IRAN  NASCOSTO

DAL DESERTO DASHT-E LUT  ALLE ISOLE DEL GOLFO PERSICO

MINAB PANJSHAMBE’ BAZAR, ZURKHANEH

Dal 14 al 28 Gennaio 2020


2 Dash-e Lut


TOUR DI 15 GIORNI IN IRAN DEL SUD

CON ACCOMPAGNATORE DALL’ITALIA


Il vento modella creste e avvallamenti e le gole conducono a scenari policromi di una bellezza unica protetti dall’Unesco. Oasi, fortificazioni, qanat e caravanserragli, dal deserto del Dasht-e Lut al Golfo Persico, accompagnano lungo uno dei rami della Via della Seta. I colori dell’arcobaleno di Qeshm e Hormoz, le bizzarre formazioni del deserto modellate da millenni di erosione di acqua e vento, unitamente al fascino e alla cultura millenaria delle città di Shiraz, Persepoli, Isfahan, Yazd saranno fissati nei ricordi. La natura dell’antica Persia è stupefacente, come lo sono l’arte, la storia e la sua gente; in questo viaggio se ne ammira una parte importante, in regioni ancora poco note al turismo, seppur accessibili.


IMPEGNO: Medio con 1 volo interno

TIPOLOGIA: Culturale, Naturalistico, Etnico, Photo Expert


UN VIAGGIO RIVOLTO A…

Viaggiatori interessati a scoprire una meta storica, il cui Highlight sono la natura stupefacente e la storia millenaria di un Paese dalla cultura ineguagliabile.

La parola paradiso ha radici persiane e davvero la Persia è un paradiso da ammirare per natura, arte, storia e genti; questo viaggio, frutto di un’approfondita conoscenza iraniana, permette di godere sia le parti più importanti e anche luoghi meno noti del Paese. UN ALTRO IRAN TUTTO DA SCOPRIRE!


FOCUS DEL VIAGGIO

  • CULTURA Shiraz, Isfahan, Yazd con moschee, mausolei, case storiche, palazzi reali, tombe, giardini, templi zoroastriani; Bandar Abbas/Tempio Hindù; Persepoli, Pasargade, Naqsh-e-Rostam con palazzi, necropoli e siti archeologici patrimoni UNESCO; Castelli, fortezze, caravanserragli/ Saryazd, Zeinoddin, Golbaf, Keshit; Mahan/Mausoleo Sufi; Fortezze di Bam e Rayen; Jiroft/reperti archeologici; Laft/ torri di ventilazione e pozzi; Qeshm/Castello dei Portoghesi; Cattedrale armena di Vank/Jolfa-Isfahan.
  • VIAGGIO NATURALISTICO Abarqu/cipresso millenario; Kalut di Shahdad con Kootoos e Funi di sabbia nel Dasht-e Lut; Keshit/oasi delle 7 sorgenti; Rigan/le più grandi colline sabbiose dell’Iran; Hormoz/effetti cromatici presso Rainbow Valley e Valle delle Statue; Qeshm/ Valle delle Stelle, Geopark e Chahkooh Canyon, che per i suggestivi colori danno a Qeshm l’appellativo di Isola Arcobaleno; foresta di mangrovie di Hara; Qeshm/Namakdan Salt Cave, la grotta del sale più grande del mondo.
  • PHOTO Portrait, Street Life, Natura,& Landscape, Arte/Archeo, Panorama, Travel Reportage.
  • ETNIE Baluchi, Persiani, Farsi, Arabi e Bandari, discendendi Hindi a Qeshm con proprio idioma.
  • MERCATI Bazar di Shiraz; Minab Panjashambè Bazar/Mercato del Giovedì; mercato del pesce/Bandar Abbas; Bazar di Isfahan.
  • WAY OF LIFE, TRADITION & CUSTOM L’architettura tipica di Yazd è costruita con adobe e presenta Qanat, torri del vento Badgir e Yakhchal ghiacciaie; il deserto Dasht-e Lut ha temperature alte fino a 70,7 ° C; Rigan/terapia della sabbia; Shiraz/moschea Shah Cheragh con mosaici di vetro; Shiraz/Moschea Nasir-al Molk con specchietti policromi; Yazd/Torri del Silenzio (un tempo vi si celebrava il funerale zoroastriano);“Neqâb” maschere a becco e maschere facciali usate da donne locali presso il mercato di Minab e Qeshm; Qeshm/zona Duty Free; i nativi di Qeshm sono musulmani sunniti mentre gli iraniani sono sciiti; rituale Zurkhaneh (arte marziale tradizionale mix di misticismo di ispirazione Sufi; Gastronomia iraniana, una delle più gustose e prelibiate al mondo.

PROGRAMMA DI VIAGGIO CON PENSIONE COMPLETA (FB)

IIRAN DEL SUD IN 15 GIORNI

1 Nasir-al Molk


1° GIORNO: MARTEDì 14 GENNAIO 2020 : ITALIA – ISTANBUL – SHIRAZ  AEREO 

Ritrovo all’aeroporto delle rispettive città di partenza. Disbrigo della formalità di imbarco e partenza con volo di linea per Istanbul; dopo transito aeroportuale e cambio di aeromobile è il nuovo imbarco per Shiraz con pasti a bordo.


2° GIORNO: MERCOLEDì 15 GENNAIO 2020 : SHIRAZ CITY TOUR BUS  

Arrivo molto presto a Shiraz dove, effettuate le pratiche doganali in entrata, è il trasferimento in hotel. Shiraz è una città molto antica, che conobbe momenti di prosperità e di decadenza. Nel 1760, Karim Khan Zand, la elesse capitale del suo breve regno e vi costruì la Cittadella “Arg e Karim Khan”, sua residenza privata, il delizioso padiglione ottagonale dove riceveva gli ambasciatori stranieri. Quindi si visiterà la moschea-mausoleo di Shah Cheragh, che ospita la tomba dei fratelli Muhammad e Ahamad, che si rifugiarono in questa città durante la persecuzione dei mulsumani sciiti. La moschea è famosa per i suoi mosaici di vetro a specchio che affascinano tutti i visitatori. Non mancheremo di visitare anche la Masjed Nasir-al Molk, o Moschea Rosa, caratterizzata dalle ampie vetrate policrome della sala di preghiera invernale. Al mattino la luce del sole passando attraverso le vetrate inonda di luce colorata l’interno della sala con un effetto spettacolare. Le colonne interne sono decorate da piastrelle multicolorate. Continueremo la giornata visitando uno dei più famosi e bei giardini persiani di tutto l’Iran, Eram Garden (Baq e Eram), chiamato il giardino del Paradiso, famoso per i suoi cipressi e per i suoi roseti, dichiarato dall’UNESCO sito Patrimonio dell’Umanità. Al suo interno si trova la “magione Qavam”, una elegante struttura a due piani magnificamente decorata. Trasferimento in Hotel, cena e pernottamento. FB


3° GIORNO: GIOVEDì 16 GENNAIO 2020 : SHIRAZ – PERSEPOLI – NAQSH-E-ROSTAM – SHIRAZ BUS

Partenza per la visita di Persepoli. Questa magnifica città ospita la necropoli, Patrimonio Unesco dell’Umanità, di uno degli imperi più potenti dell’antichità distrutto da Alessandro Magno. Persepoli si sviluppa su una terrazza di circa 400 metri di lato, alta una dozzina di metri sulla pianura circostante, al cui interno sono palazzi reali decorati con bassorilievi, lunghi viali colonnati, tombe scavate nella roccia e sale sontuose. Ci recheremo poi a Naqsh-e-Rostam, necropoli di epoca achemenide dove riposano i grandi sovrani Dario, Serse e Artaserse. Rientro a Shiraz e visita del Bazar Vakil, tra i mercati più importanti della città di Shiraz, oltre ad essere tra i più antichi ancora attivi ed assortiti. Il Bazar, molto vicino al centro e sempre affollato, ha delle belle arcate e si affaccia su numerosi cortili. Camminando per il mercato, unico in Iran per l’architettura in mattoni dipinti, si raggiungono alcune moschee, tra cui la più importante, quella di Vakil. Essa è la più imponente delle moschee di Shiraz; fu completata nel 1773 e restaurata una cinquantina di anni più tardi. Presenta soltanto due portali di accesso (iwan) anziché dei soliti quattro. Questi, come le pareti del cortile interno, sono decorati in ceramica smaltata a motivi floreali. Ma Shiraz è anche la città dei grandi poeti, Sa’adi (1209 – 92) e Hafez (1310 – 90) che qui sono sepolti e onorati. La tomba di Hafez si erge in un curato giardino nella zona nord-est della città; sulle sue mura sono alcune celebri iscrizioni con alcuni versetti delle sue più celebri liriche. Cena e pernottamento. FB


4° GIORNO: VENERDì 17 GENNAIO 2020 : SHIRAZ – PASARGADE – ABARQU – YAZD  BUS

Partenza per il sito di Pasargade, inserito nel 2004 nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO. E’ una tra le più importanti località storico-archeologiche dell’Iran, fondata da Ciro il Grande nel 546 a.C., che divenne la prima capitale dell’Impero achemenide, prima che il centro di comando del regno non venne spostato a Persepoli. Visita delle rovine della città e del monumento più famoso del sito, la tomba di Ciro il Grande. Durante il trasferimento si passa dalla cittadina di Abarqu (Abarkuh), una città dalle origini antiche situata nella regione di Fars, che tra il XI e il XV secolo ha conosciuto grande prosperità come centro carovaniero. Qui è prevista la visita di un cipresso millenario di enormi dimensioni, noto come il Cipresso di Zoroastro (Sarv-e-Abarghood) che si stima che abbia circa 4.000 anni. Si raggiunge infine Yazd, con cena e pernottamento. FB


5° GIORNO: SABATO 18 GENNAIO 2020 : YAZD CITY TOUR BUS

Yazd, situata in un’oasi fra i deserti del Dasht-e Kavir e del Dasht-e Lut, è tra le più secche e calde città iraniane. Per questa sua ubicazione, la città vecchia di Yazd è costruita quasi interamente con adobe, un impasto di argilla, sabbia e paglia. Sempre a causa del clima secco e per affrontare le estati torride, Yazd ha adeguato la sua architettura costruendo un’ampia rete di Qanat, un sistema di trasporto idrico ideato nell’antica Persia; inoltre molti edifici antichi sono dotati di magnifiche Torri del Vento chiamate Badgir, di vasti ambienti sotterranei e di importanti esempi di Yakhchal, di cui alcuni sono ancora usati come ghiacciaie per conservare il ghiaccio proveniente dalle vicine montagne. Questa città-oasi richiama le tappe dei carovanieri della via della seta, ma anche la storia pre-islamica dell’Iran, con i suoi siti zoroastriani. Si visiteranno le Torri del Silenzio, del 18° secolo, dove venivano adagiati i corpi dei defunti, offerti come cibo agli uccelli e il Tempio Zoroastriano del Fuoco “Atashkadeh” ancora attivo con una fiamma che arde ininterrottamente da 1500 anni. Si prosegue con la visita del complesso di Chakhmaq Amir (Mirciakhmaq) che sorge in una bellissima piazza medioevale, e la Moschea del Venerdì (Masjed-e Jameh), con il portale e i minareti gemelli più alti in Iran, risalente al periodo ilkhanide, che domina la città vecchia, e del giardino di Dolat Abad, delle Tombe dei dodici Imam e della Prigione di Alessandro Magno. Cena e pernottamento. FB


6° GIORNO: DOMENICA 19 GENNAIO 2020 : YAZD – SARYAZD – ZEINODDIN –  KERMAN  BUS

Partenza per Kerman. Prima dell’invenzione della macchina e lo sviluppo delle strade, il cammello era l’unico mezzo di trasporto. Gli antichi iraniani si muovevano tra una città e l’altra con gruppi di carovane, fermandosi per la notte in luoghi di sosta notturni, chiamati caravanserragli. Lungo il trasferimento che percorre una di queste antiche piste, visiteremo il castello di Saryazd, fortezza sasanide che veniva usata come rifugio dagli abitanti del villaggio e come deposito di granaglie, e il Caravanserraglio di Zeinoddin, l’unico esistente a forma circolare. All’arrivo a Kerman, dominata dalla Masjed-e Jameh del XIV secolo (tutt’oggi in ottimo stato di conservazione con i suoi tetti blu luccicanti senza minareti), visiteremo il Bazar e la Jabalieh Dome, interessante struttura ottagonale in pietra, che alcuni ritengono sia stata originariamente una casa del fuoco zoroastriana, mentre altri una moschea. Cena e pernottamento. FB


7° GIORNO: LUNEDì 20 GENNAIO 2020 : KERMAN – MAHAN – SHAHDAD – KALUT  DESERTO DASHT-E LUT  BUS

Si lascia Kerman in mattinata attraversando i monti in direzione est per il deserto del Dasht-e Lut. Sostando brevemente a Mahan, per la visita del Mausoleo funerario del santo sufi Aramgah-e Shah Ne’matollah Vali, risalente al XV sec, ornato da una bella cupola turchese, si prosegue per il deserto salato del Dasht-e Lut. Dichiarato Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel luglio 2016, è il maggiore dei deserti iranici: si estende per oltre 300 km da nord a sud e almeno 200 km da est a ovest. I Kalut o castelli di sabbia, letteralmente “strutture formate dal vento” e localmente note come “Yardang”, costituiscono delle bizzarre formazioni naturali causate dall’erosione eolica nell’ambiente desertico e sono disposte parallelamente le une alle altre, come torri e castelli che formano una città. Lut significa brullo o arido; infatti gli unici insediamenti umani sono nella parte ovest del deserto, vicino alle montagne, dove il terreno è meno salato e piove di più. La zona dei Kalut è lunga 120 km e larga 80 km. Si camminerà nella zona dei Kootoos fin verso il fiume salato; il paesaggio delle “Funi di sabbia” è spettacolare, soprattutto al tramonto, per le colossali formazioni color ocra e rosso. Le guide locali dicono che i Kalut sono opera degli jinn, entità conosciute nel mondo islamico come fantasmi malevoli, in realtà essi sono formati dal vento. I Kalut di Shahdad sono vicini al posto più caldo e più secco del mondo. E’ infatti qui che si sono registrate le temperature più alte sul suolo terrestre: 70,7 ° C; a quelle temperature non sopravvivono nemmeno i batteri, e infatti questa zona viene chiamata abiotica. Fa talmente caldo da non permettere al latte di cagliare. Ma non lasciatevi spaventare dalle temperature, non in periodo di svolgimento del viaggio. È uno spettacolo che rimarrà nella memoria per molto tempo. Quando entri in questo luogo, puoi facilmente dimenticare che sei sulla Terra. Sul percorso si visiteranno il villaggio di Shafi Abad, con il Caravanserraglio e i Qanat, gli antichi canali sotterranei di trasporto dell’acqua molto diffusi in Iran. Cena e pernottamento presso Traditional Ecolodge. FB


8° GIORNO: MARTEDì 21 GENNAIO 2020 : KALUT – GOLBAF – KESHIT – RAYEN – BAM  BUS

Si lascia Kalut alla volta di Bam. Si transiterà per il villaggio di Golbaf, con i resti del suo Caravanserraglio (dove sono ancora ben visibili i Qanat, i canali sotterranei che trasportano l’acqua senza farla evaporare attraversando zone estremamente calde e aride), e per Keshit, un piccolo villaggio (noto come Oasi delle 7 Sorgenti) nel mezzo del deserto ma completamente nascosto in un canyon ricco di acqua e cascate, con un’antica fortezza e migliaia di palme da dattero. Costeggiando le belle montagne del Dasht-e-Kavir, che in alcuni tratti stupiscono per i loro contrastanti colori, si raggiungerà il Castello di Rayen, uno dei grandi complessi architettonici di argilla cruda sorto nel periodo preislamico. Le sue imponenti mura esterne, spesse fino a tre metri, sostengono ancora oggi parte delle 15 torri della città e racchiudono un interessante complesso di abitazioni, case, caserme, residenze, vecchie di almeno mille anni e che denotano molteplici influssi. Il percorso reso pittoresco anche dalle panoramiche sui monti conduce a Bam, un tempo tappa obbligata lungo una delle Vie della Seta, con le mura sassanidi ornate da 38 torri che si stagliavano nel deserto, ed oggi conosciuta anche per i migliori datteri dell’Iran e forse del mondo intero, grazie alle estese piantagioni di palma da dattero favorite dal clima ottimale. L’antica cittadella medievale fortificata di Bam, teatro del film “Il Deserto dei Tartari” di Zurlini tratto dal libro di Dino Buzzati, dopo aver subito gravissime distruzioni col terremoto del 2003, è stata in gran parte restaurata ed è classificata nel Patrimonio dell’Umanità, grazie alla ricostruzione, che è stata resa possibile con i numerosi aiuti internazionali. Cena e pernottamento. FB


9° GIORNO: MERCOLEDì 22 GENNAIO 2020 : BAM – FAHRAJ – RIGAN – JIROFT – KAHNUJ – MINAB  BUS

Si parte alla scoperta delle straordinarie architetture di argilla dell’oriente dell’Iran. Puntando verso est si raggiunge Fahraj, un villaggio situato ai margini del grande deserto di sabbia, dove si trova una moschea costruita con mattoni di argilla e paglia cotti al sole, fondata nel VII secolo e che si ritiene sia la più antica dell’Iran. In questa regione abitano popolazioni di etnia Baluchi. Si prosegue alla volta del villaggio di Rigan, dove sono le più grandi colline sabbiose dell’Iran. Tra i monumenti storici a Rigan, c’è la tomba Shah Khorshid (Re Sole), che risale all’era safavide. Le dune di sabbia più alte del mondo sono un’altra attrazione turistica di Rigan, a circa 12 km dal villaggio. Ogni anno, a causa dei venti stagionali, l’altezza e la lunghezza di queste dune aumentano ancora di più, costituendo uno dei paesaggi più affascinanti e naturali. La maggior parte dei turisti si reca in questa parte della provincia di Kerman per gli effetti terapeutici attribuiti alle sabbie. Secondo il personale medico presente a Rigan, la terapia della sabbia può alleviare il dolore muscolare e articolare contemporaneamente, poiché la sabbia trasferisce gradualmente il calore al corpo della persona e quindi allevia il dolore. Sulla strada principale che conduce a sud in direzione dello stretto di Hormoz, raggiungeremo il villaggio di Jiroft. Qui si trovano importanti siti archeologici scoperti casualmente in seguito a un’alluvione che nel 2001 portò alla luce gli straordinari corredi funerari custoditi in un’antica tomba. I successivi scavi hanno permesso di scoprire un’antica città risalente al III millennio a.C.; gli archeologi parlano di una civiltà perduta, definita Civiltà di Jiroft, che risale probabilmente a un’epoca precedente ai Sumeri. Si visiteranno il museo locale, la città vecchia e la cittadella, dove sono stati ritrovati i manufatti di pietra saponaria (clorite) esposti nel museo, per poi riprendere il percorso alla volta di Mīnāb, transitando per Kahnūj, il capoluogo dello Shahrestān di Kahnuj. Mīnāb, situata a sudest di Bandar Abbas all’imboccatura del Golfo Persico, è famosa per la pesca e l’agricoltura, ma è anche stata l’antica Harmozia, importante città dell’impero persiano. Vi si trovano i resti del castello di Hazareh (o di Bibi Minoo), che visiteremo insieme alla città vecchia. Cena e pernottamento. FB


10° GIORNO: GIOVEDì 23 GENNAIO 2020 : MINAB – BANDAR ABBAS – HORMOZ – BANDAR ABBAS MINAB PANJSHAMBE’ BAZAR  BUS, FERRY, TUK TUK

Il mattino presto si visiterà a Minab il tradizionale e pittoresco “Panjshanbé Bazar” ovvero il “Mercato del Giovedì”, coloratissimo e vivace, che si tiene all’aperto richiamando in gran numero venditori e compratori dai villaggi circostanti. Qui la maggior parte delle donne indossa una maschera colorata “Neqâb”, dalla singolare forma a becco, solitamente di colore rosso e spesso ricamata. Dal bordo dei lunghi vestiti si intravede un particolare dettaglio del loro abbigliamento; si intravedono infatti i pantaloni, ornati da brillanti guarnizioni di broccato attorno alle caviglie. Nessuno sa esattamente l’uso ed il perché di queste mascherine Neqâb. Alcuni dicono che solo le musulmane più ortodosse le indossano, ma l’unica cosa certa è che non si tratta di un fatto religioso. Da alcuni cenni storici sembra che questa usanza risalga dai primi anni del XVI° secolo, con l’arrivo dei primi portoghesi nello stretto di Hormoz. Quindi è probabile che da quel periodo (oltre un secolo di occupazione), le donne si siano coperte per non farsi vedere dagli invasori. Posizionato strategicamente di fronte allo Stretto di Hormoz e all’ingresso del Golfo Persico, Bandar Abbas, nota alla maggior parte degli iraniani semplicemente come Bandar, è la capitale della provincia di Hormozgan e sede del porto più trafficato dell’Iran. L’appellativo Abbas (Porto di Abbas) fu dato dallo scià Abbas il Grande in ricordo della vittoria del 1622 sui portoghesi, che fino allora controllavano lo stretto di Hormoz. Bandar Abbas è una città vivace con un grande bazar, un mercato del pesce accattivante, che visiteremo insieme alla grande Moschea, molto bella anche se recente, e al Tempio Hindù. Questo è considerato l’unico esempio di architettura indiana in Iran, eredità della presenza di hindi a Bandar Abbas nel XIX e all’inizio del XX secolo. La sua splendida cupola, così come le foto dell’uomo e cavallo dipinto sulle pareti, attirano l’attenzione della maggior parte dei visitatori. Con un trasferimento in traghetto si visita Hormoz, ribattezzata Rainbow Island (Isola Arcobaleno) per i vivaci colori all’interno dell’isola, una meraviglia geologica scenica di rocce e terreni vulcanici di diversi colori, mentre la costa è un incredibile mix di spiagge dorate e scogliere. La visita dell`isola comprende il Castello dei Portoghesi (costruito nel 1500 durante il periodo della colonizzazione portoghese con la sabbia rossa dell’isola), una passeggiata attraverso la Rainbow Valley per vedere le onde colorate attraverso le montagne, secondo un’esperienza definibile psichedelica. Meravigliose sfumature di rosso, arancione e viola inaspettate nelle rocce si uniscono a spirale e fanno esplodere il paesaggio con un miscuglio di colori. Si prosegue con la visita del Monte Rosso dagli splendidi effetti cromatici  e della Valle delle Statue, dove le alte rocce sono state scolpite in strane forme dagli elementi naturali, dando forma a un drago, uccelli e creature mitiche. Si rientrerà in traghetto a Bandar Abbass, con cena e pernottamento. FB


11° GIORNO: VENERDì 24 GENNAIO 2020 : BANDAR ABBAS – QESHM   BUS, FERRY

Partenza da Bandar Abbas con il traghetto per Qeshm, la più grande isola dell’Iran, a forma di delfino. Sebbene essa sia una meta molto popolare per gli iraniani a causa del regime fiscale favorevole (è zona Duty Free, quindi in aeroporto vi capiterà di vedere gente che torna a casa con grosse TV ed elettrodomestici), le sue attrazioni geologiche, paesaggistiche e culturali la stanno rendendo sempre più interessante anche per i viaggiatori internazionali. Nel lato settentrionale dell’isola in vicinanza del villaggio di Berke Khalaf si visiterà la Valle delle Stelle. L’esistenza di questa valle risale a circa 2 milioni di anni fa, causata dall’erosione del suolo, arenaria e sabbia, provocata da vento, pioggia e tempeste. E’ un raro capolavoro della natura su questa bellissima isola. I locali credono che una grande stella sia caduta in questo punto e dal suo contatto con la terra, il suolo si sia sollevato e si sia prosciugato, generando forme originali. Per questo motivo la chiamano la valle delle stelle. Si crede che questa valle sia infestata dagli spiriti. Di notte, quando il vento soffia tra le rocce, c’è un suono simile all’ululato dei lupi; alcuni lo interpretano come l’urlo delle creature soprannaturali e a causa di essi la valle viene anche chiamata la valle dei diavoletti. Le caratteristiche e le attrazioni della Valle delle Stelle hanno portato alla registrazione dell’isola di Qeshm, oltre che riconosciuta dall’Unesco anche nell’elenco dei suoi Global GEOPARKS.  Nel nord-ovest dell’isola si trova il sinuoso Chahkooh Canyon, apparentemente scavato nella terra dalla mano dell’uomo. La roccia esposta e la mancanza di vita vegetale sono abbastanza sorprendenti e invocano un tranquillo senso di meraviglia. I bordi arrotondati e gli spigoli vivi del canyon creano una sinfonia di proporzioni imponenti. Cena e pernottamento. FB


12° GIORNO: SABATO 25 GENNAIO 2020 : QESHM  BUS

Qeshm è, nonostante la sua storia di “porto di mare” per il commercio, un luogo che ha saputo conservare tradizioni molto antiche. A differenza della maggior parte delle persone in Iran, i nativi di Qeshm sono musulmani sunniti; fisicamente, assomigliano più agli arabi soprattutto per il colore scuro della pelle e molti di loro parlano una specie di dialetto. La cosa più distintiva è il modo in cui le donne locali si vestono, in abiti colorati, con veli appoggiati sulle spalle alla maniera dei sari indiani e indossando maschere particolari, che coprono la metà superiore della faccia. Al centro dell’isola si trovano alcuni villaggi di Bandari, la minoranza araba e sunnita che vive sulle coste del Golfo. Il termine “bandari” viene dalla parola “bandar”, che vuol dire porto. Piccolo villaggio di pescatori tradizionale da secoli, Laft è forse il posto che ha conservato più di tutta l’isola la cultura tradizionale del Golfo Persico, molto più di qualsiasi altro posto in qualsiasi paese. E’ caratterizzato dalle torri di ventilazione, dai pozzi dell’acqua piovana e cantieri che riparano le navi di legno nei suoi dintorni. Si visiterà la Masjid-e-Jamé di Qeshm, moschea  sunnita costruita nell’anno1672 ad opera dei Safavidi. La pianta della sala per le preghiere notturne è rettangolare e al centro presenta due file di sedici colonne. Situata alle spalle della pinna settentrionale di Qeshm, la foresta di mangrovie di Hara è una riserva della biosfera di 8.000 ettari di piante alofitiche. Le mangrovie, le radici e i letti fangosi emergono durante la bassa marea, e scompaiono durante l’alta marea, lasciando visibili sono le chiome verdi. Transitando per i tipici villaggi di Tabl e Salakh, visiteremo la Namakdan Salt Cave, la grotta del sale, che con i suoi 6 chilometri di lunghezza detiene il titolo per la più grande grotta di sale del mondo. L’interno è spettacolare, con colori increspati lungo le pareti e luminosi cristalli di sale bianchi appesi al soffitto. Si rientra a Qeshm con cena e pernottamento. FB


13° GIORNO: DOMENICA 26 GENNAIO 2020 : QESHM – ISFAHAN CITY TOUR AEREO, BUS

Trasferimento all’aeroporto di Qeshm e imbarco con volo interno per Isfahan. All’arrivo proseguimento per il city tour di Isfahan. Esfahan è il gioiello dell’antica Persia, dove i mosaici dall’inconfondibile colore blu delle moschee che si affacciano sulla piazza centrale la fanno ritenere a ragione il “capolavoro” dell’Iran. Fu lo Shah della dinastia Safavide Abbas I (1587-1629), che fece costruire moschee, palazzi, dimore di pregevole fattura trasformando Isfahan in un centro artistico e culturale di prima grandezza, con il proposito che diventasse la città più bella d’Oriente. Si iniziano le visite dalla piazza principale Naqsh-e Jahàn, intitolata all’Imam Khomeyni, chiusa da portici e adornata su ogni lato da 4 gioielli architettonici che simboleggiano gli ambiti politici, economici e religiosi della Persia safavide: a nord l’entrata del Gran Bazar (a cui si accede attraverso un’antica porta monumentale), a est la moschea dello Sceicco Lotfollah (Masjed-e Sheikh Lotfollah), una delle rarissime senza minareti, ad ovest il palazzo reale Ali Qapu ed infine a sud la grandiosa Moschea dell’Imam (Masjed-e Emam), capolavori dell’architettura e decorazione dell’arte persiana islamica. Cena e pernottamento. FB


14° GIORNO: LUNEDì 27 GENNAIO 2020 : ISFAHAN CITY TOUR  ZURKHANEH  BUS

Si prosegue con la scoperta della meravigliosa Isfahan, visitando la Moschea del Venerdì (Masjid-e-Jāmeh Isfahān), il cui complesso architettonico rivela 800 anni di sviluppo, dall’XI al XVIII secolo, e ne fa una delle più imponenti del mondo islamico. Dalla Moschea ci si sposterà al Chehel Sotun, il Palazzo delle 40 Colonne ornato da stupendi giardini, antica residenza dove il re accordava le udienze di dignitari e ambasciatori, e si completerà il tour con la visita dei tre ponti sul fiume Zayandeh-Rud: il Ponte Sio Se Pol (o delle 33 arcate), il Ponte Khaju (Pol-e-Kaju) e il ponte Shahrestan del periodo sassanide. Ci sposteremo a Jolfa, il quartiere cristiano armeno di Isfahan, dove si trova la Cattedrale di Vank, un monastero della Chiesa apostolica armena risalente al 1655, dove si possono ammirare dei magnifici interni. Le pareti della chiesa sono interamente decorate con dipinti ad olio ed il soffitto è dorato; impareggiabili capolavori d’arte sono la parte interna della cupola e i raffinati dipinti storici. Nel pomeriggio si raggiungerà l’antico villaggio Houyeh, dove si assisterà all’interessante esibizione in cerchio del rituale Zurkhaneh o Varzesh-e Pahlavani (Sport degli Eroi), attività sportiva che combina elementi della cultura pre-islamica con la spiritualità del sufismo. Consiste in una sessione di riscaldamento e allenamento (una sorta di ginnastica o lotta in cui si fa pratica di attività marziali tradizionali iraniane miste al misticismo di ispirazione Sufi), utilizzando Sang tavole di legno, Mills birilli di legno, Shena barre di legno e Kabbāda, una specie di arco di metallo con catene e dischi. Gli esercizi fisici accompagnati dai tamburi Zarb, con ritmi scanditi dalla guida Moršed (che accompagna lo sforzo degli atleti recitando versi religiosi o dei grandi classici persiani) si svolgono dentro la piattaforma Sardam all’interno di una Zorkana, un pozzo di forma ottagonale. La performance comprende lo Sharkh Zadan, una veloce rotazione su se stessi, che ricorda quella dei dervisci. La tradizione narra che con la caduta dell’imperio persiano per mano dell’Islam, i guerrieri e gli atleti persiani non potessero più praticare sport all’aria aperta. Decisero quindi di continuare gli allenamenti in case private, per poi spostarsi in strutture simili a quelle odierne, da ritrovi clandestini a palestre. La serata si concluderà con l’ultima cena presso una famiglia iraniana, mangiando secondo i modi del luogo. Al termine della visita rientro in hotel, preparando i bagagli per l’imminente rientro in Italia. Pernottamento. FB


15° GIORNO: MARTEDì 28 GENNAIO 2020 : ISFAHAN – ISTANBUL – ITALIA  AEREO

Si raggiunge molto presto l’aeroporto dove, espletate le formalità doganali di uscita, è l’imbarco e la partenza con volo di linea per Istanbul. Dopo un breve transito e cambio di aeromobile, si riparte per la destinazione finale in Italia con pasti a bordo.

FINE DEI SERVIZI Iran Nascosto Sud 


 FB = pernottamento con prima colazione, pranzo e cena.


NOTA = Alcune variazioni nel programma potranno essere realizzate dall’organizzazione, se ritenuto necessario e nell’interesse del gruppo per ragioni tecnico operative e di sicurezza, pur mantenendo le visite previste dal programma. Si richiede spirito di adattamento.

NORME DI ABBIGLIAMENTO: Essendo una repubblica islamica, in Iran vi sono alcune regole da rispettare. Gli uomini devono indossare pantaloni lunghi, le donne devono essere coperte, con gonne o pantaloni lunghi e non attillati, le braccia devono essere coperte così come le gambe. I sandali sono accettati. I capelli devono essere coperti con sciarpe o foulard, anche se non serve che questi siano allacciati strettamente. Non ci sono limiti ai colori permessi, anzi i colori chiari sono consigliati durante la stagione estiva.


4 Isfahan (23) (1)


 Quota di partecipazione in camera doppia:

€ 2.520 a persona

Su base 10 partecipanti


 Supplementi COMPRESI:

✤ Quota d’iscrizione € 100

✤ Polizza Base T.O. Medico e Bagaglio (massimali € 10.000 e € 1.000)


 Supplementi ESCLUSI:

✤ Tasse aeroportuali volo internazionale € 246.98 indicative al 20.05.2019 e da riconfermarsi solo al momento dell’emissione del biglietto

✤ Polizza Assicurazione Integrativa € 46 (massimali € 50.000) OBBLIGATORIA

✤ Polizza Annullamento Viaggio da € 95 SU RICHIESTA

✤ Supplemento camera singola € 230


 Durata e tipologia viaggio:

✤ Durata 15 giorni, 13 notti

✤ Pernottamento hotel o lodge


Documenti obbligatori:

✤ Documento indispensabile passaporto con validità di almeno sei mesi dalla data di partenza del viaggio.


Vaccinazioni obbligatorie:

✤ Nessuna


Voli con voli TURKISH AIRLINES

da Roma Fiumicino, Milano Malpensa, Venezia e Bologna

Da Roma Fiumicino

  • TK1866  14JAN  FCOIST       1435 1910
  • TK 884  14JAN  ISTSYZ       2150 0205+1
  • TK 893  28JAN  IFNIST       0325 0655
  • TK1861  28JAN  ISTFCO       0905 0945

Da Milano Malpensa

  • TK1896  14JAN  MXPIST         1440 1925
  • TK 884  14JAN  ISTSYZ         2150 0205+1
  • TK 893  28JAN  IFNIST         0325 0655
  • TK1873  28JAN  ISTMXP         0855 1000

Da Venezia

  • TK1872  14JAN  VCEIST        1425 1850
  • TK 884  14JAN  ISTSYZ        2150 0205+1
  • TK 893  28JAN  IFNIST        0325 0655
  • TK1867  28JAN  ISTVCE        0840 0925

Da Bologna

  • TK1322  14JAN  BLQIST       1115 1540
  • TK 884  14JAN  ISTSYZ       2150 0205+1
  • TK 893  28JAN  IFNIST       0325 0655
  • TK1321  28JAN  ISTBLQ       0930 1015

Volo interno: Compagnie Aeree: Qeshm Air o Iran Air o Aseman

  • 26 gennaio QESHM > ISFAHAN

NB: L’orario del volo interno e i nomi degli alberghi saranno comunicati con il Foglio Comunicazioni prima della partenza


ALBERGHI E SISTEMAZIONI

ALBERGHI categorie 3**4**5**                                                                                                                                                          Kalut: Traditional Eco lodge


LA QUOTA COMPRENDE

  • Volo di linea internazionale in classe economica
  • 1 Volo Interno
  • Sistemazione in camere doppie in Hotel 3** 4** 5**
  • Trasporto: Bus con autista
  • Pensione completa durante il viaggio
  • Guida locale in lingua italiana
  • Accompagnatore dall’Italia da 10 partecipanti
  • Ingressi a tutte le visite indicate
  • 1 bottiglia di acqua minerale/pax/day in corso d’itinerario
  • Partecipazione alle attività programmate
  • Assicurazione medico/bagaglio base (massimali € 10.000).
  • Quota d’iscrizione € 100 inclusa.

 LA QUOTA NON COMPRENDE

  • E-Visa d’ingresso in Iran € 80 da pagarsi in loco ed in contanti
  • Tasse aeroportuali, definibili solo al momento dell’emissione dei biglietti ed eventuali adeguamenti carburante
  • Supplemento singola
  • Assicurazione Integrazione Spese Mediche (massimali € 50.000)
  • Assicurazione annullamento 3.5% della quota viaggio
  • Mance, extra personali, mance per foto-video, servizio lavanderia.
  • Bibite, analcoliche
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”.
Programma Leggi tutto
Prenota il viaggio

IRAN NASCOSTO – viaggio con l’esperto

Stampa

VIAGGIO IN IRAN DEL SUD

CON VIAGGIATORE ESPERTO DA 10 PARTECIPANTI

Durata
15 giorni, 13 notti
Quota per persona
2.520,00 
Prossime partenze
Dal 14 al 28 Gennaio 2020
Data di partenza
Informazioni
Scarica il PDF Contattaci