INDIA KUMBH MELA

 MAUNI AMAVASYA SNAN 

Dall’1 all’8 Febbraio 2019

TOUR DI 8 GIORNI IN INDIA

Il più grande raduno spirituale al mondo, dove Sâdhu, Naga Baba e Asceti, lasciando il loro eremo più nascosto nella giungla o la loro sede abituale, convergono a Sangam/Allahabad insieme ad una moltitudine di devoti Hindù, per ottenere la redenzione lavando ogni peccato, in attesa del bagno principale noto come Mauni Amavasya Snan. Si crede che immergersi nel Sangam durante il Kumbh Mela aumenti enormemente i molteplici benefici spirituali.


KumbhMela


IMPEGNO: Medio

TIPOLOGIA: spirituale, culturale e antropologico

CON VIAGGIATORE ESPERTO DALL’ITALIA


UN VIAGGIO RIVOLTO A…

Viaggiatori interessati ad assistere ad un evento mistico, il cui Highlight sono asceti e devoti Hindù, con la loro filosofia, misticismo e usi religiosi, a cui partecipare e che riservano atmosfera ed esperienza irripetibili

 La leggenda narra che nei tempi mitologici, durante la guerra tra Dei (Devtas) e Demoni (Asura) per il possesso dell’elisir della vita eterna, alcune gocce di esso (Amritha), contenute nell’urna sacra (Kumbh), erano cadute in quattro luoghi corrispondenti ai quattro fiumi sacri: Haridwar sul fiume Gange, Ujjain sulla Shipra, Nasik sul Godavari, e Prayag (Allahabad/Sangam) alla confluenza di Gange, Yamuna e il mitico fiume Sarasvati. Si ritiene che queste gocce abbiano conferito poteri mistici a questi luoghi, dando vita a pellegrinaggi rituali, tra i più frequentati raduni religiosi e umani al mondo. In questo massiccio giubileo hindù, in cui ci si ritrova per fare il bagno nel fiume sacro, ogni fedele partecipa alla ricerca del raggiungimento del proprio spirito di santità, fortuna e salvezza.


FOCUS DEL VIAGGIO

  • PHOTO Portrait, Street Life, Natura & Landscape, Travel Reportage, Animali
  • ANIMAL SPOTTING Elefanti, cammelli, serpenti, vacche sacre, agnelli, scimmie
  • CULTURA DELHI Qutub Minar, Bahai House of Worship (Lotus Temple), Tomba di Humayan, Jama Masjid, Raj Ghat, Red Fort, Sri Digambar Jain Lal Mandir (Jain Temple); VARANASI i vari Ghats sul Gange con la varia umanità intenta a fare le abluzioni, sacrifici o la cremazione dei loro congiunti; SARNATH Damek Stupa, la colonna Ashoka e le rovine dei monasteri buddisti
  • ETNIE Sâdhu, Naga Baba, Chela, Guru, Yoghi, Pandas (guide religiose e spirituali), Akharash, Urdhwavahurs, Parivajakas e Asceti, molti di essi seminudi, con i capelli raccolti in chignon e dreadlocks o coperti da turbanti ipercolorati, in una varietà di usi mistici
  • VIAGGIO ANTROPOLOGICO La presenza di questi capi carismatici, provenienti dal loro eremo più nascosto nella giungla o dalla loro sede abituale caratterizza i giorni del Mauni Amavasya Snan, fino al finale bagno collettivo all’alba a Triveni Sangam, alla confluenza delle acque sacre e in mezzo ad una folla oceanica delirante
  • KUMBH MELA Un festival molto sentito dalla comunità induista mondiale, che attira devoti e asceti da tutto il subcontinente indiano, con i sui usi mistici, ma anche per i visitatori che sono attirati da mitologia e cultura Hindù
  • WAY OF LIFE, TRADITION & CUSTOM ALLAHABAD: il bagno reale nel cosiddetto Giorno del Silenzio MAUNI AMAVASYA SNAN, in cui al primo buttarsi in acqua dei Naga Baba i devoti li seguono con le mani in aria invocando il sole in direzione della prima luce; abluzioni di pellegrini lungo le rive di Sangam; performances ed esibizioni tantriche e mistiche di Sâdhu e Naga Baba (rituali magici – controllo del respiro – voto del silenzio –yoga – meditazioni con posture in precario equilibrio e mortificazioni fisiche varie alla perenne ricerca dell’unificazione di corpo e anima – Sâdhu che, annodando il pene intorno a un bastone fatto girare a 360° come fosse il timone di un veliero, danno il segnale evidente del raggiungimento del distacco corpo-mente – pellegrini che si rotolano e si prostrano sulla sabbia dove hanno camminato santi uomini – fachiri che si trapassano parti del corpo con oggetti taglienti senza provare dolore) – il camminare tra la folla di pellegrini di varia provenienza etnica, tenendosi stretti per i lembi dei longji per non perdersi; VARANASI: Ganga Aarti, Puja serale a cui assistere dalle barche ancorate sul fiume davanti al Ghat.

 KumbhMelaViaggitribali


PROGRAMMA DI VIAGGIO

IN INDIA KUMBH MELA

8 GIORNI, 6 NOTTI

FB = Pensione completa, B = Colazione, L = Pranzo, D = Cena


1° GIORNO: VENERDI’ 1 FEBBRAIO 2019: ITALIA – ISTANBUL – DELHI VOLO

Ritrovo dei Sig.ri partecipanti all’aeroporto di partenza. Disbrigo delle formalità di imbarco. Partenza con volo di linea in classe economica per Istanbul, da cui dopo breve transito si prosegue con cambio di aeromobile per Delhi, con pasti e pernottamento a bordo.


2° GIORNO: SABATO 2 FEBBRAIO 2019: DELHI – ALLAHABAD VOLO INTERNO

Arrivo all’aeroporto di Delhi alle 5,15. Dopo aver osservato le pratiche doganali in entrata e aver ritirato il bagaglio, accoglienza dal rappresentante indiano con trasferimento in hotel nei pressi dell’aeroporto per un breve riposo. A mezzogiorno circa, dopo il nuovo trasferimento in aeroporto, un volo domestico ci porterà ad Allahabad e poi con minivan al suo omonimo Camp. Allahabad fu precedentemente chiamata Prayag, che significa in Sanscrito “luogo del sacrificio”, ritenendosi infatti che sia il punto in cui il Signore Brahma offrì il suo primo sacrificio dopo aver creato il mondo. Il luogo più sacro e noto agli induisti di Allahabad è Triveni Sangam (il triplice incontro), la confluenza dei 3 fiumi Gange, Yamuna e Saraswati; di questi tre, il fiume Saraswati è invisibile e si dice che scenda sottoterra e si unisca agli altri due fiumi dal basso, fondendo in superficie le acque fangose e giallo pallido del Gange con le acque blu del fiume Yamuna. È qui che ha luogo il più grande evento sulla terra noto come Kumbh Mela. Il festival è un’esperienza irripetibile per ogni visitatore che è curioso della religione e della filosofia indù. La folla e la confusione di compratori, venditori, e di gruppi locali in molte varietà di costumi è immaginabile; molti di essi sono per metà o completamente nudi o selvaggiamente vestiti. L’intera atmosfera durante il Kumbh Mela è un puro incanto per l’anima; essa è accompagnata da tintinnio di campanelli che suonano, canti di inni e mantra vedici, processioni di Naga, Sâdhu e Akharash su cammelli ed elefanti con al seguito i loro carri d’oro e d’argento tirati dai devoti, mentre mostrano la loro forza e abilità. E’ essenziale provare l’atmosfera spirituale del Kumbh Mela, lasciandosi trasportare dai sui eventi. Pernottamento al campo tendato. (D)


3° GIORNO: DOMENICA 3 FEBBRAIO 2019: ALLAHABAD INTERA GIORNATA

Si può trascorrere la giornata tra le postazioni dei vari Sâdhu, che hanno dedicato la loro intera vita alla meditazione e ad adempiere alle azioni spirituali, secondo una esperienza unica di vita. Durante questa occasione speciale del Kumbh Mela sono allestiti molti Ashram, per consentire ai Sâdhu e ai Pandas (discepoli) di tenervi discorsi sulla religione e sulla filosofia indù. Ci si può quindi unire a loro e approfittare della loro predicazione; infatti chiedendo loro permesso, ci si può sedere all’interno per ascoltare ed imparare ciò che i Sâdhu hanno da dire su induismo e spiritualismo, poiché questi santi hanno una buona conoscenza della religione. Sebbene alcuni di essi non parlino molto, con pazienza e rispetto, si può iniziare un dialogo, dissertare con loro e interagendo è possibile fotografarli con il loro permesso. Lungo le sponde del fiume intanto la varia umanità di fedeli e devoti si muove freneticamente e attraversando i ponton sul fiume si dirige al quartiere generale dei Naga Baba e dei Sâdhu. E’ facile notarli nell’atto di fare le abluzioni quotidiane nel sacro Gange a Sangam. Non c’è tempo e spazio per nessuno e l’improvvisazione regna sovrana nella grande area per contendersi un misero spazio espositivo da parte di onnipresenti commercianti di collane, mentre pellegrini fanno la questua tra vacche sacre erranti, qualcuno si improvvisa barbiere per chi vuole pulire il corpo e presentarsi in grazia di Visnù al bagno, e le donne stendono al sole i coloratissimi sari freschi di bucato. Pernottamento al campo tendato. (FB)


4° GIORNO: LUNEDI’ 4 FEBBRAIO 2019: ALLAHABAD MAUNI AMAVASYA SNAN – SHAHI SNAN (Main Bathing) INTERA GIORNATA

Oggi è finalmente il giorno in cui i pellegrini attendono con impazienza anni l’arrivo di Mauni Amavasya, uno dei giorni più propizi per il Kumbh Mela. Il mattino presto, prima dell’alba si raggiunge Triveni Ghat (Sangam) per assistere al santo pellegrinaggio che si conclude con il bagno principale, noto come Mauni Amavasya Snan. L’Amavasya di Magh Masa (undicesimo mese di ogni anno secondo il calendario lunare indù) è chiamato Mauni Amavasya. Si crede che questo giorno, coincidente con la rievocazione del compleanno di Manu Rishi, in cui Brahma diede origine a Maharaja Manu e alla regina Shatrup, sia da considerare come la data di inizio della creazione dell’universo. Quando avviene la contemporanea presenza di Sole e Luna nel segno del Capricorno e quella di Giove in Ariete o Toro durante il mese indù di Magha, si verifica il magico allineamento planetario con cui astrologicamente si creano le condizioni ideali per una perfetta meditazione e concentrazione, aumentando il significato di questo Mauni Amavasya Vrat (Giorno del Silenzio o Bagno Reale). Fare il bagno nel Sangam di Allahabad in questo giorno conferisce virtù a un individuo. Secondo alcuni studiosi nell’osservanza del Maun Vrat – secondo il significato etimologico Maun (silenzioso) e Vrat (voto) – si raggiunge il controllo di tutti i sensi. Dipende da una persona per quanto tempo vuole osservare il silenzio: le persone prendono la risoluzione di osservare il Maun Vrat per un giorno, un mese o per un anno. Tra un’oceanica folla delirante e itinerante, finalmente al primo chiarore della luce gruppi compatti di Naga Baba raggiungono tutti nudi e cosparsi di cenere da capo a piedi la grande spiaggia Sangam, danzando e urlando verso il fiume, brandendo bastoni, lance e tridenti. Tra i primi a immergersi vi sono gli Juna e i Naga con le mani in aria ad invocare il sole in direzione della prima luce. A questa vista, cercando dove possibile il proprio spazio, come un rito ipnotico tutti i pellegrini li seguono e s’immergono in atto di devozione alla ricerca del raggiungimento del proprio spirito di santità, fortuna e salvezza per il conseguimento del “Moksha”. Allora anche il fiume diventa un oceano brulicante di folla, mentre il sole dispensa la sua piena luce ed energia magica. Dopo il rito dell’abluzione collettiva, i pellegrini indossano abiti freschi e procedono a piedi diretti ad ascoltare discorsi e sermoni sacri all’interno delle varie comunità di Sâdhu e Ashram e partecipare alla conseguente meditazione. La giornata è dedicata anche alla visita delle varie attività fieristiche e dopo una giornata frenetica, si ritorna al campo tendato per il relax e il pernottamento. (FB)


5° GIORNO: MARTEDI’ 5 FEBBRAIO 2019: ALLAHABAD – VARANASI 120 km, 3 h  MINIVAN

Colazione mattutina presso il campo tendato. Con un transfer di circa 3 ore si raggiunge Varanasi con lunch box da consumare lungo l’itinerario (attenzione: la durata del percorso in uscita da Allahabad e in entrata a Varanasi potrebbe essere più lunga a causa di ingorghi ed incolonnamenti post Kumbh Mela), sistemandoci presso una Guest House, piccola semplice e pulita, ma adiacente ai Ghat, per essere vicino alle varie attività mattutine e serali, che si svolgono sulle sue rive. Varanasi, nota anche come Benares, è la Città Sacra degli Induisti. Ogni Induista, almeno una volta nella sua vita, deve recarsi a Varanasi per immergersi nel sacro fiume Gange almeno da 5 diversi ghat. Ogni mattina all’alba, gli Indù iniziano a compiere dai ghat le proprie abluzioni ed il posto migliore per i turisti che vogliono assistere a queste cerimonie rituali è da una barca che risale il fiume. Sempre a Varanasi, ogni Induista desidera che vengano sparse le proprie ceneri nel Gange, dopo essere stato bruciato in un “Cremation Ground”, dove le pire per la cremazione ardono 24 ore su 24 ed ogni sera, al tramonto. Dopo il transferimento da Allahabad, la cui durata non è esattamente stimabile, si spera di giungere in tempo utile per assistere all’ora del tramonto alla cerimonia Ganga Aarti. Si tratta di una Puja serale, officiata davanti al Dashashwamedh Ghat, secondo un rituale indù dedicato alla Dea Madre Ganga, la Dea del più sacro fiume indiano, dove alcuni officianti eseguono un’elaborata puja (rituale di offerta) che ha come componente essenziale il fuoco, il tutto in un’atmosfera molto mistica e coinvolgente. L’Aarti di sera, che vi incanterà con pensieri spirituali e positività, è un grande momento da non perdere. Pernottamento in Guest House. (B, Lunch Box, D)


6° GIORNO: MERCOLEDI’ 6 FEBBRAIO 2019: VARANASI CITY TOUR INTERA GIORNATA BARCA MINIVAN VOLO DOMESTICO

Crociera in barca fin dal primo mattino sul fiume Gange per visitare i Ghat. Qui vedremo Varanasi che si anima lungo le rive del fiume con la moltitudine di pellegrini che fanno il bagno nell’acqua santa e adorano il sole nascente. A conclusione della vita terrena gli induisti raggiungono la città (una della 4 città sante in India) con il desiderio di morirvi e liberarsi dal ciclo di reincarnazione attraverso il Moksha, arrestando così il perpetuo ciclo di vita e morte dopo aver abbandonato il corpo in questa vita terrena. Questo è quello che spinge gli Indù ad avere come aspirazione massima il rito di cremazione sulle rive del sacro fiume Gange, dove è predisposto a questo scopo il Manikarnika Ghat, il principale burning ghat della città. Lo spettacolo della cremazione è crudo (si raccomanda di non accostarsi se ipersensibili) ed è difficile poter fare degli scatti fotografici. Si conclude il City tour con la visita dell’Assi Ghat, del Tempio nepalese e del palazzo del Raja Man Singh. Nel pomeriggio a circa 10 km da Varanasi si raggiunge Sarnath, uno dei luoghi più sacri dell’Asia. Sarnath è nota per essere stata il luogo della prima predicazione di Buddha, dopo aver raggiunto l’illuminazione dopo 2500 anni, ed è formata da una serie di edifici di interesse storico-religioso, tra cui il Damek Stupa, la colonna Ashoka, le rovine dei monasteri buddisti e il Mulgandha Kuti Vihar, tempio moderno costruito nel1931, che contiene una grande campana e una serie di affreschi sulla vita del Buddha. In serata, raggiunto l’aeroporto di Varanasi si rientra a Delhi in aereo. Pernottamento in albergo. (B,D)


7° GIORNO: GIOVEDI’ 7 FEBBRAIO 2019:  DELHI CITY TOUR  MINIVAN

Intera giornata dedicata al City Tour di Delhi. Si visita il Qutub Minar (splendida torre in arenaria rossa utilizzata come minareto durante il primo periodo della dominazione islamica in India), la Bahai House of Worship  – noto come Lotus Temple – il tempio Bahai dalla particolare forma di fiore di loto, la Tomba di Humayan (costruzione in stile moghul che influenzò il più noto Taj Mahal di Agra), la grandissima Jama Masjid, che si affaccia sul brulicante mercato di Chandni Chowk, il vicino Forte Rosso costruito in arenaria rossa dall’imperatore Shah Jahan nel 1639. Situato proprio di fronte al massiccio Red Fort, il Digambar Jain Temple è il più antico tempio Jain della capitale, originariamente costruito nel 1658, ampliato nei primi anni del 19° secolo ed è popolarmente conosciuto come Lal Mandir “Red Temple”. Per concludere si visita il Raj Ghat, luogo caro agli indiani, perchè vi fu cremato e sepolto Gandhi e lo shopping presso l’assortito  Central Cottage Industries Emporium vicino Janpath. Ultima cena e pernottamento in albergo. (B,D)


8° GIORNO: VENERDI’ 8 FEBBRAIO 2019: DELHI – ISTANBUL – ITALIA VOLO

Molto presto in aeroporto con disbrigo delle formalità di imbarco alle ore 6,55 per Istanbul, da cui dopo un breve transito si prosegue dopo cambio di aeromobile per l’Italia e per la città di destinazione con pasto a bordo.

Fine dei servizi di Viaggitribali


Quota di partecipazione in camera doppia a persona:

€ 1.760 + tasse aeroportuali


Supplementi COMPRESI:

✤ Quota d’iscrizione € 100

✤ Polizza Base T.O. Medico e Bagaglio (massimali € 10.000 e € 1.000)

Supplementi ESCLUSI:

✤ Tasse aeroportuali volo internazionale € 278,82 indicative e da riconfermarsi solo al momento dell’emissione del biglietto

✤ Polizza Assicurazione Integrativa € 46 SU RICHIESTA (massimali € 50.000)

✤ Polizza Annullamento Viaggio da € 68 SU RICHIESTA

✤ Supplemento camera singola € 480

✤ Voli domestici € 300 per Delhi – Allahabad (€250) + Varanasi – Delhi (€50) QUOTAZIONI INDICATIVE DA VEDERE AL MOMENTO DELLA CONFERMA

✤ Visto d’ingresso al paese on line. Pratica con la nostra organizzazione € 85 circa


Durata e tipologia viaggio:

✤ Durata 8 giorni, 6 notti

✤ Pernottamento Hotel/Guest House e Campo Tendato (organizzato con bagni privati e accessoriato di tutti i servizi)

Documenti obbligatori:

✤ Documento indispensabile passaporto con validità di almeno sei mesi dalla data di partenza del viaggio

Vaccinazioni obbligatorie:

✤ Nessuna obbligatoria. Consigliamo tuttavia di rivolgersi alla propria ASL di competenza per un parere medico.


Voli internazionali indicativi:

✤ Turkish Airlines

Partenza da Roma Fco (come da esempio), Milano Mpx, Venezia, Bologna, Pisa, Napoli, Bari e Catania

  • TK1866 01FEB 5 FCOIST HK1      3  1435 1910   *1A/E*
  • TK 716  01FEB 5 ISTDEL HK1       I  2055 0515+1 *1A/E*
  • TK 717  08FEB 5 DELIST HK1       3  0655 1125   *1A/E*
  • TK1865  08FEB 5 ISTFCO HK1       I  1250 1335

Voli domestici indicativi:

✤ AirIndia, IndiGO

  • Delhi>Allahabad  02FEB AIR INDIA  AI9603 (part 15,10 – arrivo16,55)
  • Varanasi>Delhi     06FEB  IndiGo 6E 991 2005 HRS 2140 HRS

NB: A causa dell’enorme richiesta dei voli interni selezionati, il loro costo potrebbe aumentare sensibilmente, man mano si avvicina la loro data di emissione del biglietto e/o se la conferma della prenotazione avviene sotto/data. ll bagaglio di stiva consentito per i voli nazionali è di 15 kg + 7 kg di bagaglio a mano in tutti i voli ad eccezione di Air India, che consente un bagaglio da stiva da 25 kg e un bagaglio a mano da 7 kg. Il bagaglio extra del volo Varanasi-Delhi può essere prenotato al tempo di emissione dei biglietti con un costo aggiuntivo di 25 € a persona per 5Kg.


LA QUOTA COMPRENDE

  • Volo internazionale in classe economica
  • Voli domestici da Delhi per Allahabad e da Varanasi a Delhi (quotazioni tendenti a sensibile aumento man mano si avvicina la data di emissione del biglietto e di partenza)
  • Sistemazione in camere doppie, hotel/Guest House e Campo Tendato come da programma
  • Guida locale esperta in lingua italiana
  • Accompagnatore dall’Italia (a partire da 10 partecipanti)
  • Drivers qualificati, autorizzati e con esperienza
  • Boat Tour a Varanasi
  • Ingressi a tutti i siti indicati da programma
  • Mezza pensione (Breakfast & Dinner) a Delhi e Varanasi
  • Pensione Completa con 1 bottiglia di acqua minerale a Allahabad nel Campo Tendato
  • Camera in arrivo a Delhi in albergo nei pressi dell’aeroporto (breve riposo)
  • Assicurazione medico + bagaglio (spese massimali € 10.000 + € 1.000)
  • Quota d’iscrizione

LA QUOTA NON COMPRENDE

  • Visto d’ingresso India rilasciato via e-mail deve essere stampato e presentato all’ingresso in aeroporto
  • Tasse aeroportuali definibili solo al momento dell’emissione dei biglietti e eventuali adeguamenti carburante
  • Avvicinamento dagli altri aeroporti
  • Assicurazione Spese Mediche Integrative (massimali fino a € 50.000)
  • Assicurazione Annullamento Viaggio
  • 4 Pranzi con acqua minerale a Delhi e Varanasi circa 18€ pax/per ognuno, per una stima di €  72/pax circa
  • Extra Soft drink/acqua minerale 2 € circa
  • Mance, extra personali, ingressi fotografici, mance per foto-video e personale, lavanderia
  • Camera singola € 480
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”.

SISTEMAZIONI/HOTEL

Delhi : Hotel Pride Plaza 4 stelle (vicino aeroporto) – breve riposo dopo il volo di arrivo http://www.pridehotel.com/delhi/new-delhi-aerocity/overview/

Allahabad : Tend ( Swiss tents ) – 3 notti

Varanasi : Mishra Guest House http://mishraguesthouse.com/  vicino ai Ghat  -1 notte

Delhi : Hotel Hotel Suryaa  5 stelle http://www.thesuryaa.com/   – 2 notti


   NOTIZIE UTILI PER IL VIAGGIO IN INDIA KUMBH MELA

DOCUMENTO INDISPENSABILE: Il Passaporto è necessario, con validità residua di 6 mesi dalla data di partenza con 2 pagine libere consecutive. Si può avere l’E-Visa seguendo le seguenti istruzioni on line https://indianvisaonline.gov.in/evisa/Registration Occorre avere sul computer la scansione a colori del passaporto in formato PDF di dimensione compresa tra un minimo di 10 kb e un massimo di 300 kb e la scansione a colori di una foto tessera di dimensione 5cm per 5cm in formato JPG compresa tra un minimo di 10 kb e un massimo di 1 mb. Il pagamento pari a USD 51,25 dovra’ essere effettuato con carta di credito. Al termine della procedura si stampa il modulo, al fine di ricevere una mail con i dettagli dell’operazione. Entro 72 ore sempre per email avviene il ricevimento con l’ok del visto, a questo punto si rientra nel sito di richiesta e cliccando su PRINT REGISTERED APPLICATION, si scrive il proprio Id, il numero di passaporto, si copia il codice CAPTCHA e si stampa a colori il visto che si deve portare in viaggio; all’ingresso in India a Delhi il passaporto verrà effettivamente vidimato con timbro d’ingresso. Il Visto è anche richiedibile presso il Consolato di Roma o Milano a costo di € 98 circa oltre le spese pratiche di gestione dell’agenzia.

VACCINAZIONI: Nessuna vaccinazione è obbligatoria per entrare nel paese, si consiglia tuttavia di rivolgersi alla propria ASL di competenza per un parere medico.

SALUTE/MEDICINE: Precauzioni sanitarie: si raccomanda di portare con sé nel bagaglio a mano le medicine di uso personale. Cautela nell’alimentazione evitando cibi crudi, verdure non lavate, acqua della rete urbana, ghiaccio nelle bevande. Sono consigliati farmaci per curare possibili influenze da raffreddamento (tachipirina, paracetamolo, antibiotici), tosse/mal di gola e antidiarroici intestinali (Imodium, Bimixin, Dissenten), integratori sali minerali, creme contro punture insetti e scottature solari, repellenti anti-zanzare (Autan/zampironi), amuchina gel (molto utile per pulirsi rapidamente le mani).

CIBO: La cucina indiana offre una buona gamma di scelte, e tutti i gusti possono essere accontentati. Scelto il ristorante, fra non vegetariano, vegetariano e “pur-veg” (vegetariano di stretta osservanza), chiedete inoltre se volete il cibo speziato oppure no, o senza curcuma che è l’essenza di ogni curry indiano, o coriandolo (DANYA, una sorta di prezzemolo dal sapore intenso e non gradito ai nostri gusti). Il riso la fa da padrone, in bianco o saltato con le verdure è sempre ottimo  solo o con Dhal (lenticchie – legumi stufati e spezie), come pure il pane (chapati, roti o naan). la cucina locale offre un’infinità di piatti a base di pollo, montone, agnello e più raramente suino. Ottimi stufati di verdure, spiedini di pollo o pesce (Tikka), creme di spinaci con formaggio (paneer). Il tipo di cucina principale puo’ essere masala, una specie di salsa piccante con annegato pollo o formaggio, o tandoori, cucinato nel forno con aggiunta di salsa. Ogni regione dell’India propone il proprio Thali, cioè letteralmente un “vassoio” contenente un intero pasto suddiviso in tazze (katoris) da cui attingere rigorosamente a mani nude ed arricchito con alcune salse a cui attingere per insaporire i cibi, tra cui le varie chatni (cioè condimenti “chutney” agrodolci a base di frutta o verdura e zucchero). Per gli spuntini di mezzogiorno, frutta banane, papaia, mandarini, piccoli ananas, e dalle bancarelle samosa (fagottini ripieni di verdure e/o di carne tritata, di forma triangolare, da immergere a piacimento in qualche intingolo) e dosa a volontà. Il Tè noto in India come chai è la bevanda più diffusa. Esso può essere servito aromatizzato e speziato in vari modi: tè alle spezie, allo zenzero o al cardamomo. Molto diffuso il masala chai (tè in polvere bollito con acqua, latte intero, molto zucchero e aromi vari). A fine pasto ogni ristorante propone come digestivi Pan Masala, ovvero semi di finocchio zuccherati di prima qualità. Individualmente consigliati da portare dall’Italia ed in autonomia come integrativi: Cappuccino solubile per le colazioni, snacks, frutta secca disidratata.

SISTEMAZIONI/ALBERGHI: L’itinerario particolare si svolge in occasione del Kumbh Mela, un evento durante il quale ad Allahabad è stato organizzato un grandissimo Campo Tendato strutturato con letti doppi e servizi WC in Tenda tipo Swiss Tent. A Delhi gli alberghi sono di buona qualità 5 stelle, mentre a Varanasi è prevista una GuestHouse, piccola ed essenziale ma pulita ed efficiente per essere il più vicino possibile ai Ghat, lungo le cui rive si fanno le principali escursioni al mattino presto e in serata.

CLIMA: In India nel mese di febbraio la stagione è piacevole e secca, per cui le precipitazioni sono quasi inesistenti e la temperatura varia da una minimo di 6° ad una massimo di 30°. Nelle ore centrali fa caldo. Parecchia umidità ad Allahabad durante il Kumbh Mela e freddo di notte e alle prime ore diurne. Da segnalare nebbia persistente a Delhi e zone limitrofe fino alle 10am circa.

CAMBIO: La valuta dell’India è la Rupia indiana (INR) ; 1 € = 79,7958 ; 1 US $ =68,3517 (luglio 2018). Si consiglia di cambiare la valuta presso banca Thomas Cook (dentro area consegna bagagli) all’arrivo all’aeroporto di Delhi; altri cambi possibili presso Money Changers privati e negli hotel principali, dove il tasso di cambio risulta un po’ meno conveniente (ad Allahabad non è possibile cambiare). E’ suggerito conservare le ricevute di cambio, indispensabili per riconvertire le rupie in euro in caso fosse necessario e cercare di avere sempre a portata di mano banconote di piccolo taglio per le mance. Gli euro vengono accettati, assieme alle carte di credito, nei principali negozi per turisti, tenendo d’occhio il tasso di cambio. Le rupie si possono ritirare anche dagli sportelli ATM (bancomat) che si trovano nelle città principali, utilizzando carta di credito.

LINGUA: In India non esiste una lingua nazionale, ma diverse lingue ufficiali: l’hindi è la lingua ufficiale del governo e quella più parlata; esistono però altre 21 lingue ufficiali e ben 1. 652 dialetti. L’inglese, ampiamente utilizzato è “lingua ufficiale sussidiaria” nota solo in ambito turistico.

RELIGIONE: Secondo l’ultimo censimento, la maggioranza della popolazione (80%) è induista, con circa 827 milioni di fedeli. Seguono i musulmani (14%), i cristiani (2%), i sikh e poi i buddhisti, gli zoroastriani, gli ebrei e i giainisti. Prima di entrare nei luoghi di culto (moschee, templi) è indispensabile togliersi le scarpe (le calze si possono generalmente tenere). Si consiglia di portare con sé calze da usare per questi ingressi: spesso l’area di deposito e custodia delle scarpe si trova per la strada all’esterno dei templi.

FUSO ORARIO: + 4,30 ore rispetto all’Italia, + 3,30 quando in Italia vige l’ora legale

VOLTAGGIO/ELETTRICITA’: I voltaggi in uso sono 230 V, 50 hertz. La tensione varia da stato a stato e in alcune zone è presente la distribuzione in corrente continua.

Varie tipi di Prese: Tipo C (CEE 7/17)-Europlug uguali alle nostre spine italiane

Tipo D (5 A)    – Tipo M  (Versione 15 A del tipo D).  Si consiglia di munirsi di adattatore universale.

ALTRO: L’ordine di visite ed escursioni in ciascuna località può essere soggetto a variazioni per motivi di opportunità contingenti, senza compromettere le peculiarità del viaggio, o dipendenti dalla programmazione estemporanea del Kumbh Mela o da ritardi causati dall’intenso traffico post Festival. Questo viaggio richiede uno spirito di adattamento ad ambienti superaffollati durante il pellegrinaggio in un contesto unico, quale è il Kumbh Mela; pertanto è sconsigliato per chi ha paura di stare in luoghi affollati (Demofobia). Ritardi durante il transfer da Allahabad a Varanasi sono possibili per il notevole traffico post Kumbh Mela.

SUPPLEMENTI: E’ prevista la mezza pensione a Delhi e Varanasi con un supplemento per 4 pranzi (€ 18/pax con acqua minerale indicativi) per una previsione di spese di circa  € 72/pax.        Si fa notare che a causa dell’enorme richiesta dei voli interni selezionati, il loro costo potrebbe aumentare sensibilmente, man mano ci si avvicina alla loro data di emissione e/o se la conferma della prenotazione avviene sottodata. ll bagaglio di stiva consentito per i voli nazionali è di 15 kg + 7 kg di bagaglio a mano in tutti i voli ad eccezione di Air India, che consente un bagaglio da stiva da 25 kg e un bagaglio a mano da 7 kg. Il bagaglio extra del volo Varanasi-Delhi può essere prenotato al tempo di emissione dei biglietti con un costo aggiuntivo di 25 € a persona per 5Kg.

MEZZI DI TRASPORTO: si utilizzano Micro Van da 6-9 Pax e mini bus oltre 10 pax con Aria Condizionata.

TELEFONIA: Per telefonare in Italia occorre comporre +39 più prefisso città con lo zero o n° cellulare/fisso. Dall’Italia per l’India il prefisso è 0091. I cellulari funzionano quasi ovunque. Per i costi riferirsi al piano tariffario personale; le telefonate con cellulare sono comunque costose ed è meglio inviare SMS.  Principali gestori indiani sono AIRTEL o VODAFONE; informarsi sul roaming con il proprio gestore di rete. Si telefona comunque a prezzi contenuti dai posti telefonici pubblici che espongono le scritte ISD, STD, PCO. Gli internet points sono abbastanza diffusi ovunque.

ABBIGLIAMENTO/BAGAGLIO: Abbigliamento “a strati”, pratico e adatto a cambi di temperatura con camicie leggere a manica lunga e tshirt, foulard per le donne da usare nelle moschee, K-Way leggero e pile anche per difendersi soprattutto dall’aria condizionata. Scarpe comode chiuse con suola tassellata e non liscia, ciabatte per la doccia, sandali. Durante la visita dei templi/moschee (dove è obbligatorio togliere le scarpe) è opportuno scegliere calzature che si infilano e si tolgono rapidamente e/o indossare vecchi calzini.

ATTREZZATURA: Fotocopia del passaporto + 4 fototessera di ricambio (utili nel caso il cui il passaporto si dovesse smarrire o venire rubato), marsupio interno (per tenere soldi e documenti), zainetto (per utilizzi quotidiani) fazzoletti disinfettanti/amuchina gel, burro di cacao per le labbra, occhiali da sole; torcia elettrica con batterie di scorta perché talvolta può mancare la corrente elettrica, sacco lenzuolo, coltellino (da inserire nel bagaglio da spedire). In quasi tutti gli alberghi c’è il servizio lavanderia. Usare preferibilmente borse/sacche morbide più comodi da stivare.

CINE/FOTO: Si consiglia di munirsi di una adeguata scorta di materiale fotografico dall’Italia. Portare con sè le batterie di ricambio, le schede digitali necessarie per l’intero viaggio, caricabatterie e l’occorrente per pulire macchina ed obiettivi.

ACQUISTI: L’India è la patria dello shopping, c’è di tutto prodotto artigianalmente e conviene farlo quando l’articolo piace, contrattando. A Delhi c’è il Nepalese Market di Janpath, poco distante da Connaught Place. A Varanasi si trovano delle bellissime sete, ma con prezzi molto cari. Nel quartiere CHOWK di Varanasi, all’incrocio commerciale ci sono molti negozi di vestiti e sari che possono essere personalizzati su misura seduta stante, un vero lusso! Più nel centro verso i Ghats invece si trovano accessori, argenti, souvenirs di artigianato locale e religiosi. Molto particolari i gioielli (anelli, bracciali, collane) sia in argento che metallo semiprezioso, per non parlare della ricca produzione di gioielli etnici: cavigliere, anelli da piede e da naso (nath), bazubandh, cinture. Il te, nelle specialità varie, come anche scatoline laccate kashmire o ricoperte di specchietti policromi, braccialetti di vetro o plastica coloratissimi e statuette in legno di sandalo sono trovabili ovunque. In tutte le città più grandi ci sono poi i Central Cottage Industries Emporium, negozi statali che offrono varietà di artigianato souvenirs provenienti da tutte le aree dell’india di buona qualità e a prezzi controllati e fissi, ma chiusi sabato pomeriggio e domenica http://www.cottageemporium.in/

APPROFODIMENTI sul Kumbh Mela possono essere letti sul link https://www.giusepperussophoto.it/2014/12/13/india/

(* ) Nota Bene: Anche se non richieste ufficialmente, a fine tappa dei vari percorsi stradali, le mance come ringraziamento da parte di autisti, staff e guide sono gradite. Si consiglia di munirsi di monete e banconote di piccolo taglio per i piccoli servizi e le mance. Si suggerisce un importo di 50 € indicativi a persona, per costituire ad hoc una sorta di Cassa Comune mance e necessità distribuire

NOTA: alcune modeste variazioni potranno essere realizzate dall’organizzazione, se ritenuto necessario e nell’interesse del gruppo per ragioni tecnico operative. Segnaliamo che a volte le prenotazioni degli alberghi già confermate in Italia nella “lista hotel”, potrebbero subire variazioni. Questo può avvenire anche in caso di festività in quanto gli alberghi potrebbero fare overbooking e non garantire la prenotazione confermata in Italia. In ogni caso verrà sostituita la prenotazione con pernottamenti disponibili in zone adiacenti. Non è garantita in questo caso la stessa categoria confermata in Italia.

Programma Leggi tutto
Prenota il viaggio

INDIA KUMBH MELA

Stampa

TIPOLOGIA VIAGGIO: spirituale, culturale e antropologico

DAL 1 AL 8 FEBBRAIO 2019

CON VIAGGIATORE ESPERTO DALL’ ITALIA

Durata
8 giorni, 6 notti
Quota per persona
1.760,00 
Prossime partenze
Dal 1 al 8 Febbraio 2019
Data di partenza
Informazioni
Scarica il PDF Contattaci