NEPAL

MUSTANG JEEP TOUR

L’antico Regno di Lo & Tiji  Festival


DAL 10 AL 24 MAGGIO 2023



FOCUS DEL VIAGGIO:

  • IMPEGNO MEDIO/ALTO
  • DURATA 15 GIORNI, 12 NOTTI
  • VIAGGIO CULTURALE, NATURALISTICO, ETNICO
  • GUIDA LOCALE IN LINGUA ITALIANA

STILE DEL VIAGGIO:

  • TURISMO CULTURALE, ETNICO, RELIGIOSO, UNESCO HERITAGE, FESTIVAL  BUDDISTA
  • TURISMO NATURALISTICO, WILDLIFE, MOUNTAIN TRIP, RESPONSABILE
  • TURISMO FOTOGRAFICO: LANDSCAPE, SKYLINE, PORTRAIT, LIFESTYLE, STREET LIFE, TRAVEL REPORTAGE

VIAGGIO IN SICUREZZA:

  • HOTEL (STANDARD 4*) – HOMESTAY/LODGE
  • MEZZI DI TRASPORTO IN SICUREZZA (Bus, Jeep)
  • CORRISPONDENTI CONSOLIDATI E AUTORIZZATI
  • ITINERARIO IN SICUREZZA
  • ACCOMPAGNATORE DALL’ITALIA DA 10 PARTECIPANTI
  • GARANZIA POLIZZE DI VIAGGIO EUROP ASSISTANCE

EMOZIONI DEL VIAGGIO: il Mustang, aperto al mondo esterno nel 1992, è una delle valli più sorprendenti del Nepal, nascosto dietro le maestose catene montuose himalayane, tra cui si distinguono il Dhaulagiri,  l’Annapurna e il Machhapuchhare. Era fino a poco tempo fa, inaccessibile agli estranei. Questo isolamento ha aiutato la gente del Mustang a mantenere il proprio stile di vita e il proprio patrimonio, che sono rimasti quasi invariati per secoli. I viaggiatori che percorrono l’Upper Mustang, da Pokhara e Jomsom naturali porte di accesso, seguono l’antica via carovaniera lungo il fiume Kali Gandaki attraverso cui si trasportava il grano dal basso Nepal e sale dal Tibet. Nei secoli il paesaggio circostante è stato arricchito di chorten, pietre mani, grotte, monasteri storici e siti archeologici, che rendono l’Upper Mustang situato nella parte nord-occidentale del confine tibetano una delle destinazioni top al mondo. E’ un’alternativa di viaggio al Tibet essendo geograficamente un angolo di Tibet ma in terra politicamente nepalese. Il panoramico percorso in jeep consente l’incontro con l’affascinante mondo culturale e tradizionale del buddismo himalaiano, i cui usi sono tramandati e percepiti con intensità religiosa. Il Mustang o Regno di Lo, era un isolato reame, alle pendici dell’Himalaya, facente parte del Nepal dal 1789 e dotato di una rilevante autonomia. La popolazione è di etnia thakali e tibetana con prevalenza del gruppo dei gurung. Lo Manthang, capitale di questo antico regno, è l’apogeo di questo viaggio eccezionale, con il vibrante Tiji Festival, che si celebra ogni primavera, stagione che simbolizza la rigenerazione della natura e della vita. Un rito cerimoniale fatto di suoni e danze Cham, eseguite dai monaci, che indossano maschere propiziatorie, per celebrare l’eterna lotta fra il bene ed il male, che alla fine verrà sconfitto, in un insieme policromo di costumi, maschere e ritualità iniziatica. Non si  può prescindere dal visitare i dintorni nella valle di Kathamndu, Boudhanath, Swayambhunath, Bhaktapur, Patan, Dakshinkali, Thimi, Kirtipur, Kathamndu e la sua Durbar Square, gemme culturali e patrimonio Unesco in un territorio ricco di stimoli.


NOTA = Alcune variazioni nel programma possono essere realizzate dalla locale organizzazione, per potersi adeguare alle condizioni del tempo e approfittare delle opportunità che possiamo incontrare lungo il percorso, e se ritenuto necessario per ragioni tecnico operative e di sicurezza, viabilità, traffico e permessi/orari di visita. Si richiede flessibilità e spirito di adattamento.

NOTA BENE: Si prega di notare prima dell’adesione al viaggio, tutte le disposizioni Sanitarie Internazionali Anti-Covid come previsto dalle normative

  • CERTIFICATO VACCINALE COMPLETO o su diversa indicazione
  • REGISTRAZIONE sul sito https://ccmc.gov.np/
  • VISTO in arrivo $ 30

ITINERARIO SINTETICO

  • 1. ITALIA – VOLO INTERNAZIONALE
  • 2. KATHMANDU – SWAYAMBHUNATH –  KTM CITY TOUR HB
  • 3. KATHMANDU – BOUDHANATH – PASHUPATINAH – THIMI – BHAKTAPUR – KATHAMANDU FB 
  • 4. KATHMANDU – POKHARA CITY TOUR FB   
  • 5. POKHARA – JOMSOM FB
  • 6. JOMSOM – DHUMBA LAKE – GHAMI FB
  • 7. GHAMI – TSARANG – LO MANTHANG  TIJI FESTIVAL FB    
  • 8. LO MANTHANG – NAMGYAL GOMPA – TINGKHAR – LO MANTHANG  TIJI FESTIVAL FB
  • 9. LO MANTHANG – CHOSAR VALLEY – LO MANTHANG TIJI FESTIVAL FB   
  • 10. LO MANTHANG – DRAKMAR – KAGBENI FB 
  • 11. KAGBENI – MUKTINATH TEMPLE – MARPHA – TATOPANI FB  
  • 12. TATOPANI – POKHARA FB 
  • 13. POKHARA – KATHMANDU FB
  • 14. KATHMANDU –  DAKSHINKALI – PATAN – PARTENZA VOLO HB
  • 15. ARRIVO IN ITALIA  

LEGENDA: HB = MEZZA PENSIONE (Colazione e Pranzo) / FB = PENSIONE COMPLETA   


PROGRAMMA:


1° GIORNO: MERCOLEDI’ 10 MAGGIO 2023 – ITALIA – VOLO INTERNAZIONALE PER KATHMANDU AEREO

Ritrovo all’aeroporto di origine e partenza con volo di linea per Kathmandu con transito extraeuropeo, pernottamento e pasti a bordo.


2° GIORNO: GIOVEDI’ 11 MAGGIO 2023 – ARRIVO KATHMANDU – SWAYAMBHUNATH – KTM CITY TOUR (1355m)  AEREO, BUS

All’aeroporto di Tribhuvan, dopo aver espletato le formalità doganali in arrivo, sono l’accoglienza della guida locale con la sciarpa Khada e il trasferimento in hotel. Segue un breve briefing sull’itinerario. L’origine del nome Kathmandu (ab.1,4 milioni) deriva da Kasthamandap ‘fatto dal legno di un singolo albero’. Il cuore storico della vecchia Kathmandu è un museo a cielo aperto, un mosaico di templi, pagode e padiglioni medievali. Durbar Square, patrimonio UNESCO e un tempo residenza della famiglia reale nepalese, è dove si concentrano gli edifici tradizionali e gli spettacolari templi. Si visita la dimora della Kumari, la fanciulla designata per rappresentare la dea vivente finché, al raggiungimento della pubertà, non torna ad essere una comune mortale. Swayambhunath patrimonio Unesco in cima di una collina, mosaico di piccoli templi Chaitya e Pagoda, domina la valle e la città. Lo stupa è composto da un solido emisfero di mattoni e terra che sostiene un’alta guglia conica coronata da un pinnacolo di rame dorato. Si prosegue per Ason Bazaar, uno dei bei esempi Newār di tradizionale mercato asiatico, noto per l’enorme varietà.


GIORNO: VENERDI’ 12 MAGGIO 2023 – KATHMANDU – BOUDHANATH – PASHUPATINAH – THIMI – BHAKTAPUR – KATHAMANDU   100 km, 2 h  BUS

Uno dei più antichi e grandi monumenti buddisti nepalesi è il Boudhanath Stupa, Patrimonio Unesco e una delle strutture più sacre che impone un’altezza di 36 metri con tre enormi piattaforme in stile Mandala, visitata da migliaia di pellegrini. E’ oggi un quartiere abitato dal popolo tibetano a seguito della rivoluzione cinese che costrinse la popolazione locale a emigrare. Il Tempio di Pashupatinath, Patrimonio Unesco è uno dei più antichi templi indù dedicati a Shiva e rappresenta per gli indù ciò che la Mecca è per i musulmani. E’ costruito sulle rive del fiume sacro Bagmati in stile pagoda con tetto dorato e porte d’argento riccamente scolpite; nei suoi pressi, tra file di Sadhu, vengono effettuate ogni giorno le cremazioni e i corpi vengono adagiati su pire, che è possibile vedere. Nella valle merita una visita, Thimi villaggio Newār. I suoi abitanti sono specializzati nella produzione di vasi di ceramica, alla cui lavorazione è possibile assistere semplicemente passeggiando per le vie in mezzo a persone sorridenti. A 14 km a est della città è Bhaktapur o Bhadgaon, villaggio a forma di conchiglia fondato nel IX sec, patria dell’arte e dell’architettura medievali. Il suo cuore è Durbar Square Patrimonio Unesco, con il Palazzo delle 55 finestre e il Nyatapola Temple a 5 piani, uno dei migliori esempi in stile Pagoda.


4° GIORNO: SABATO 13 MAGGIO 2023 – KATHMANDU – POKHARA CITY TOUR  AEREO, BUS, BARCA

Si raggiunge con un volo interno Pokhara (30 minuti), seconda città più grande del Nepal. La serenità del lago Phewa e la magnificenza della cima del Machhapuchhare (6997 mt) in nepalese “Coda di pesce”che si erge dietro di esso, creano un’atmosfera di pace e magia. L’incantevole scenario che fa da sfondo a Pokhara è dato dal superbo massiccio dell’Annapurna, catena di monti dalle vette innevate lunga 55 km, e del Manaslu (8163 mt), parte integrante del sistema montuoso Himalayano. Nonostante gli scenari montani, Pokhara, che si trova a 880 m slm ad un’altitudine inferiore a Kathmandu, ha un’atmosfera molto più tropicale, un fatto apprezzato per la bellissima diversità di fiori nel suo ambiente. I suoi dintorni sono ricchi di bellezze naturali. Devi’s Falls, nota localmente come Patale Chhango (Hell’s Fall), è una cascata originata dalla diga sul lago Phewa, nel punto in cui il torrente Pardi Khola svanisce in un tunnel, attraverso una grotta sotterrane chiamata Gupteshwor Mahadev Cave. Una delle principali attrazioni di Pokhara è la statua di Shiva Pumdikot in posizione panoramica sul lago. Appena fuori c’è il Tibetan Refugee Camp, abitato dal popolo tibetano che si tiene occupato producendo e commerciando tappeti e altri prodotti artigianali. Con una barca si raggiunge nel mezzo del lago Phewa un’isola per visitare il piccolo famoso Tempio induista Tal Barahi, dedicato a Durga, protettrice degli dei.


5° GIORNO: DOMENICA 14 MAGGIO 2023 – POKHARA – JOMSOM (2700m)  8 h JEEP

Con le jeep si raggiunge Jomsom, attraversando diversi villaggi locali, il fiume Kaligandaki, visitando stupa e monasteri. Giunti a Jomsom, cittadina in superba vista panoramica tra gli ottomila mt del Dhaulagiri (8167 mt) e dell’Annapurna (8091 mt), passeggiata serale intorno al mercato locale, assaggiando il formaggio di yak locale.


6° GIORNO: LUNEDI’ 15 MAGGIO 2023 – JOMSOM – DHUMBA LAKE – GHAMI (3520m)  7 h   JEEP

E’ prevista un’escursione al lago Dhumba alla base del monte Nilgiri (7125 m), di importanza religiosa e culturale per il popolo buddista. Ci sono storie tra la gente del posto che un giorno il lago è diventato rosso e non è tornato alle sue famose acque blu turchese fino a quando i buddisti tibetani non hanno eseguito cerimonie religiose. Si prosegue alla volta di Ghami, attraverso i villaggi Chuksang, Samar, Syangboche, Chella, Ghiling che appaiono come oasi verdi nel paesaggio desertico circostante. I villaggi hanno particolari case in stile tibetano, circondate da orti, alberi di pioppo e campi di orzo. Può capitare di incontrare donne che vestono abiti tradizionali: la chuba, il doppio grembiule di un tessuto a righe multicolori, in testa il fazzoletto colorato e immancabilmente al collo un ciondolo costituito da una grossa pietra turchese e da due grossi coralli. Si attraversa un paesaggio di freschi corsi d’acqua e di ginepro. Varie le soste fotografiche in vista panoramica di Nilgiri, Annapurna, Tilicho Peak e YakawaKang. Si giunge a Ghami (3.520 m), piccolo borgo in mezzo a campi coltivati, nei cui pressi si trova il muro Mani più lungo del Nepal.


7° GIORNO: MARTEDI’ 16 MAGGIO 2023 – GHAMI – TSARANG – LO MANTHANG – TIJI FESTIVAL (3840m)  5 h JEEP

Proseguimento in jeep alla volta di Lo Manthang, attraversando lo spettacolare paesaggio rugoso dell’Upper Mustang. Una salita sul passo Choya e una discesa successiva portano a un percorso pianeggiante, attraversando un ponte sul fiume, fino a Tsarang col suo vasto labirinto di campi, filari di salici e case separate da muri in pietra. Il villaggio di Tsarang, uno dei luoghi più religiosi e seconda città del Mustang, si rivela come un luogo attraente con un monastero buddista, un’antica fortezza e uno scenario naturale mozzafiato, con magnifiche viste sulle vette di Nilgiri, Tilicho, Annapurna e Bhrikuti. Poi il percorso sale dolcemente fino al ventoso Lo La Pass (3950 m), da dove si può vedere la valle di Lo Manthang e il Northern Mustang. Scendendo verso Lo Manthang, le vedute della città murata appaiono magnifiche con le sue colline sul confine tibetano. Si giunge nel cuore del Mustang a Lo Manthang, cittadina circondata da 6 metri di alte mura con torri quadrate agli angoli. Fu fondata nel 1380 e al suo interno esiste un compatto insediamento di 200 strutture con il Palazzo Reale e diversi Monasteri. Lo Manthang, capitale dell’antico regno di Lo, accoglie con le prime danze del Tiji Festival, uno dei momenti più intensi della religiosità buddhista del Mustang. Questa festa, che risale al XV secolo, dura tre giorni e viene festeggiata nel monastero di Tiji dove i monaci, indossando maschere propiziatorie, inscenano la storia di Dorje Joho che combatte contro i demoni che attentano all’integrità del Regno di Mustang. In mezzo al tripudio di tradizionali corni o cembali, un’enorme Thangka  è dispiegata sulla parete della piazza. Un rito fatto di suoni e danze Cham che rappresentano l’eterna lotta fra il bene e il male, uno spettacolo di colori, costumi e maschere dove il bene alla fine trionfa sempre. Le danze Tsowo al centro della piazza affiancano tutti gli altri ballerini nella forma di un mandala.


8° GIORNO: MERCOLEDI’ 17 MAGGIO 2023 – LO MANTHANG – NAMGYAL GOMPA – TINGKHAR –  LO MANTHANG – TIJI FESTIVAL JEEP

La giornata è dedicata alla visita dei dintorni di Lo Mangthang, spettacolare territorio del remoto Upper Mustang punteggiato di monasteri. Namgyal Gompa, situato su una collina, funge da importante monastero e tribunale della comunità locale. Giunti a Tingkhar, ultimo villaggio principale a nord-ovest di Lo Manthang, si visita l’edificio a quattro piani del Palazzo del Re con superbe viste panoramiche circostanti dell’Himalaya. Rientro a Lo Manthang con partecipazione al Tiji Festival con i rituali e le danze Cham dei monaci tibetani.


9° GIORNO: GIOVEDI’ 18 MAGGIO 2023 – LO MANTHANG – CHOSAR VALLEY – LO MANTHANG – TIJI FESTIVAL JEEP

Escursione in jeep nella Chosar Valley, la principale via commerciale con il Tibet e Lhasa, costellata di rovine di antichi forti a guardia di questa strategica valle. Chosar è  un villaggio costruito nella grotta con un monastero rosso (Nyphu Gompa) costruito nella roccia a 3760 m. Il Gompa è una dimora nella grotta chiamata Jhong, che si percorre attraverso piccoli tunnel, vecchia di 2500 anni. Dalla sua cima si osserva una visuale di spettacolari vette innevate che marcano il confine con il Tibet, mentre tutto intorno una linea di ruscelli e verdi prati segnano il percorso. Rientro a Lo Manthang per assistere ai rituali e alle danze dei monaci tibetani del Tiji Festival, conosciuto come La cacciata dei Demoni. Il culmine del festival è rappresentato dal Cham, straordinario insieme di musiche sacre e danze in costume, eseguite dai monaci, a celebrazione per la primavera che si rinnova e per la sconfitta del maligno.


10° GIORNO: VENERDI’ 19 MAGGIO 2023 – LO MANTHANG – DRAKMAR – KAGBENI (2897m)  6 h JEEP

Partenza verso sud per il villaggio di Drakmar “balza rossa”, che sorge in una ridente valle, attraversata da un largo torrente serpeggiante, a ridosso di uno straordinario crinale di roccia rossa che provoca un violento contrasto cromatico con le colline circostanti caratterizzate da tenui toni di grigio e giallo. L’intenso colore rosso si dice sia dovuto al sangue di un’orchessa che fu uccisa dal Guru Rimpoche. Attraversando genuini villaggi, uscendo dall’Upper Mustang si prosegue verso sud per fare ritorno nel Lower Mustang a Kagbeni, villaggio alla confluenza tra i fiumi Kali Gandaki e del Jhong, E’ stato un importante passaggio della strada commerciale tibetana; campi di mais, orzo e patate circondano questo villaggio incantevole, quasi uscito dal passato, caratterizzato da edifici a 2 e 3 piani con pareti bianche, tetti piatti dove legna da ardere e fieno vengono messi a essiccare al sole per l’inverno. Le case di fango sono addossate le une alle altre, come all’interno di un labirinto, e un grande Gompa color ocra è abbarbicato in cima. Molti locali vestono ancora con i costumi tibetani.


11° GIORNO: SABATO 20 MAGGIO 2023 – KAGBENI – MUKTINATH TEMPLE – MARPHA – TATOPANI (1190m)  5 h  JEEP

Si prosegue per il santuario di Muktinath (3.660 m), uno dei luoghi più venerati di tutto l’Himalaya, meta di pellegrinaggio per buddisti e induisti. Sulla strada si transita per Marpha, villaggio con case di pietra addossate a imponenti scogliere, mentre porte e finestre sono delineate da pannelli in legno di ciliegio. Il villaggio è abitato dall’etnia Thakal, un clan intraprendente e lavoratore. Prima del 1959, la maggior parte dei locali era impegnata nel commercio di sale con la Cina e il Tibet; oggi invece è impegnata nella coltivazione di mele e nel produrre il brandy da esse ricavato. Giunti a Tatopani è possibile rilassarsi presso le sue sorgenti termali naturali con un bagno rilassante. Si ritiene infatti che l’alto contenuto di minerali mescolato con l’acqua calda emanata dalle rocce abbia benefici per la salute.


12° GIORNO: DOMENICA 21 MAGGIO 2023 – TATOPANI – POKHARA (880 m) 6 h JEEP

Oggi il transfer in jeep di rientro verso Pokhara, la seconda città più grande del Nepal, transitando per piccoli villaggi montani dove a vita scorre lentamente.


13° GIORNO: LUNEDI’ 22 MAGGIO 2023 – POKHARA – KATHMANDU 200 km, 6.5 h BUS

Ritorno in bus a Katmandu. Durante il viaggio si può godere della vista panoramica del paesaggio e del fiume Gandaki, nonché del fiume Trishuli, famoso per il rafting.


14° GIORNO: MARTEDI’ 23 MAGGIO 2023 – KATHMANDU –  DAKSHINKALI – PATAN – KATHMANDU – PARTENZA VOLO PER L’ITALIA  BUS, AEREO

A 22 chilometri da Kathmandu, si raggiunge il tempio Dakshinkali, uno dei templi più importanti del Nepal dedicato alla feroce Dea Kali. La fama di questo tempio risiede nei suoi riti e tradizioni. Due volte alla settimana (martedì e sabato), gli animali vengono sacrificati in questo luogo religioso, in particolare capre e galletti maschi non castrati come offerta alla feroce sposa di Lord Shiva – se il programma non cade di sabato o martedì, si visita invece il monastero di Pharping -. Si rientra a Kathamndu per il pranzo e per una doccia veloce in alcune camere in D-Use. In Nepal Patan è meta degli intenditori di belle arti, ricca di sculture in legno e pietra, statue di metallo, architetture decor, tra cui dozzine di templi buddisti e indù e oltre 1200 monumenti. Molti abitanti la chiamano ancora con il nome sanscrito originario Lalitpur “città della bellezza” o con quello newari Yala. Durbar Square, Patrimonio Unesco come la sua controparte a Kathmandu, è un incantevole miscuglio di palazzi, cortili artistici e graziosi templi a pagoda. L’ex complesso del Palazzo Reale è il centro della vita religiosa e sociale di Patan e ospita un bellissimo Museo. Si conclude con la vista del Golden Temple (Kwa Bahal), straordinario tempio buddista, la cui facciata è ricoperta da lastre dorate. Da Patan si raggiunge l’aeroporto per il volo di rientro in Italia. Esplicate le pratiche doganali in uscita è l’imbarco con pernottamento e pasti a bordo.


15° GIORNO: MERCOLEDI’ 24 MAGGIO 2023 – VOLO INTERNAZIONALE PER L’ITALIA AEREO

Dopo transito extraeuropeo, proseguimento del  volo di linea per la destinazione italiana con pasto a bordo.    

 Fine del viaggio e dei servizi NEPAL & MUSTANG


QUOTA + VOLI + PASTI:

€ 3220.00 A PERSONA

CON GUIDA LOCALE IN LINGUA ITALIANA



LE SISTEMAZIONI IN CORSO DI VIAGGIO

Alberghi categorie 4*  & Lodge:

  • Kathmandu: Hotel Akama o Shambala  o similare   4 * – 3 notti
  • Pokhara: Atithi Resort o similare 4* – 2 notti
  • Jomsom: Om’s Home o Lodge similare (Hot Shower) – 1 notte
  • Ghami: Best available Lodge (Hot Shower) – 1 notte
  • Lo Manthang: Lotus o Lodge similare (Hot Shower) – 3 notti
  • Kagbeni / Tatopani: Best available Lodge (Hot Shower) – 2 notti

NB = I Lodge sono semplici sistemazioni che non corrispondono a categorie occidentali, potendo presentare carenze nella manutenzione. Nell’area Mustang, a causa delle camere limitate dei Lodge e anche del periodo del festival, potranno essere utilizzare tutte le camere doppie con letti singoli. La camera singola è limitata.


VOLI INDICATIVI/COMPAGNIA AEREA QATAR AIRWAYS DA:

MILANO MALPENSA

  • QR 128 10MAY MXPDOH 1615 2300
  • QR 652 11MAY DOHKTM 0035 0805
  • QR 647 23MAY KTMDOH 2020 2235
  • QR 123 24MAY DOHMXP 0140 0700

NB: Operativi voli quotati al 28.06.2022 e soggetti a variazione all’atto della stampa del biglietto aereo.

VOLO INTERNO: KTM/PKR (KATHMANDU/POKHARA) 13 maggio 2023

NB: La conferma oraria del volo sarà comunicata con Foglio Comunicazioni


LA QUOTA COMPRENDE:

  • Voli di linea internazionale in classe economica
  • 1 volo interno da Kathmandu a Pokhara
  • Upper Mustang Restricted Area Permit Fee $ 500
  • Sistemazione in camere doppie in Hotel Standard 4 * e Lodge
  • Pensione completa FB durante tutto il viaggio (da pranzo 2° g a pranzo 14 ° g)
  • Trasferimenti con autista, A/C e carburante : Minibus o Microbus (secondo il numero dei pax) + Jeep 4WD (Scorpio) nella tratta Pokhara-Lo Manthang-Pokhara (7 notti/8 giorni) – Ci sono 6 posti in ogni Jeep Scorpio: 1 fila anteriore – 1 posto, accanto al conducente ; 2.a fila 3 posti ; ultima fila – 2 posti
  • Guida locale in lingua italiana
  • Accompagnatore dall’Italia da 10 partecipanti
  • Ingressi ai parchi, concessioni, aree protette e siti di interesse culturale
  • Trekking Permit (ACAP & TIMS)
  • Partecipazione alle attività programmate
  • Assicurazione Base To Medico/Bagaglio (massimali € 20.000 + € 1.000)
  • Quota d’iscrizione € 100 inclusa

LA QUOTA NON COMPRENDE:

  • Tasse aeroportuali definibili solo al momento dell’emissione dei biglietti ed eventuali adeguamenti carburante al 28.06.2022 € 447.89
  • Visto d’ingresso all’arrivo a KTM $ 30
  • Tutti i Test PCR
  • Supplemento camera singola che è garantita a Kathmandu e Pokhara (NB: camere soggette a limitazione nel Mustang, dove sono possibili abbinamenti in doppia) € 250
  • Pasti e/o escursioni turistiche diverse da quanto specificato nel programma
  • Acqua minerale, birre, alcolici, soft drinks (esempio costo birre da $6 a $8)
  • Facchinaggio
  • Assicurazione Integrazione Spese Mediche (massimali € 200.000) da € 91.50
  • Assicurazioni Extra prolungamento soggiorno Covid € 39
  • Assicurazione annullamento da € 125
  • Elicottero in caso di soccorso di emergenza
  • Mance per autisti, guida e staff
  • Spese di natura personale, telefonate, lavanderia, etc.
  • Eventuali spese dovute a calamità naturali come disordini politici come scioperi, ecc.
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”
Programma Leggi tutto
Prenota il viaggio

NEPAL – MUSTANG

Stampa

CON ACCOMPAGNATORE DALL’ITALIA DA 10 PARTECIPANTI

Durata
15 giorni, 12 notti
Quota per persona
3.220,00 
Prossime partenze
Dal 10 al 24 Maggio 2023
Data di partenza