NIGER 

TENERE’ E CAROVANE DI SALE


FESTIVAL DELL’AIR DI IFEROUANE E RITO DI POSSESSIONE BORI

DALL’ 11 AL 24 FEBBRAIO 2020


NIGER 1


Un paese con un deserto che sembra non avere mai fine e dalle tante sfaccettature. Dalle lunghe dune del Teneré alla Falesia di Tiguidit, dalle montagne dell’Aïr alle saline di Bilma e Fachi, cambiano i colori, le forme, gli sguardi nei quali si riflette la grande dignità di genti povere e fiere che tengono testa al deserto con tradizioni ancora vive


IMPEGNO: Medio con 1 volo aereo interno

TIPOLOGIA: tribale, culturale, naturalistico, photo expert


NIGER 10


CON ACCOMPAGNATORE DALL’ITALIA


“Tuttavia, abbiamo amato il deserto. All’inizio sembra fatto di nient’altro che di vuoto e silenzio; ma solo perché non si dà agli amanti di un giorno. Il deserto per noi era ciò che nasceva in noi. Ciò che noi apprendevamo su noi stessi”

Antoine de Saint-Exupéry


FOCUS DEL VIAGGIO

  • VIAGGIO NATURALISTICO Il deserto del Teneré (l’ultima propaggine dell’immenso Sahara) ora piatto ora con dune, spazi che sembrano non avere mai fine; il cratere di Arakao, anfiteatro di roccia nel deserto a forma di granchio; Adrar Madet, montagna rocciosa nel mezzo del deserto; saline di Bilma e Fachi, piccoli crateri di forma circolare
  • PHOTO Portrait, Street Life, Natura & Landscape, Travel Reportage, Animali
  • ANIMAL SPOTTING Addax (raro ungulato), gazzella dama, pecore Barbary, dromedari, ovini, asini, zebù, giraffe/Kourè
  • CULTURA Agadez patrimonio Unesco con il Palazzo del Sultano e la moschea; petroglifi Dabous Giraffes”; Niamey/museo; villaggi Tuareg dalle caratteristiche capanne a forma di zucca rovesciata; Dogondoutchi, granai degli Haussa a forma di uovo sormontato da un cappello di paglia; Birnin Konni/architettura rurale (tra cui i tradizionali granai)
  • ETNIE Tuareg dell’Aïr, Tuareg Kel Ferouane, Tubu del Kaouar, Haussa, nomadi Peul, Fulani, Djerma, Songhai, Maouri
  • FESTIVAL Iferouane Festival dell’Air, Cultura e Tradizione Tuareg
  • WAY OF LIFE, TRADITION & CUSTOM Tuareg fieramente avvolti nel taghelmoust e con la spada sul fianco; carovane di dromedari con il sale; Pani di sale di forma conica; l”Arbre du Ténéré”, l’albero del Teneré, una leggendaria acacia centenaria abbattuta da un camionista ubriaco nel 1973; Rito di Possessione Bori, danze “in trance” degli Haussa.

NIGER 9


PROGRAMMA DI VIAGGIO


1° GIORNO: MARTEDì 11 FEBBRAIO 2020: ITALIA – CASABLANCA – NIAMEY  VOLO

Ritrovo all’aeroporto di partenza. Disbrigo delle formalità di imbarco. Partenza con volo per Casablanca, da cui dopo un breve transito si riparte con nuovo aeromobile per Niamey con pasti a bordo. Espletate le pratiche doganali in arrivo, transfer in albergo.


2° GIORNO: MERCOLEDì 12 FEBBRAIO 2020: NIAMEY – AGADEZ   VOLO, JEEP

Trasferimento la mattina presto in aeroporto per il volo di linea Niger Airlines per Agadez. All’arrivo incontro con il Capo Spedizione di lingua italiana.  La città di Agadez, capitale dell’Aïr conosciuta come “la porta del deserto”, fu fondata nel 1300 circa. Dal 1449 divenne un sultanato ed ancora oggi questa figura dirige le varie controversie e questioni sottoposte al suo ordine. Le tribù Tuareg furono sedentarizzate nella città che divenne il loro centro più importante nonché crocevia del centro carovaniero e punto d’incontro tra le genti nomadi sahariane: i Tuareg dell’Aïr, i Tubu del Kaouar, le popolazioni sedentarie nere Haussa, che un tempo abitavano l’Aïr e attualmente sono stanziate nella savana a sud. Il centro cittadino, Patrimonio Unesco, ha mantenuto inalterato il suo fascino, con vari edifici interamente costruiti in mattoni di fango, tra cui il Palazzo del Sultano e la moschea fondata dal Sultano Yunus nel XV° secolo, con il minareto di forma piramidale allungata alto 27 metri, le cui pareti sono irte di grandi pioli, in perfetto “stile sudanese”. Nella città vecchia le case sono tutte costruite in “banco” impasto di argilla, sterco e paglia, con facciate talora decorate con motivi geometrici, talora dipinte. Negli anni ’80 Agadez era un centro per turisti e visitatori da tutto il mondo: erano gli anni della Parigi-Dakar e Bernardo Bertolucci la scelse per girare alcune scene del film “Il Tè nel Deserto”; il suo fascino è rimasto inalterato nel tempo e girare per il mercato immersi negli odori di spezie e profumi o nelle strette viuzze riporta indietro nel tempo. Sistemazione in Hotel in BB. Pranzo e Cena Liberi.

NB = il volo interno potrebbe transitare da Zinder, causando arrivo ad Agadez in ritardo (questo non è ancora certo al momento della stesura del programma). Se il volo sarà in orario si partirà subito per il nord, se in ritardo si partirà il giorno successivo. Se per problemi contingenti invece il volo non dovesse partire, viene garantito dal corrispondente il transfer sostitutivo via terra.


3° GIORNO: GIOVEDì 13 FEBBRAIO 2020: AGADEZ – GOUGARAM – IFEROUANE  JEEP

Partiamo in direzione nord lungo la “strada dell’uranio” in direzione di Gougaram, facendo una sosta a Dabous, dove su un pendio degradante ai primi contrafforti del Massiccio dell’ Aïr affiorano delle piccole rocce di arenaria, due petroglifi a grandezza naturale, noti come la giraffa Dabous. Le “Dabous Giraffes” sono un petroglifo neolitico di un artista sconosciuto, completato tra il 9000 aC e il 5000 aC, e documentato per la prima volta da David Coulson nel 1997 durante una spedizione fotografica.  Sono le più grandi sculture di animali conosciute al mondo: alte 20 piedi con una grande quantità di dettagli e rappresentano 2 giraffe, una è maschio, mentre l’altra più piccola è femmina. Durante il percorso che conduce ad Iferouane, entreremo quindi nel Massiccio dell’Aïr, regione tradizionalmente abitata dai Tuareg. Questo paesaggio di massicci che si estende a perdita d’occhio per 400 km di lunghezza a 250 di larghezza è uno dei più strabilianti di tutta l’Africa occidentale. Grazie alla vicinanza del Sahel, alcuni segni di vita sussistono qua e là, con capanne di Tuareg e alcune colture di grano, mais e miglio. La pista Gougaram-Iferouan nei primi 50 km è dura con attraversamenti ripidi e tortuosi; poi nella valle di Ouederen invece consente di procedere spediti e di incontrare molte famiglie di nomadi Tuareg con le mandrie (mentre essa nella stagione delle piogge è impraticabile), giungendo infine il villaggio di Iferouane. Anche qui gli orti sono fiorenti e offrono i necessari approvvigionamenti per chi intende attraversare il Ténéré. I locali Tuareg Kel Ferouane sono un gruppo misto di neri Bella e Haoussa dalle caratteristiche capanne a forma di zucca rovesciata, a cui si associano nuove costruzioni in argilla. Pranzi a pic-nic lungo il percorso. Cena e sistemazioni al campo. FB


4° e 5° GIORNi: VENERDì 14 e SABATO 15 FEBBRAIO 2020: IFEROUANE FESTIVAL DELL’AIR  JEEP

Durante i giorni di festeggiamenti che riuniranno centinaia di persone provenienti da tutto il Niger, dall’Algeria, Mali e Libia, ma soprattutto dai Tuareg, si metteranno in luce le particolarità e le bellezze della cultura dei nomadi sahariani. Tra concorso canoro, concerti di musica tradizionale e moderna, esibizioni di ballo, lettura di poesie, concorso di bellezza e mostre di artigianato, la gara più attesa e più popolare è la corsa a dorso di dromedario, il cui vincitore diventerà la personalità dell’anno nella regione, esaltando lo sfarzo più bello nella tradizione di nomadi. Questo evento culturale, di rilevanza sempre maggiore ad ogni sua edizione, non è solo un modo per promuovere e facilitare il patrimonio locale, ma è anche un modo per denotare l’intesa della popolazione nigerina, sempre più unita nel segno della pace.  Pranzo a pic-nic lungo il percorso. Cena e sistemazioni al campo. FB


6° GIORNO: DOMENICA 16 FEBBRAIO 2020: IFEROUANE – TEZIRZEK – CHIRIET  JEEP

Da Iferouane la pista è abbastanza buona fino all’attraversamento della piccola valle di Tezirzek (dove è l’omonimo pozzo, sede di splendidi graffiti rupestri); da qui in avanti la sabbia sarà protagonista assoluta con alcuni passaggi tra le dune le cui creste sembrano onde spumeggianti che si infrangono sulla roccia nera dell’Adrar Chiriet. Naturalmente è possibile incontrare i Tuareg che in queste zone si sentono a “casa loro”.  Nelle rivolte (l’ultima è terminata nel 1995) che li hanno visti protagonisti contro il governo nigerino, si sono rifugiati in questi posti quasi inaccessibili. Il mito che ha fatto di loro degli indomiti guerrieri, dei predoni senza scrupoli, oggi è svanito, ma hanno conservato le tradizioni e l’autodeterminazione. Ed è così bello poterli osservare dall’alto dei loro dromedari, avvolti nel taghelmoust e con la spada sul fianco, fieri del loro mondo, di ciò che è stato, e di quello che inevitabilmente sarà. Proseguendo lungo lo Oued Ifiniane, si entra nelle piane settentrionali dell’Adrar Chiriet che costeggeremo poi fino ad entrare in uno splendido “golfo” naturale all’interno del massiccio stesso. In contrasto con le gialle sabbie delle dune dell’erg Breard, Chiriet ci appare come una vera e propria “isola” granitica circondata da un insolito mare. Pranzi a pic-nic lungo il percorso. Cena e sistemazioni al campo. FB


7° GIORNO: LUNEDì 17 FEBBRAIO 2020: CHIRIET – KOGO – ARAKAO – MADET   JEEP

Proseguendo nel nostro viaggio i paesaggi cambiano, i profili si addolciscono e le sagome delle dune di sabbia appaiono all’orizzonte. Zigzagando tra esse ci affacciamo nel deserto del Tenerè e, contornandolo a sua volta, raggiungiamo il cratere di Arakao. Arakao (in lingua tuareg ” Tcin Taburak ” è la chela del granchio) è un anfiteatro di roccia che racchiude come in uno stretto abbraccio (la chela) le grandi dune che sembrano toccare il cielo. Nei dintorni, con una breve passeggiata nell’uadi circostante, si può raggiungere un sito con incisioni rupestri. Pranzi a pic-nic lungo il percorso. Cene e sistemazioni al campo. FB


8° GIORNO: MARTEDì 18 FEBBRAIO 2020: MADET – BILMA  JEEP

Il Teneré, in lingua tuareg, è ciò che non esiste. E’ l’ultima propaggine dell’immenso Sahara, più di 800 km di sabbia, ora piatto ora con dune, spazi che sembrano non avere mai fine, dove inevitabilmente si perde la percezione dello spazio vitale. L’Adrar Madet, una montagna rocciosa nel bel mezzo del deserto del Ténéré, è sempre stata un’importante riferimento per le carovane del sale provenienti dal Massiccio dell’Aïr. L’intera giornata è dedicata alla ricerca delle carovane del sale tra le bellissime dune dello spettacolare Erg di Bilma. Ogni carovana è composta da decine di dromedari in fila, guidati da un capo carovana Tuareg che li conduce lungo la pista di sabbia percorrendo in un giorno anche 30 chilometri. Il loro andamento è lento e silenzioso ma inarrestabile, pronti a trasportare il sale, i Tuareg del Niger la chiamano Tarlamt. I carovanieri hanno gli imballaggi e le corde per trasportare i coni di sale; ogni cono di sale viene accuratamente avvolto in stuoie di foglia di palma intrecciate. I blocchi hanno l’aspetto di grossi funghi grigiastri, dal gambo lungo e dalla cima piatta, e arrivano a pesare circa una quindicina di chili cadauno. Anche il primo cammello ha memorizzato il percorso e talvolta conduce a piccoli tratti la carovana; il vento di sabbia non lo infastidisce, un doppio strato di lunghe ciglia proteggono i suoi occhi e le narici si chiudono per evitare di respirarla. Pranzi a pic-nic lungo il percorso. Cene e sistemazioni al campo. FB


9° GIORNO: MERCOLEDì 19 FEBBRAIO 2020: BILMA – FACHI  JEEP

Arrivo a Bilma, antichissima oasi conosciuta per le sue saline, piccoli crateri di forma circolare scavati nella terra, dove il sale cristallizza alla superficie e rilascia incredibili colori vivaci che vanno dal giallo ocra al rosso porpora. Le saline sono di proprietà delle famiglie che abitano a Bilma e che ogni giorno, nel periodo novembre e dicembre, si recano nel loro appezzamento per estrarlo e per prepararlo alla vendita, anche stoccandolo per le carovane che partono nei mesi successivi. Il sale estratto é sminuzzato e prodotto in piccoli pani o in forme conoidali (con tanto di “marchio” del produttore) e viene venduto o barattato alle carovane; in piccolissima parte viene prodotto anche il sale bianco, per uso alimentare umano, che impiega circa un mese per rifarsi e che viene messo in sacchi. I dromedari uno ad uno vengono fatti accucciare in modo che non possano muoversi mentre il prezioso carico viene legato alla loro imbragatura… essi bramiteranno rumorosi ma poi si rialzano e sono obbedienti al loro padrone. Percorriamo un’altra parte dell’Erg di Bilma in direzione di Fachi con possibilità di incontrare altre carovane del sale. Circondata da palme e grandi acacie, l’oasi di Fachi è caratterizzata dalla tipica struttura nello stile dello ksar berbero; le mura che la contornano racchiudono case in terra cruda addossate le une alle altre in un intricato dedalo di vicoletti. Il forte oramai abbandonato veniva usato come rifugio: all’interno il pozzo ed i granai giganti permettevano alla popolazione che lì si rifugiava di resistere agli attacchi per svariato tempo. La parte antica della città è disabitata, con l’eccezione di una o due famiglie, ma i resti delle case a due piani con i loro muri spessi che creavano ombra e frescura ed i tetti fatti con il tronco della palma nonché le “panche” in argilla dove si sedevano i passanti, fanno immaginare un delizioso villaggio dove la vita scorreva serena. Escursione alle saline situate nelle vicinanze. Pranzi a pic-nic lungo il percorso. Cene e sistemazioni al campo. FB


10° e 11° GIORNI: GIOVEDì 20 e VENERDì 21 FEBBRAIO 2020: FACHI – ALBERO DEL TENERE’ – FALESIA DI TIGUIDIT – AGADEZ JEEP

Possibili incontri coi nomadi ai vari pozzi che punteggiano il lungo oued in direzione della falesia di Tiguidit. Vedremo alcuni graffiti rupestri della zona e varie pietre fossili con impronte della nostra storia. Passeremo per l”Arbre du Ténéré”, l’albero del Teneré, una leggendaria acacia centenaria abbattuta da un camionista ubriaco nel 1973, che rappresentava un’importante crocevia di piste carovaniere ed oggi sostituito da un finto albero in ferro (il tronco originario è oggi esposto al museo di Niamey). Lungo le piste numerosi sono i paleosuoli dove è possibile trovare oggetti litici, come freccette, asce, pestelli, macine a testimonianza di civiltà vissute in Niger migliaia di anni or sono. Pranzo a pic-nic lungo il percorso. Si arriva in serata ad Agadez per la notte.

  • Pernottamento in campo il giorno 20 Febbraio FB
  • Pernottamento in albergo il giorno 21 Febbraio HB

12° GIORNO: SABATO 22 FEBBRAIO 2020: AGADEZ – ABALAK – TAHOUA  JEEP        Il percorso via terra verso Abalak  e Tahoua è abbastanza faticoso e non è indicato ad un turista tradizionale bensì al viaggiatore che ama avvicinarsi giorno per giorno alla meta assaporando il piacere dell’incontro con le diverse etnie, cogliendo il mutare del paesaggio, le differenti tipologie architettoniche dei villaggi in una terra aspra, le atmosfere dei luoghi, i mercatini di strada e gli affascinanti scorci di vita quotidiana dei popoli del Sahel. Non è raro incontrare poi mandrie di zebù e greggi all’abbeverata nelle “mares”, gli stagni lasciati dalla stagione delle piogge, e talvolta piccole carovane di dromedari e animali da soma carichi di masserizie con cui si spostano le famiglie di nomadi Peul e Tuareg. Pranzi a pic-nic lungo il percorso, cena e sistemazione al campo. FB


13° GIORNO: DOMENICA 23 FEBBRAIO 2020: TAHOUA – BIRNIN KONNI – DOGONDOUTCHI RITO DI POSSESSIONE BORI – DOSSO – KOURE’- NIAMEY   JEEP, MINIBUS L’economia di questa regione si basa sull’allevamento del bestiame e su un’agricoltura di sussistenza; frequenti saranno gli incontri con pastori nomadi e sedentari di diverse etnie lungo il percorso ed in particolare nei villaggi. Birnin Konni, adiacente la frontiera con la Nigeria, è nota per la sua architettura rurale (tra cui i tradizionali granai) ed a Tahoua si dirigono perlopiù le genti Fulani e Tuareg per i loro scambi e le compravendite. Dogondoutchi, vivace centro commerciale che si trova ai margini settentrionali della savana ed in quelli meridionali del Shael, è abitata prevalentemente dagli Haussa, un etnia il cui sottogruppo Mawri è tra le ultime popolazioni animiste. Qui potremo assistere al particolare “Rito di Possessione Bori”, danze legate al culto di possessione Bori degli Haussa. Questo tipo di danza ha la caratteristica di portare l’adepto allo stato fisico e mentale delle possessione, durante il quale si cade in uno stato di trance che porta l’individuo a far parlare attraverso di lui delle entità spirituali. Gli Haussa, per entrare più facilmente in trance, possono far uso di una pianta visionaria, la Datura. La consuetudine ancestrale è quella di implorare “djins”, gli esseri magici superiori, in modo che aiutino la buona riuscita dei raccolti ma in alcune regioni il rito di possessione ha una finalità principalmente terapeutica. Dosso, settima città più popolosa del Niger, è la sede tradizionale del popolo Djerma, agricoltori sedentari. Lasceremo alle nostre spalle la savana semiarida del Sahel  per avvicinarci lentamente alla capitale e ritrovare i territori vicini al fiume Niger, dove le piogge cadono regolarmente permettendo agli Haussa di coltivare i terreni e preservare i raccolti nei tipici granai, a forma di uovo sormontato da un cappello di paglia. Sosta a Kourè, dove sopravvive l’ultimo branco di giraffe dell’Africa Occidentale (ad oggi si stima ci siano 175 individui). Arrivo a Niamey e trasferimento in hotel. Nel pomeriggio visita della città, museo e mercato dell’artigianato con utilizzo del minibus per gli spostamenti. L’origine di Niamey è incerta: villaggio di pescatori Songhai per alcuni, villaggio di agricoltori Fulani e Maouri per altri. Si dice che il nome derivi da un albero “Niamey pour Nia” che in Djerma significa “la riva dove l’acqua è presa”. Per via della sua posizione, lontana dalle più importanti piste commerciali, fu ignorata da grandi esploratori come Heinrich Barth, che pur si fermarono ad esplorare altre zone del paese. Inizialmente scelta come capoluogo amministrativo dalla Francia nel 1903 per la sua vicinanza con il fiume Niger ed il grande mercato che si trovava nelle prossimità, rimase in secondo piano rispetto alla più centrale Zinder dal 1911 al 1926, quando definitivamente divenne la capitale. Ha conosciuto il suo sviluppo negli anni ’40 ed è oggi Capitale popolosa e multietnica con una parte amministrativa e residenziale separata dal centro città dedicato al commercio. Rientro in hotel nel tardo pomeriggio, pranzo e cena liberi. BB


14° GIORNO: LUNEDì 24 FEBBRAIO 2020: NIAMEY – CASABLANCA – ITALIA  VOLO Raggiunto presto l’aeroporto, espletate le formalità di dogana in uscita, partenza con volo per Casablanca, da cui dopo un breve transito si riparte con nuovo aeromobile per l’Italia, con pasti a bordo.

Fine dei Servizi Niger Tenerè e Carovane di Sale


LEGENDA:

  • BB = pernottamento con prima colazione
  • HB = pernottamento con prima colazione e pranzo a pic-nic
  • FB = pernottamento con prima colazione, *pranzo e cena

PASTI: Colazione e cena (con pasto cucinato), preparati su tavoli attrezzati con sedie e lampada a gas per il bivacco. *Il pasto di mezzogiorno a terra su natta tradizionale con cibo pronto/insalata. La colazione prevede Nescafè, latte in polvere, pane, marmellata, the in bustina, miele. Il montaggio delle tende è a carico del cliente.

NB1: Trattandosi prevalentemente di piste e di conseguenza non è indicabile la distanza day x day, poiché i tempi di percorrenza variano a seconda delle condizioni che si trovano, quindi non in base ai km.

NB2: Per ragioni organizzative l’itinerario potrà essere modificato o effettuato in senso inverso. Se la situazione lo rendesse necessario, o a causa di piste impraticabili, altri cambiamenti potranno essere apportati in loco dalla nostra guida, nel rispetto del programma originario che viene rispettato. La presenza della scorta militare al seguito potrebbe creare ritardi o modifiche al viaggio. La presenza della scorta è un’obbligo governativo, che serve soprattutto a far lavorare i militari e distribuire oboli; l’itinerario nigerino è in sicurezza. Il viaggio permette l’adesione solo a viaggiatori esperti.


Condizioni Generali & Dettagli:

  • Quota d’iscrizione: € 100 COMPRESA
  • Tasse aeroportuali indicativamente € 387 confermabili solo all’atto della prenotazione e dell’emissione del biglietto aereo ESCLUSE
  • Assicurazione medico bagaglio (con massimali fino a € 10.000) COMPRESA
  • Supplemento assicurazione integrativa spese mediche € 46 (massimali € 50.000) ESCLUSA
  • Assicurazione annullamento viaggio da € 126 ESCLUSA
  • Supplemento camera singola € 280 ESCLUSO
  • Durata 14 giorni, 13 notti

QUOTA DI PARTECIPAZIONE IN CAMERA DOPPIA:

€ 3.480,00 A PERSONA

Su base 10 partecipanti


CON ACCOMPAGNATORE DALL’ITALIA


VOLI ROYAL AIR MAROC

DA Milano Malpensa

  • AT 951  11FEB  MXPCMN 1750 2105
  • AT 293  11FEB  CMNNIM 2215 0150+1
  • AT 292  24FEB  NIMCMN 0840 1210
  • AT 950  24FEB  CMNMXP 1340 1650

DA Roma Fiumicino

  • AT 941  11FEB  FCOCMN 1750 2110
  • AT 293  11FEB  CMNNIM 2215 0150+1
  • AT 292  24FEB  NIMCMN 0840 1210
  • AT 940  24FEB  CMNFCO 1340 1650

DA Bologna

  • AT 953  11FEB  BLQCMN 1745 2100
  • AT 293  11FEB  CMNNIM 2215 0150+1
  • AT 292  24FEB  NIMCMN 0840 1210
  • AT 952  24FEB  CMNBLQ 1345 1645

Volo interno Niger Air

  • 12 febbraio 6N301 NIM h 7.00 > AJY h 9.00 NB: (20 kg in stiva + 5 kg a mano)

ALBERGHI E SISTEMAZIONI

  • Niamey: Grand Hotel o Hotel Homeland o Hotel Tenerè o similare
  • Agadez: Hotel Tenerè o Hotel Pension Telit o similare
  • Nel deserto: campi con tenda a 2 posti con materassini e servizio di cuoco/cucina

Vaccinazioni e precauzioni sanitarie: Obbligatoria Febbre Gialla.

Gli ospedali si trovano solo nelle maggiori località. È necessario portare con sé la scorta dei medicinali che vengono assunti regolarmente, o di cui si prevede l’uso.


LA QUOTA COMPRENDE

  • Volo di linea internazionale in classe economica
  • 1 Volo Interno
  • Sistemazione in camere doppie in hotel (in BB ad Agadez il 2° ed il 11° giorno) e in tenda
  • Trasporto: Bus a Niamey + Veicoli fuoristrada con Aria Condizionata durante il tour nel deserto del Ténéré (3 passeggeri + autista su ogni vettura)
  • Pensione completa durante tutta la spedizione nel deserto del Ténéré, ad eccezione di pranzi e cene a Niamey e ad Agadez
  • Acqua minerale durante il viaggio
  • Accoglienza all’aeroporto e assistenza con personale dal personale parlante francese a Niamey
  • Capo spedizione locale in lingua italiana (da Agadez a Niamey)
  • Accompagnatore dall’Italia da 10 partecipanti
  • Albergo in camera doppia (solo a Niamey e Agadez)
  • Tende a 2 posti con materassini nel deserto (Montaggio a carico del cliente)
  • Tutto il materiale da campeggio, eccetto il sacco a pelo, gli asciugamani e il cuscino
  • La scorta della Garde Nationale
  • Permessi per viaggiare
  • Ingressi a tutte le visite indicate
  • Partecipazione alle attività programmate
  • Assicurazione medico/bagaglio base (massimali € 10.000).
  • Quota d’iscrizione € 100 inclusa.

LA QUOTA NON COMPRENDE

  • Visto d’ingresso in Niger (circa Euro 61 spese consolari + spese di agenzia)
  • Tasse aeroportuali, definibili solo al momento dell’emissione dei biglietti ed eventuali adeguamenti carburante
  • Assicurazione Integrazione Spese Mediche (massimali € 50.000)
  • Assicurazione annullamento.
  • Tutti i pranzi e le cene a Niamey ed Agadez (5 pasti per un valore indicativo tra € 5 e € 20 cadauno)
  • Sacco a pelo, asciugamani e cuscino (personale)
  • Supplemento singola € 280 (camera in albergo + tenda singola)
  • Mance, extra personali, mance per foto-video, servizio lavanderia
  • Bibite, analcoliche/alcoliche (da circa 1 € o 2 € – birre € 4)
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”.

ALTRE INFO UTILI                                                                                                                                                               

Il viaggio si svolge in zone prevalentemente desertiche in condizioni ambientali autogestite, quindi si richiede ai partecipanti un buon spirito di adattamento; talvolta anche il reperimento di generi freschi di base può risultare difficile day x day se non impossibile, la loro eventuale mancanza sarà integrata con gli alimenti conservati necessari a garantire una corretta alimentazione o nel caso di acqua minerale con acqua potabilizzata in loco. Il viaggio consiste di tappe giornaliere in vettura di 6-8 ore, intervallato da periodiche soste durante la giornata, per utilizzare al massimo il nostro tempo durante la giornata consigliamo di prevedere la prima colazione alle 6,30 del mattino. Il percorso in massima parte è su piste in terra battuta, sabbiose e/o pietrose quindi i tempi di percorrenza e le tappe giornaliere, come la località di bivacco, possono variare in base alle condizioni delle piste, alle tempistiche per effettuare i necessari rifornimenti di carburante e viveri lungo il percorso a insindacabile giudizio dell’agenzia corrispondente e della guida locale. I pasti sono presi per la colazione e la cena (con pasto cucinato/zuppa) ai tavoli attrezzati con sedie e lampada a gas per il bivacco, il pasto di mezzogiorno a terra su natta tradizionale con cibo pronto/insalata. La colazione prevede Nescafè, latte in polvere, pane, marmellata, the in bustina, miele. Il montaggio delle tende è a carico del cliente. Per lavarsi ogni sera sarà distribuita dallo Staff acqua da bidoni in apposite bacinelle di uso comune.

Programma Leggi tutto
Prenota il viaggio

NIGER, TENERE’ E CAROVANE DI SALE – viaggio con l’esperto

Stampa

VIAGGIO IN NIGER DALL’ 11 AL 24 FEBBRAIO 2020

CON VIAGGIATORE ESPERTO DALL’ITALIA

Durata
14 Giorni, 13 Notti
Quota per persona
3.480,00 
Prossime partenze
Dall'11 al 24 Febbraio 2020
Data di partenza
Informazioni
Scarica il PDF Contattaci