UZBEKISTAN & KARAKALPAKSTAN

LA VIA DI MARCO POLO


DAL 2 AL 12 LUGLIO 2021


4 133 ok copertina


IN 10 GIORNI/8 NOTTI


  • IMPEGNO FACILE/MEDIO
  • DURATA 10 GIORNI
  • VIAGGIO CULTURALE, NATURALISTICO, ETNICO, UNESCO WORLD HERITAGE, TURISMO ESPERIENZIALE, PHOTO EXPERT
  • GUIDA LOCALE IN LINGUA ITALIANA

L’itinerario ripercorre un ramo della leggendaria Via della Seta, il fascio di strade che univa Pechino al Mar Mediterraneo, il più importante canale di transito dei commerci tra la Cina e il mondo occidentale, percorso da Marco Polo dal 1271 al 1289. Nella sua porzione occidentale, gli itinerari furono molti e variabili a seconda delle condizioni storico-economiche dei Paesi che ne erano attraversati. Il tratto da Tashkent a Khiva apre una finestra sulla condizione dell’Uzbekistan, il più ricco di storia fra tutte le repubbliche dell’Asia Centrale, situato nell’antica culla formata dai fiumi Amu-Darya e Syr-Darya. Include le principali attrattive uzbeke, patrimonio Unesco: Khiva, città-museo, raccolta all’interno della cinta di mura e considerata la più bella città del paese; Bukhara, città-antica, i cui palazzi e caravanserragli nascosti ricordano gli importanti commerci del passato; Shakhrisabz, città natale di Tamerlano, con le imponenti rovine del Palazzo Bianco; Samarkanda, città-leggenda, dove si respira l’atmosfera grandiosa della Via della Seta e si rimane incantati davanti alle splendide moschee del Registan. Include ancora un pizzico di originalità con la visita delle suggestive rovine delle fortezze dell’antica Corasmia, del lago di Aydarkul, uno dei principali laghi nel deserto uzbeko – con il villaggio con yurte Yangigazgan dove vivono nomadi kazaki – e del Karakalpakstan, dove il “cimitero delle navi” di Muinak  ricorda la graduale scomparsa del lago d’Aral, vittima di uno dei più gravi disastri ambientali provocati dall’uomo.


ITINERARIO SINTETICO

  1. Italia – Volo Internazionale per Istanbul
  2. Istanbul  – Volo per Tashkent – Tashkent City Tour
  3. Tashkent – Volo per Nukus – Muzdakhan – Muinak – Nukus
  4. Nukus – Castelli della Corasmia – Khiva
  5. Khiva City Tour
  6. Khiva – Mausoleo Sufi – Bhukara
  7. Bhukara City Tour
  8. Bhukara  – Nurata – Lago Aydarkul
  9. Lago Aydarkul – Shakrisabtz – Samarcanda
  10. Samarcanda City Tour – treno per Tashkent
  11. Tashkent – Volo Internazionale per Istanbul e l’Italia

PROGRAMMA: UZBEKISTAN

FB = FULLBOARD – PENSIONE COMPLETA


NOTA – Alcune variazioni nel programma potranno essere realizzate dalla organizzazione, se ritenuto necessario e nell’interesse del gruppo per ragioni tecnico operative e di sicurezza o per il clima o traffico/condizione stradale. I tempi di percorrenza riportati nel programma sono indicativi e dipendono da queste.


1° GIORNO: VENERDI’ 2 LUGLIO 2021: ITALIA – ISTANBUL  AEREO

Partenza dall’aeroporto della città italiana di origine, disbrigo delle formalità doganali ed imbarco sul volo di linea per Istanbul con pasto a bordo.


2° GIORNO: SABATO 3 LUGLIO 2021: ISTANBUL – TASHKENT CITY TOUR AEREO, MINIVAN (FB)

Dopo cambio aeromobile è il reimbarco con volo di linea per Tashkent. Arrivo al mattino presto nella capitale uzbeka, dove espletate la formalità burocratiche di ingresso, è l’incontro con la guida locale parlante italiano. Trasferimento e sistemazione in albergo. Dopo la Prima Colazione è previsto del tempo per il riposo dopo il volo. Tashkent, la capitale dell’Uzbekistan è una città moderna di 2,5 milioni di abitanti, la città ancora più “sovietica” del Paese, che sorge sulla Via della Seta che correva tra Europa e Asia. Il nome della città è mutato più volte: sotto la dominazione cinese della Dinastia Han era chiamata Beitan. Più tardi cambiò il nome in Chachkand, che divenne poi Taškand e quindi Taskhent. Ha origini molto antiche, poiché fu fondata dagli Arabi nel 750 come oasi sul fiume Circik e Keles. Per molto tempo fu controllata dalle popolazioni nomadi del Turkestan, finché non fu occupata dai Cinesi. Nel 1219 la città fu distrutta da Gengis Khan, per poi essere ricostruita alcuni anni dopo. Nel 1809 la città verrà annessa al Khanato di Kokand, di cui fece parte fino al 1865, anno in cui venne annessa all’Impero russo. Nel 1889 fu collegata al resto della Russia con la costruzione della ferrovia transcaspica. Visita della più grande metropoli dell’Asia Centrale. La madrassa Kukeldash è uno dei pochi monumenti di Tashkent anteriori al periodo sovietico. Fu costruita nella seconda metà del XVI secolo. La sua scuola coranica è di nuovo in funzione dopo la proclamazione d’indipendenza dell’Uzbekistan. All’interno del Complesso Hazrati Imam sono il Mausoleo Kaffal Shoshi (dedicato all’omonimo studioso islamico, che contiene la tomba del poeta e quella di altre personalità tra cui tre sceicchi) e la madrassa Barak Khan, che ospita l’Ente Religioso Islamico dell’Asia Centrale. Interessante è la piccola moschea Jami (del Venerdì), risalente al XV secolo, dove un tempo si giustiziavano le mogli infedeli, e che poi, in epoca sovietica, ospitò una fabbrica di lamiere. Di recente la moschea e stata riaperta al pubblico. Il bazar Chorsu è un enorme mercato all’aperto, frequentato da una moltitudine di gente proveniente dalle campagne circostanti, che in genere indossa costumi tradizionali. La mancanza di edifici antichi in questa città è compensata dalla presenza di grandi musei come il Museo di Arti Applicate, inaugurato nel 1937 come vetrina per le arti applicate di fine secolo, ma è l’edificio in se, progettato secondo lo stile tradizionale di Tashkent, a risultare quasi più interessante dei suoi stessi contenuti. Dopo la piazza Amir Temur, la piazza dell’Indipendenza, il teatro Alisher Navoi, il tour si conclude con la bellissima metropolitana di Tashkent, di cui ogni fermata è decorata in vari temi. Rientro in albergo con cena e pernottamento.


3° GIORNO: DOMENICA 4 LUGLIO 2021: TASHKENT – NUKUS – MIZDAKHAN – MUINAK – NUKUS  KARAKALPAKSTAN AEREO, MINIVAN  (FB)

Trasferimento in aeroporto per il volo domestico Uzbekistan Airways  HY-11 Tashkent – Nukus (07:25 – 09:05). Arrivo a Nukus, la capitale amministrativa e dimenticata della Repubblica Autonoma del Karakalpakstan, situata nel nord ovest del paese, posto sconosciuto e desolato al confine tra il deserto nero (Kara-Kum), il deserto rosso (Kyzyl- Kum) e il deserto bianco. Con i suoi 160.000 km, un terzo della superficie dell’Uzbekistan, il Karakalpakstan è abitato approssimativamente da 1.300.0000 abitanti, di cui circa 400.000 karakalpaki. Le origini di questo popolo, letteralmente gli “uomini dal cappello nero”, vanno ricercate nelle steppe del Kazakistan, a nord del lago d’Aral. Una tribù nomade di pastori e pescatori, dai tratti vagamente mongoli, che parlano una lingua più simile al kazako che all’uzbeko. Il Karakalpakstan è tristemente famoso per essere la regione in cui si è innescato e si sta ancora sviluppando uno dei più impressionanti disastri ambientali prodotti dall’uomo: la graduale scomparsa del lago d’Aral a causa dei programmi di irrigazione sovietici che sottrassero acqua ai suoi immissari, il Syr Darya e l’Amu Darya (l’antico Oxus attraversato da Alessandro Magno). L’evento è stato tra l’altro definito dal politico statunitense Al Gore, nel suo libro “Earth in the balance” come il più grave nella storia dell’umanità. Trasferimento per la visita del complesso architettonico delle rovine del XIV secolo “Mizdakhan”, un tempo la seconda città della Corasmia, un luogo rimasto sacro anche dopo la distruzione ad opera di Tamerlano. La principale attrattiva del sito è una collina cosparsa di moschee e mausolei, alcuni in rovina, altri intatti. Il più imponente è il restaurato Mausoleo di Mazium Khan Slu (XII-XIV secolo). La strada corre lungo il fondo asciutto del lago d’Aral per raggiungere Muinak (Moinok), dove si può visitare il cosiddetto “cimitero delle navi”, l’ex porto insabbiato dove si trovano le navi abbandonate. Benché ancor oggi l’Uzbekistan è uno dei maggiori produttori di cotone (c’è una specie di servizio di leva nel periodo della raccolta, tutto il paese viene mobilitato), buona parte del paese è diventato desertico e la zona intorno a ciò che rimane del lago Aral ha una salinità così elevata da impedire alla vegetazione di crescere, tranne pochi arbusti e qualche serpente nulla vive più in quello che era il lago e le polveri tossiche si spargono ovunque grazie alle frequenti tempeste di sabbia. Prima Muinak era uno di due porti di pesca principali del lago Aral, ora si trova a 40 chilometri dalla costa. Tutto che è rimasto della flotta di pesca “Muinak” ora sta arrugginendo nella sabbia vicino ai bacini. Dopo il ritiro della acque del lago d’Aral è cambiato il clima, diventando più caldo in estate e freddo in inverno. Si visitano  la casa dei pescatori, il Museo della Storia Locale e il Museo della Storia del Lago Aral, dove si possono vedere alcuni manufatti interessanti della storia di Aral. Rientro a Nukus con cena e pernottamento.


4° GIORNO: LUNEDI’ 5 LUGLIO 2021: NUKUS – (ELLIK QALA/CASTELLI DELLA CORASMIA) AYAZ QALA – TOPRAK QALA – KHIVA KARAKALPAKSTAN & CORASMIA MINIVAN  (FB)

Nukus è sede del Museo Statale di Arte della Repubblica del Karakalpakistan, oggi intitolato al suo fondatore, Igor Savitskiy. Il museo d’avanguardia russa ospita una straordinaria collezione di arte moderna russa e uzbeka del periodo 1918-1935, chiamato come “Il Louvre delle Steppe”.  Partenza verso sud lungo il confine con il Turkmenistan, che corre in prossimità del fiume Amu Darya. Si attraversa il cuore di quello che un tempo fu lo stato di Corasmia (che comprendeva anche parti dell’odierno Turkmenistan settentrionale), situato lungo un ramo della Via della Seta, per migliaia di anni un’importante crocevia di civiltà in mezzo ai deserti dell’Asia centrale. A nord-est di Khiva si trovano ancora le rovine di molte città e fortezze corasmiane, alcune delle quali risalenti a ben più di 2000 anni fa. Il nome tradizionale di questa zona è Elliq Qala, “Cinquanta Fortezze” in lingua locale. Lungo il percorso si visitano le rovine di Toprak Qala e Ayaz Qala, veri castelli  nel deserto, spettacolo straordinario in un’area delimitata dalla catena del Sultan Uvays. Si raggiunge Ayaz-Qala, la fortezza più famosa e imponente (in realtà, si tratta di un complesso di tre fortezze dalle pareti di fango una vicina all’altra, che conobbe il suo periodo di maggiore splendore nel VI e VII secolo ); dalla cima spazzata dal vento si gode un panorama infinito sulla steppa desertica dove vi sono cammelli sparsi qua e là. Ci si sposta poi a Toprak-Qala, ancora più bella, soprattutto nei resti degli spazi interni, circondata da terre con residui di sale, probabilmente retaggi di antichi invasi di acqua salata, un complesso, che comprende anche un tempio, appartenuto ai governatori della Corasmia che nel III e IV secolo erano a guardia dei confini. Nel tardo pomeriggio è l’arrivo a Khiva, che si delinea con le scintillanti cupole color turchese, le torri e i minareti, circondata da pianeggianti distese desertiche. Cena e pernottamento.


5° GIORNO: MARTEDI’ 6 LUGLIO 2021: KHIVA CITY TOUR  MINIVAN (FB)

La città fu capitale del Khanato di Khiva (in uzbeko “Xiva Xonligi”), uno stato dell’Asia centrale esistito nel centro della regione della Corasmia dal 1511 al 1920. È stato fondato e governato dai Kungrads, una tribù turco-uzbeka proveniente da Astrachan e i capi di stato, detti Khan, discendevano per via patrilineare dalla dinastia Gengiskhanide. Nel 1873 divenne un protettorato dell’Impero russo e, in seguito agli eventi della guerra civile russa cessò di esistere nel 1920, quando il Khanato fu abolito e sostituito dalla Repubblica Sovietica Popolare di Corasmia e in seguito annesso all’Unione Sovietica. Il suo territorio è in gran parte diviso tra il Karakalpakstan e la regione del Xorazm (Corasmia) nell’attuale Uzbekistan. La sua storia evoca immagini di carovane di schiavi, crudeltà barbariche e terribili viaggi attraverso deserti e steppe infestati da tribù selvagge ed è intessuta di lotte con il vicino casato rivale di Bukhara, con la Persia e nell’ultima fase con la Russia. Si entra nel centro storico di Khiva “Ichon-Qala” per la porta Koch-Darwaz e ci si trova in una città museo disabitata ma integra. Nella citta’ della antica Khiva, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, racchiusa da un perimetro rettangolare costituito da alte mura di mattoni, sono concentrati i principali monumenti storici. L’intera giornata è dedicata alla sua visita: la Madrassa, il Bazar e il Caravanserraglio di Alloquli Khan, alcuni degli edifici più interessanti della città, fatti edificare dal “khan costruttore” tra il 1830 e il 1850. Il compatto e affascinante centro storico, il più intatto in assoluto tra i centri della Via della Seta, enumera diversi monumenti del XVII-XIX secolo: il complesso Ichon Qala, la Fortezza Kunya Ark (vecchia fortezza – la città dentro la città separata dall’Ichon Qala da un alto muro fortificato), che include Kurinish Khana (XVII sec) con l’harem, le vecchie prigioni, la zecca, le scuderie, l’arsenale, le caserme, e la moschea; la Scuola Coranica di Amin Khan, la bellissima Moschea Juma, costruita nel X secolo e restaurata nel XVIII secolo. Il tour prosegue con la madrassa di Mukhammed-Amin-Khan del XIX secolo, il minaretto di Islam Khodja; il Complesso di Palvan-Kari, la madrassa di Mukhammad Rakim Khan (XIX sec), la Madrassa di Amir-Tur, il mausoleo di Sho-I-Kalandar Bobo e il tozzo Minareto Kalta Minor, rivestito di maioliche turchesi. Una sosta pranzo, accompagnato dal pane tradizionale, precede il proseguimento del tour: la madrassa di Mazary Sharif, il pozzo di Kheivak (X sec), il mausoleo di Uch Avlioli (“tre santi di Khiva”), la madrassa di Kutluq-Murad Inaq (XIX sec), il mausoleo di Pakhlavan Makhmud (il poeta, filosofo e leggendario lottatore che divenne il santo patrono della città), il palazzo di Tash Khauli (“casa di Pietra”), dove si trovano le decorazioni più sontuose di Khiva), le madrasse Alla-Kuli-Khan (XVII sec) e Arab Mohammed Khan (XVII sec). Segue la cena, accompagnata da uno spettacolo folcloristico con balli tradizionali e il pernottamento.

NB = Su richiesta è possibile assistere ad uno Spettacolo di Funamboli “Darboz” (10 US$ per persona). I funamboli sono acrobati, di solito vestiti con costumi tradizionali nazionali, o con colori vivaci, o con una camicia bianca e pantaloni harem neri infilati in stivali di pelle morbida. I “Darboz” non usano assicurarsi con reti protettive, mentre l’altezza delle corde su cui avanzano in equilibrio va dai 4-5 m ai 50 m.


6° GIORNO: MERCOLEDI’ 7 LUGLIO 2021: KHIVA – MAUSOLEO SUFI – BUKHARA MINIVAN (FB)

Trasferimento a Bukhara, in direzione sud-est, attraverso i deserti del Kyzyl-Kum (sabbia rossa) e del Kara-Kum (sabbia  nera), che insieme formano il quarto deserto del mondo per estensione. L’itinerario richiede dalle 6 alle 8 ore con pranzo al sacco. Sosta fotografica sulla riva del fiume Amu Darya (l’antico Oxus), che scorre tra i due deserti segnando il confine tra Uzbekistan e Turkmenistan e andando infine a morire nell’agonizzante Lago d’Aral. Arrivo in serata a Bukhara, alla cui periferia si raggiunge il Mausoleo Sufi di Baha-ud-Din Naqshband Bukhari Naqshbandi, un luogo molto suggestivo all’ombra dei gelsi con tombe decorate in maiolica. Il complesso commemorativo, noto come il centro dell’ordine Naqshbandia, un importante ordine sunnita del sufismo, prende nome dall’omonimo santo a cui è dedicato. Khazreti Muhammed Bakhauddin Naqshbandi (1318-1389) nacque pochi chilometri dal complesso nella cittadina di Kasri Orifon “il castello dei conoscenti della verità divina” in una famiglia di fabbri, da cui deriva il nome Naqshbandi (ferrobattitori). Entrò presto a far parte del gruppo di Sufi seguaci di Sheyk Abdul Khaliq Gijduvani (1103-1179), maestro reale di corte di dinastia turca. I suoi 11 principi di condotta erano basati su rinuncia al potere, purezza spirituale, rinuncia alla ostentazione e cerimonialità. Il sito è permeato geometricamente dal numero sacro sette per i Sufi ed è meta di  pellegrinaggio per i Sufi di tutto il mondo e dell’Islam storico. Rientro a Bukhara con cena presso la Casa di Davlat Toshev, famoso artista e miniaturista uzbeko (che per l’occasione apre le porte del suo laboratorio), dove si assiste alla preparazione di un piatto nazionale, servito in casa dell’artista. Pernottamento.


7° GIORNO: GIOVEDI’ 8 LUGLIO 2021: BUKHARA CITY TOUR MINIVAN (FB)

Giornata dedicata alla visita di Bukhara, la città della poesia e della fiaba. E’ situata in un’oasi del deserto Kizil-Kum a est dell’Amu Darya, sul corso inferiore del fiume Zeravshan. Centro antichissimo, deriva la sua importanza dalla posizione geografica, punto d’incrocio delle vie carovaniere che collegavano l’Arabia all’India e all’antico Catai. È una delle più antiche città del mondo, la sua storia data la fondazione a oltre 2500 anni ed è uno degli insediamenti più antichi nell’Asia Centrale. Oggi Bukhara è uno dei maggiori centri dell’industria e dell’economia e la maggiore città dell’Asia Centrale. E’ giudizio unanime dei turisti che visitano l’Uzbekistan che Bukhara sia più bella di Samarcanda. Probabilmente questo giudizio deriva dal fatto che Bukhara, contrariamente a Samarcanda, si è conservata meglio nel quartiere storico. Piazza Registan  è il “luogo sabbioso” dove dal XV secolo fino ai primi decenni del XX i cittadini erano soliti riunirsi per affari, istruzioni, preghiere. E’ dominata dal Minareto Kalyan “Grande”, simbolo della città, alto ben 47 metri del XII sec e costruito accanto alla Moschea Kalyan, all’interno del complesso religioso islamico Poi-Kalyan. Al suo interno è ubicata anche la Madrassa Mir-i Arab (1535-1536), la cui costruzione è attribuita allo sceicco Abdullah Yamani, originario dello Yemen. Vicino alla moschea Kalyan si trovano le cupole “Taqi” dei mercati, di cui oggi ne restano tre, destinati soprattutto ai turisti. Sono tutti in ambienti coperti e sormontati da cupole “Taqi” con i tetti progettati per convogliare all’interno l’aria fresca e costruiti quando la città divenne capitale sotto la dinastia degli Shaybanidi, diventando punto di scambio di merci lungo la Via della Seta. A est della piazza Registan è la Madrassa di Ulugh Begh (1417), la più antica scuola coranica di Bukhara fondata da Ulugh Begh (1393-1449), il grande principe, nipote di Tamerlano. Tuttavia, solo una delle strutture del Registan è sopravvissuta nel presente. È il complesso di Bolo Khauz “Riserva dei bambini” (1712) con Moschea all’aperto e piccolo minareto davanti alla vasca, che fu luogo di culto ufficiale dell’emiro. Al suo interno è la Madrassa Abdoull Aziz Khan del XVII secolo, patrimonio dell’Umanità. Lyabi-Hauz è la piazza principale urbana, costruita attorno ad una vasca nel 1620. Nel XX secolo nel giardino davanti alla Madrassa trovò posto il monumento del leggendario personaggio popolare Khodja Nasreddin. A est della statua è la Madrassa Nodir Devan Beghi (1622), costruita come caravanserraglio diventando poi Madrassa nel 1622 per volere del khan. Questo edificio mostra la particolarità di una rappresentazione di motivi animali sulla facciata, con uno stupendo mosaico che mostra i due uccelli mitici “Simurg”, due agnelli e un sole dal volto umano. Al suo interno è previsto uno spettacolo folcloristico. A nord è la Madrassa Kukeldash (1568-1569), il più antico e grande complesso di Lyabi Hauz. A Bukhara si trova una delle più antiche moschee dell’Asia Centrale, la moschea Magoki-Attari (X-XII-XVI secolo), che sorge sulle rovine di un tempio zoroastriano del V secolo. Si prosegue nella visita della cittadella dell’Ark (XVIII-XIX secolo), una città regale nella città, centro dell’organizzazione statale di Bukhara. Il mausoleo dei Samanidi (X secolo) fu costruito nel periodo di Ismail Samani (892-907) e divenne sepolcro familiare dei Samanidi. Nei suoi pressi il mausoleo Chashma-Ayub con un pozzo la cui l’acqua è ancora pura ed è considerata salutare. L’attuale edificio fu costruito durante il regno di Timur e dispone di uno stile di Khwarazm a cupola conica, poco comune a Bukhara. L’adiacente mercato locale, invita ad un giro, prima di raggiungere la piccola iconica madrassa Char Minar (dalla lingua persiana “quattro minareti”), edificio storico costruito nel 1807 con i fondi del ricco mercante turcomanno, Khalif Khoudoïd, e noto per le 4 torri con cupole azzurre che ricordano la forma dei minareti. Al termine cena e pernottamento.

NB = Su richiesta è possibile assistere ad uno Spettacolo di Marionette a Bukhara (10 US$ per persona). I visitatori possono vedere una mostra di bambole nazionali uzbeke, abilmente realizzate in cartapesta. C’è anche un negozio di souvenir, dove si può acquistare la bambola preferita in ricordo del viaggio e del gradimento del paese.


8° GIORNO: VENERDI’ 9 LUGLIO 2021: BUKHARA –  NURATA –  LAGO AYDARKUL  MINIVAN (FB)

Partenza per l’area del Lago Aydarkulcon una sosta presso la città di Nurata (190 km) nella regione di Navoiy. Qualcuno crede, che  un tempo ci fosse un villaggio  con lo stesso nome, fondato dai Persiani Sunniti, altri sostengono che il suo nome derivi dalla fortezza Nur, che qui fondò  Alessandro Magno. Il complesso di Nurata comprende due moschee: la Moschea Juma con 40 colonne alla base, che è completamente insolita dell’architettura classica uzbeka, e la Moschea Namazgokh, vecchia di 11 secoli, ma la cosa più sorprendente è che il suo tetto è coronato da 25 cupole, cosa estremamente rara negli edifici religiosi. Vicino alla Moschea Juma c’è una fonte di acqua curativa e sacra “Chashma”, abitata dai pesci marinka (pesci della famiglia delle trote). Si ritiene che quest’acqua abbia proprietà miracolose: guarisce malattie, aiuta nel lavoro e dà la forza. Con l’apparizione della fonte, i residenti locali hanno memoria di una leggenda, secondo cui migliaia di anni fa, i viaggiatori vagavano nel deserto, soffrendo di fame e sete. E una notte, perdendo  la testa per la stanchezza, pregarono il cielo per chiedere l’aiuto. Le loro preghiere furono ascoltate, un meteorite cadde dal cielo e illuminò i cieli con il fuoco per 100 giorni. Come risultato della caduta del meteorite, si formò un cratere e apparve una sorgente sacra, la cui acqua ha proprietà curative. Si prosegue sulla strada per il Lago Aydarkul, nei cui pressi è il villaggio Yangigazgan di berberi kazhaki situato nel deserto Kyzyl Kum. Arrivo al campo con sistemazione in yurta (tipico accampamento mobile, adottato da molti popoli nomadi dell’Asia tra cui mongoli) e pranzo. Le yurte sono di proprietà di cooperative di famiglie che si occupano anche dell’allevamento di cammelli e capre. I pasti sono preparati da membri della cooperativa in spartane cucine tradizionali. Proseguimento alla scoperta del Lago Aydarkul (10 km), un grande lago in mezzo al deserto apparso negli anni 70 all’epoca sovietica con la disfatta della diga del fiume Sir Darya con possibilità di fare una passeggiata, conoscere flora e fauna del villaggio e camminare sul dorso dei cammelli. In serata cena vicino al fuoco del campo, con canti popolari “akin” folcloristici dei nomadi. Notte sotto la yurta.


9° GIORNO: SABATO 10 LUGLIO 2021 : LAGO AYDARKUL – SHAKRISABTZ – SAMARCANDA  MINIVAN (FB)

Partenza molto presto per Shakhrisabz (377 km, circa 5 ore 30 minuti), una piacevole e tranquilla cittadina uzbeka, città natale di Tamerlano. Timur detto “Lo Zoppo” nacque il 9 Aprile del 1336 nel villaggio di Hoja Ilghar, 13 km a sud, appartenente al clan di Barlas, l’aristocrazia locale. Shakhrisabz, che allora si chiamava Kesh, era una specie di feudo di famiglia. Quando salì al potere, Tamerlano le diede il nome attuale, che in tajiko significa “città verde” e la trasformò in una grande città monumentale. La sosta pranzo a Shakrisabtz può avvenire in ritardo, dipendendo dall’orario di arrivo. Si visitano le rovine del Palazzo Ak-Saray, il “Palazzo Bianco”, di cui Tamerlano ordinò la costruzione nel XIV secolo per farne una residenza estiva nella sua città natale. All’epoca, Ak-Saray era il palazzo più alto dell’Asia centrale e tra i più alti al mondo. Toccava i 56 metri e le torri arrivavano a 72 metri di altezza”, ma oggi è in rovina e rimane un enorme portale. Si prosegue il tour con le visite: Complesso Dorus Siodat che include il Mausoleo di Jahangir (1377), primo figlio di Amir Timur e suo erede morto all’età di 22 anni dopo una fatale caduta da cavallo. Il Complesso Dorut Tilovat include il Mausoleo di Shayh Shamsatdin Kulol (1374), tutore spirituale e padre di Tamerlano; la Moschea Kuk Gumbaz (1435), con la cupola blu costruita per i pellegrini ed i sufi per ordine di Mirzo Ulugbek, nipote prediletto di Tamerlano. Si prosegue in serata per Samarcanda (Marakanda per i greci), uno degli insediamenti più antichi dell’Asia Centrale, fondata nel V secolo a.C.. Capitale della Sogdiana, fu conquistata nel 329 a.C. da Alessandro Magno, il quale disse: “Tutto quello che ho udito di Marakanda è vero, tranne il fatto che è più bella di quanto immaginassi”. Cena in una casa tradizionale con la preparazione del piatto nazionale “plov” e pernottamento.

NB = Su richiesta è possibile assistere ad uno Spettacolo con la dimostrazione dei costumi tradizionali “El Merosi” (15 US$ per persona). L’insolito spettacolo culturale ed etnografico “El Merosi” nel teatro dei costumi storici completerà perfettamente il programma di escursioni a Samarcanda. Durante lo spettacolo, gli artisti indossano i costumi di varie epoche storiche dell’Uzbekistan dall’età del bronzo ai giorni nostri.


10° GIORNO: DOMENICA 11 LUGLIO 2021: SAMARCANDA CITY TOUR – PARTENZA PER TASHKENT  MINIVAN, TRENO (FB)

La definizione migliore per Samarcanda, con i suoi 2750 anni di storia, è “Crocevia di culture”. Per il fatto di essere situata sulla Via della Seta, fu per secoli una delle città più prospere del mondo, oggi tutelata dall’UNESCO per l’alta concentrazione di capolavori d’arte islamica che conserva. La storia di Samarcanda inizia nella notte dei tempi. Dai documenti storici risulta che Alessandro Magno la conquistò nel 329 a.C., a quel tempo si chiamava Marakanda, ed era una città-oasi nella valle del fiume Zeravšan. Un centro dove non mancava la ricchezza, dove avevano luogo fiorenti commerci e attività artigianali. Dal I secolo a.C. in poi la Via della Seta divenne la strada che collegava la Cina con il Mediterraneo e Samarcanda si trovò in posizione strategica non solo dal punto di vista commerciale, ma anche culturale. Contesa e conquistata da varie successive potenze (cinesi, arabi, Samanidi, turchi Selgiuchidi), nel 1220 fu distrutta dalle orde di Gengis Khan. Ma nella seconda parte del XIV° secolo il sovrano mongolo Tamerlano fece proprio di Samarcanda la capitale del suo vastissimo impero e la rese straordinariamente fastosa dal punto di vista architettonico. Per 35 anni la città fu ricostruita e piena di cantieri con artigiani e architetti da tutto l’Impero. Il nipote di Tamerlano, Ulugh Begh, eccellente astronomo, governò il paese e la città per 40 anni, proseguendo l’opera artistica e costruendo varie scuole dedite alla matematica e all’astronomia. Nel XVI secolo gli Shaybanidi uzbeki presero il potere e trasferirono la capitala a Bukhara, dando inizio al declino di Samarcanda. Quando però arrivarono i russi, la città fu collegata dalla ferrovia al resto dell’impero, e fu proclamata capitale dell’Uzbekistan fino al 1930, anno in cui Tashkent la sostituì in questo ruolo. Si visitano la piazza Registan (in tagiko “ luogo sabbioso”), che in epoca medievale doveva essere il centro commerciale della città e interamente occupata dai bazar, ed ospita le tre Madrasse (madrassa Ulughbek del 1420, madrassa Sher Dor del 1636 e la Tilla Kari rivestita d’oro del 1660). Il complesso monumentale è uno dei luoghi più belli dell’Asia centrale, un trionfo di maioliche, ceramiche azzurre e spazi armoniosi. Peculiari le decorazioni sopra l’arcata di ingresso della madrassa Sher Dor, dove è presente il simbolo araldico del khanato: due tigri rincorrono un cucciolo di cervo. Sul dorso delle fiere sono disegnati due soli nascenti antropomorfi. Questo emblema dà il nome alla Madrassa; Sher-Dor significa “Avente le tigri”. La riproduzione di esseri viventi negli ambienti sacri islamici è notoriamente proibita dalla religione musulmana e questa di Sher Dor rappresenta una eccezione. La vicinanza della Cina e l’influenza dell’arte orientale nel tempo introdussero nell’iconografia islamica figure di animali favolosi, che per i musulmani non avevano significati simbolici, ma puramente decorativi. La piazza e gli edifici furono oggetto di un restauro accurato iniziato nel 1994, in occasione del 600° anniversario della nascita di Ulugh Begh. Infine sosta al Mausoleo di Tamerlano ( Gur-e – Amir ), costruito per ordine di Tamerlano per suo nipote Mukhammad Sultan, morto nel 1403, che conserva le spoglie del sultano e della sua famiglia. E’ del 14° sec la Moschea di Bibi Khanum tutta blu e turchese, la più grande Moschea dell’Asia Centrale. La leggenda narra che l’edificio fu realizzato più di 600 anni fa su ordine della prima moglie mongola di Temerlano, mentre quest’ultimo era in guerra, da qui il nome Bibi-Khanym “la moglie più vecchia”. Sulla sua costruzione sono nate diverse leggende e una di queste la lega alla nascita del chador. Al centro del cortile, si trova il leggìo di pietra dove un tempo giaceva il più antico Corano del mondo, rilegato in oro e pesante circa 300 chili. Il mercato orientale Siab Bazar è uno dei più grandi e più antichi mercati dell’Uzbekistan (vecchio più di duemila anni). Era uno dei crocevia più importanti della Grande Via della Seta”. Le persone arrivano da molto lontano pur di acquistare prodotti d’eccellenza, come spezie, cereali e verdure, o come il pane che qui viene prodotto con farine locali, seguendo i dettami di antiche lavorazioni. Si completa la visita di Samarcanda con il complesso di Shah-i-Zinda (che significa “il re vivente”), una necropoli nella parte nord-orientale della città e che comprende mausolei e altri edifici rituali del 9 ° e 19 ° secolo. In serata è il trasferimento alla stazione ferroviaria per il treno rapido “Afrosiab” in direzione Tashkent con partenza alle 18:00. All’arrivo alle 20:10 è trasferimento per la cena di arrivederci in Uzbekistan. Sarà possibile fare una doccia veloce, usufruendo di 2 camere in D-Use prima di raggiungere l’aeroporto.


11° GIORNO: LUNEDI’ 12 LUGLIO 2021: TASHKENT – ISTANBUL – ITALIA AEREO

Trasferimento all’aeroporto di Tashkent dove, espletate le formalità doganali in uscita, ci si imbarca su aeromobile per Istanbul da cui, dopo uno scalo tecnico, è previsto il reimbarco su un nuovo volo di rientro per le rispettive destinazioni italiane.

Fine dei servizi di Viaggi Tribali ” UZBEKISTAN & KARAKALPAKSTAN


Quota di partecipazione in camera doppia:

€ 1930.00 a persona


VIDEO 009


Con guida locale in lingua italiana


Le sistemazioni in corso di viaggio:

  • Tashkent : Shodlik Palace Hotel 4* o similare  – 1 notte
  • Nukus : Tashkent  Hotel 3* o similare  – 1 notte
  • Khiva : Shams Khiva Hotel 3* o similare  – 2 notti
  • Bukhara : Bibi Khanum Hotel 3* o similare  – 2 notti
  • Lago Aydarkul  : Yurt Camp  – 1 notte
  • Samarcanda: Arba Hotel 3* o similare  – 1 notte
  • Tashkent : Camere D-Use (ultima sera prima di partire per doccia veloce)

NB = I nomi delle sistemazioni DEFINITIVI saranno comunicate prima della partenza con Foglio Comunicazioni.


VOLI INDICATIVI COMPAGNIA TURKISH AIRLINES DA:                                                                                   

Milano Malpensa

  • TK1876 02JUL MXPIST 1955 2350
  • TK 368 03JUL ISTTAS 0055 0710
  • TK 371 12JUL TASIST 0235 0550
  • TK1873 12JUL ISTMXP 0740 0935

Venezia                                                                                                                                                             

  • TK1870 02JUL VCEIST 2025 2350
  • TK 368 03JUL ISTTAS 0055 0710
  • TK 371 12JUL TASIST 0235 0550
  • TK1867 12JUL ISTVCE 0655 0825

Bologna                                                                                                                                                   

  • TK1326 02JUL BLQIST 1900 2240
  • TK 368 03JUL ISTTAS 0055 0710
  • TK 371 12JUL TASIST 0235 0550
  • TK1321 12JUL ISTBLQ 0830 1010

Roma Fiumicino                                                                                                                                      

  • TK1864 02JUL FCOIST 1945 2330
  • TK 368 03JUL ISTTAS 0055 0710
  • TK 371 12JUL TASIST 0235 0550
  • TK1861 12JUL ISTFCO 0820 1000

Altri aeroporti su richiesta


Volo Interno UZBEKISTAN AIRWAYS

  • Tashkent – Nukus 4 Luglio HY-11 07:25 – 09:05

Condizioni Generali & Dettagli per Uzbekistan:

✤ Quota d’iscrizione: € 100 COMPRESA

✤ Tasse aeroportuali € 291.52 soggette a riconferma all’emissione del biglietto aereo ed eventuali supplementi carburante ESCLUSE

✤ Assicurazione medico bagaglio (con massimali fino a € 10.000) COMPRESA

✤ Supplemento assicurazione integrativa spese mediche da € 50 (con massimali da € 50.000) ESCLUSA

✤ Assicurazione annullamento da € 112 ESCLUSA

✤ Supplemento camera singola in albergo € 105 ESCLUSA

✤ Possibilità di richiesta Test PCR Covid negativo a 48/72 ore dalla partenza o su diversa indicazione

✤ Durata 10 giorni, 8 notti


LA QUOTA COMPRENDE:

  • Volo di linea internazionale in classe turistica
  • 1 Volo interno UZBEKISTAN AIRWAYS Tashkent – Nukus
  • 1 biglietto treno rapido AFROSIAB Samarcanda – Tashkent
  • Trasporto con autista in MINIVAN o MINIBUS con A/C
  • Pensione completa (compreso acqua e te a pasto)
  • Sistemazione in camere doppie in albergo
  • Sistemazione in Yurta (da 4 a 6 letti) presso il Lago Aydakul
  • Camere D-Use (ultima sera prima di partire per doccia veloce)
  • 1 lt di acqua minerale al giorno a persona
  • Ingresso a tutte le visite ed escursioni citate
  • Servizi di guida locale di lingua italiana
  • Accompagnatore dall’Italia da 10 partecipanti
  • Assicurazione medico/bagaglio base (massimali € 10.000)
  • Quota d’iscrizione € 100 inclusa
  • Iva

LA QUOTA NON COMPRENDE:

  • Tasse aeroportuali definibili solo al momento della stampa del biglietto
  • Pasti non menzionati da programma
  • Bevande extra (soft drink, birra, vino – indicativamente € 5 a pasto/pax)
  • Camera singola alberghi € 105
  • Yurta campo (supplemento letto singolo) € 45
  • Yurta campo (supplemento 2 letti) € 25
  • Escursioni ed attività facoltative
  • Assicurazione spese mediche integrativa
  • Assicurazione annullamento
  • Extra per fare fotografie e video nei monumenti storici (indicativamente 40 € per l’intero tour/pax da pagarsi in loco)
  • Spettacolo di funamboli a Khiva (su richiesta -10 US$ per persona da pagarsi in loco)
  • Spettacolo di marionette a Bukhara (su richiesta -10 US$ per persona da pagarsi in loco)
  • Spettacolo con la dimostrazione dei costumi tradizionali “El Merosi” (su richiesta -15 US$ per persona da pagarsi in loco)
  • Mance autisti, guida e staff; extra personali, servizio lavanderia
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”.
Programma Leggi tutto
Prenota il viaggio

UZBEKISTAN & KARAKALPAKSTAN

Stampa

VIAGGIO IN UZBEKISTAN CON L’ESPERTO

Durata
10 Giorni, 8 Notti
Quota per persona
1.930,00 
Prossime partenze
Dal 2 al 12 Luglio 2021
Data di partenza