRENDE:

  • Tasse aeroportuali definibili solo al momento dell’emissione dei biglietti e eventuali adeguamenti carburante € 271,02 (da Milano) € 283,79 (da Roma)
  • E-Visa emissione online $ 52
  • Tutti i PCR Test anti - covid
  • Avvicinamento da altri aeroporti
  • Assicurazione Integrazione Spese Mediche massimali € 200.000 € 91.50
  • Assicurazioni Extra prolungamento soggiorno (quarantena) € 39.00
  • Assicurazione Annullamento Viaggio da € 174.00
  • Camera singola € 250
  • Sacco a pelo
  • Mance, extra personali, mance per foto-video e personale, lavanderia, comprese le visite alle abitazioni ed alle cerimonie tradizionali
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”.

LA NOSTRA FILOSOFIA

IL NOSTRO PENSIERO ED I NOSTRI PERCORSI ECO-SOSTENIBILI

IL NOSTRO VIAGGIO, cerca di trasmettere un’esperienza di vita ed un modo di visita al paese il più rispettoso ed il meno invasivo possibile. Questi aspetti sono stati messi in primo piano dal complicato periodo mondiale che stiamo affrontando. In base a questa importante esperienza, preferiamo viaggiare con un numero limitato di persone, approfondire un intenso rapporto e compenetrazione col territorio in modo lento e nel massimo rispetto dell’ambiente e della sua completa tutela.

IL NOSTRO STILE di viaggio, è un percorso soprattutto introspettivo e quindi, è necessario portare un comprensivo rispetto, gratitudine e generosità per i luoghi ed i loro abitanti in cui si viene ospitati ed accolti. Molto spesso la loro ospitalità viene espressa con sorrisi e riconoscenza. Tutto questo, non ha prezzo. Consigliamo per la salvaguardia e il rispetto dell’ambiente, l’utilizzo di materiale biodegradabile (no plastica).

COMPRENDERE profondamente gli usi e i costumi locali, le tempistiche e rispettare quanto è nella loro vita quotidiana, ci rende consapevoli quanto noi dobbiamo integrarci alla loro realtà durante la nostra esperienza di viaggio, non il contrario. Vi preghiamo pertanto di tener bene a mente questo concetto e di essere comprensivi per chi sta lavorando per rendere il vostro viaggio più piacevole possibile.

LE MANCE che doniamo durante il viaggio alle guide che ci accompagnano, ai driver, o agli aiutanti occasionali, sono un importante aiuto che viene spesso destinato ai loro figli, alle mogli, all’educazione, all’alimentazione e al sostentamento del nucleo familiare. Essere propensi a donare ed offrire qualcosa a chi ci accompagna in questa esperienza, aiuta a far vivere in modo dignitoso chi è meno fortunato di noi. Dietro a ognuno di loro spesso c’è una famiglia, dei ragazzi che possono istruirsi grazie al lavoro del proprio genitore.

AL RITORNO DAL VIAGGIO per avere piena consapevolezza, sono necessari almeno qualche giorno di decantazione. Prima di questo periodo, sono impressioni dettate dal nostro modo di viaggiare e da quello che avremmo voluto trovare nel viaggio e non da quello che può offrire il Paese.

Questo è il nostro semplice pensiero, di cui ne siamo profondamente sostenitori e convinti.

Viaggitribali Tour Operator

POLIZZE ASSICURATIVE EUROP ASSISTANCE

Visita la nostra pagina dedicata alle polizze di viaggio
https://www.viaggitribali.it/assicurazioni/
Viaggia in sicurezza

Info di viaggio

NOTIZIE UTILI PER LA VOSTRA AVVENTURA

VISTI/DOCUMENTO INDISPENSABILE: Il Passaporto è necessario, con validità residua di 6 mesi dalla data di partenza con 2 pagine libere. Il Visto Turistico (per permanenze inferiori ai 30 giorni) è ottenibile all’arrivo in aeroporto con pagamento di 50 Dollari o il corrispettivo in Euro (al momento 48 Euro).

VACCINAZIONI E PRECAUZIONI SANITARIE: Non ci sono vaccinazioni obbligatorie; sono consigliate le vaccinazioni per la Febbre Gialla e l’antitetanica oltre alla profilassi Antimalarica nelle zone del bassopiano. Gli ospedali si trovano solo nelle maggiori località. È necessario portare con sé la scorta dei medicinali che vengono assunti regolarmente, o di cui si prevede l’uso. Si consiglia la vaccinazione antitetanica che ha valore di 10 anni. Consigliamo inoltre di rivolgersi sempre ad un Centro di Medicina dei Viaggi USL. È consigliabile una assicurazione medica, che preveda anche il rimpatrio in caso di emergenza sanitaria.

CIBO: Al di fuori di Addis Abeba e dei centri turistici l’unica cucina disponibile è quella tradizionale. Il piatto tipico abissino viene servito sull’ingera, una sorta di crèpe spugnosa ricavata da un cereale locale, il Teff. Con l’ingera vengono serviti spesso stufati di carne, arricchiti da misture di spezie locali quali il berberé, a base di peperoncino piccante e oltre 20 spezie. Il kitfo è il piatto tradizionale di carne cruda. La bevanda tradizionale etiope è il bunna, l’ottimo caffè etiopico, servito nelle più svariate declinazioni (macchiato, caffellatte). Nei piccoli bar si può trovare il tè aromatizzato alla cannella e al cardamomo; vari alcolici e superalcolici locali quali l’arake (grappa locale), la tella (birra fermentata) e il tej (idromele).

SISTEMAZIONI/ALBERGHI/CAMPING: L’itinerario si svolge in un paese non ancora organizzato per ricevere il turismo, che fuori dalla capitale offre strutture ricettive semplici con standard al di sotto della tipologia occidentale; le camere degli alberghi fuori dalla capitale e le principali città hanno scarsa manutenzione, pertanto è doveroso informare di essere preparati ad un buon spirito di adattamento. Sono anche previsti alcuni pernottamenti in tenda, fornita dall’organizzazione locale (una ogni 2 pax).

CLIMA: Il clima dell’Etiopia varia in funzione dell'altitudine, passando dal fresco di alta quota al clima torrido e arido delle terre più basse. Trovandosi appena a nord dell'Equatore, il Paese conosce poche variazioni di temperatura nel corso dell'anno. Le piogge sono determinate dal monsone di sud-ovest, che interessa il Paese da giugno a settembre (la stagione delle piogge è detta Kiremt), ma colpisce solo alcune aree, vale a dire l'altopiano e i versanti montuosi esposti a sud-ovest, mentre nell'estremo sud, nella zona del Lago Turkana e nel sud-est del Paese vi sono due periodi piovosi meno intensi, in genere marzo-maggio e ottobre-novembre, che in alcuni anni lasciano quelle aree a secco provocando siccità. Qui a differenza che nel resto del Paese il periodo migliore è giugno-agosto perché è sia pur di poco il meno caldo.

CAMBIO: La valuta ufficiale è il Birr (ETB). 1 € = 31,8023 ETB - 1 ETB = 0,03058 € ; 1 $ = 27,9809 ETB – 1 ETB = 0,03478 $ (dicembre 2018). Le carte di credito sono ancora poco diffuse e utilizzabili in genere solo ad Addis Abeba e negli alberghi internazionali della capitale. È opportuno avere con sé una somma adeguata di denaro contante. Tenere sempre a portata di mano monete per piccoli acquisti o servizi. Consigliamo di munirsi anche di banconote di piccolo taglio (1,10 Birr) convertibili in arrivo (Addis Abeba o banche in itinere) per ripagare le etnie ad ogni spot fotografico, considerando inoltre che la gente pretende che i birr siano assolutamente nuovi di zecca.

LINGUA: La lingua ufficiale è l’Amharico, di origine semitica, parlato nella maggior parte del Paese. L’inglese è la lingua straniera più diffusa specie nei centri urbani ed è anche la lingua parlata dagli addetti ai servizi turistici. L'Etiopia è un complesso mosaico etnico-linguistico ed ogni etnia conserva un proprio idioma.

RELIGIONE: Metà circa della popolazione aderisce alla Chiesa ortodossa di rito etiopico. I cristiani ortodossi sono predominanti nell'Etiopia settentrionale e centrale. Nelle zone orientali e meridionali è più presente la religione islamica. L'Etiopia rappresenta l'unico caso di cristianesimo "africano" autoctono. Il cristianesimo etiopico, detto COPTO, è una sintesi originale tra l'antica tradizione cristiana d'Oriente e la realtà africana. Nel Paese vi sono anche minoranze cattoliche, protestanti e animiste. L’animismo è prevalente tra le etnie dell’Omo River Valley e la zona al confine con il Sudan.

FUSO ORARIO: + 2 ore in più rispetto all'ora solare italiana. Quando in Italia è in vigore l'ora legale tale differenza si riduce ad un'ora. In Etiopia l’ora viene calcolata in relazione alla luce solare, la giornata inizia pertanto dalle 6 del mattino e finisce alle ore 18.

VOLTAGGIO/ELETTRICITA’: Il voltaggi in uso sono 220 V e 240 V, 50 hertz. La frequenza di rete è poco stabile. Vari Tipi di Presa: D, J, L. Si consiglia di munirsi di adattatore universale. Consigliato Inverter da collegare all’accendisigari della jeep.

ALTRO: L’ordine di visite ed escursioni in ciascuna località può essere soggetto a variazioni per motivi di opportunità contingenti, senza compromettere le peculiarità del viaggio. Alcune modeste variazioni potranno essere realizzate dall’organizzazione, se ritenuto necessario e nell’interesse del gruppo per ragioni tecnico operative. I tempi di percorrenza riportati nel programma sono indicativi e dipendono da traffico/condizioni delle strade (subordinato al clima in itinere). Nella zona dell'Omo River si percorrono piste, spesso in pessime condizioni, che in caso di pioggia si trasformano in torrenti fangosi. Si consiglia pertanto ottimo spirito di adattamento per il tragitto e flessibilità a possibili variazioni d’itinerario.

MEZZI DI TRASPORTO: si utilizzano fuoristrada 4x4 in ottime condizioni con A/C. Possibilità di 4 partecipanti più driver per ogni mezzo, dipende dal numero dei partecipanti. I bagagli sono quasi sempre caricati sopra il mezzo di trasporto.

TELEFONIA: Per telefonare dall’Italia in Etiopia, comporre lo 00251 + identificativo delle città + il numero dell’abbonato. Per chiamare l'Italia dall’Etiopia, comporre lo 0039 + numero dell’abbonato. Telefoni cellulari: la rete cellulare copre l’area della capitale Addis Abeba e i principali centri urbani ed è in fase di ampliamento in molte aree rurali. Ci sono regioni, dove la copertura è spesso assente. Consigliamo di contattare il proprio gestore per maggiori informazioni sugli accordi di roaming internazionale.

ABBIGLIAMENTO/BAGAGLIO: Vestiti leggeri per il giorno, una giacca a vento/K-Way e una felpa sempre comodi per la sera, occhiali da sole, berretto per il sole e Bandana/sciarpa per la polvere, scarpe comode da camminata, sandali o ciabatte (utilizzabili anche per la doccia). Usare preferibilmente borse/sacche morbide.

ATTREZZATURA: Fotocopia del passaporto + 4 fototessera di ricambio (utili nel caso il cui il passaporto si dovesse smarrire o venire rubato, marsupio interno (per tenere soldi e documenti), Zainetto (per utilizzi quotidiani), Occhiali da sole, Crema protettiva solare (labbra e pelle), Borraccia, Lampada frontale (con sostituzione batterie e lampadine), Zampironi, repellenti spry antizanzare (con Deep almeno 50%), sacco lenzuolo, asciugamani, salviette umide, amuchina gel mani, necessario da toletta.

CINE/FOTO: Si consiglia di munirsi di una adeguata scorta di materiale fotografico dall’Italia. Portare con sè le batterie di ricambio, le schede digitali necessarie per l’intero viaggio, caricabatterie e l’occorrente per pulire macchina ed obiettivi.

ACQUISTI: È possibile acquistare nei mercati dell’Omo River calebasse (zucche decorate), Borkota (poggiatesta) in legno, statuette e artigianato etnico scolpito in legno, piccoli gioielli e collanine/bracciali fatti con perline colorate, cavigliere, tessuti in lana/cotone, pettorali etnici, cestini in vimini. Nei negozi di Addis Abeba invece si trova l’artigianato tipico legato alla religione copta: preziose croci in argento e metallo, croci in pelle e argento o oro, icone dipinte su legno o tela, scrolls in pelle, Shamma in lana spesso decorati con bellissimi ricami, oltre all’immancabile caffè etiope.

(* ) Nota Bene: Anche se non richieste ufficialmente, a fine tappa dei vari percorsi stradali, le mance come ringraziamento da parte di autisti, staff e guide sono gradite.

L’AVVENTURA VI ATTENDE!

Mappa

ETIOPIA tribu remote

Recensioni

I POPOLI DELL'OMO RIVER

I POPOLI DELL’OMO RIVER E I BODI 5/17 FEB 2017 Buongiorno, tornato dal viaggio VALLE dell’OMO, Tutto bene, sopratutto l’esperienza di un viaggio di gruppo…in due!!! da invidia!!!! Ottima l’organizzazione: guida giovane ma esperta , forse troppo amante del suo Paese, ma è giusto che sia cosi!!! Driver eccellente, premuroso, sicuro, Nel momento di uno scoppio di un pneumatico, in una strada pianeggiante, asfaltata con una velocita sostenuta, ha saputo tranquillizzare, tenere con calma la guida senza creare problemi alcuno a noi e agli altri, pronto a sdraiarsi sull’asfalto a cambiare il pneumatico, senza problemi: GRANDE.- Per il resto, mentre per gli altri viaggi che ho fatto, veniva sempre consegnato un foglio con le opinioni del viaggio, stavolta non ho ricevuto nulla.- nei prossimi giorni, pero’, mi permetto fare qualche considerazione sul viaggio.- Grazie e saluti. Zacchi Orano
★★★★★
LUGLIO 2019 ETIOPIA: SURMA & DONGA SUD/OVEST
Ringrazio vivamente ..anche per il bellissimo viaggio fatto con voi nella valle dell’OMO ..e’ stato magnifico
Maddalena
★★★★★

Travel experts