LE ETNIE DEL MOZAMBICO

lunedì, 21 novembre 2016

La popolazione del Mozambico non raggiunge i 20 milioni di abitanti, ed è quasi totalmente di origine Bantu, mentre la minoranza bianca di origine portoghese e una asiatica di origine indiana è pari a circa l’1% di tutta la popolazione.

 

Le province di Nampula e Zambézia sono le più popolate, anche se Maputo, in quanto a densità raggiunge il numero più alto di concentrazione di abitanti del paese. La maggior parte della popolazione (stimata circa il 70%) vive ancora nelle zone rurali periferiche.

 

A sud del fiume Zambesi si trovano:ibo-young-lady

 

  • Gli Shona, provenienti dall’antico regno di Great Zimbabwe, stanziati nella zona dei Montes Chimanimani e a sud degli altopiani di Cahora Bassa, queste popolazioni sono principalmente dedite all’agricoltura.
  • Gli Tsonga, pastori e agricoltori, stanziati lungo i monti Lebombo, al confine con il Sudafrica.
  • I Chope,  agricoltori e pescatori della provincia di Inhambane.
  • Gli Shangane, guerrieri di origine zulu, che abitano le province di Gaza e Maputo.

 

A nord del fiume Zambesi si trovano:

 

  • Gli Swahili e i Mwani, stanziati nella fascia costiera a nord di Quelimane, islamizzati dall’antico contatto con i mercanti arabi.
  • I Makua, la più numerosa etnia del paese, in gran parte islamizzati e dislocati nelle province di Cabo Delgado, Niassa, Nampula.
  • I Lomwe, presenti nella provincia di Zambézia.
  • I Makonde, famosi ed abili intagliatori di maschere stanziati s
    ull’altopiano Makonde tra le sponde del fiume Rovuma.
  • Gli Yao, guerrieri della zona di Niassa, ad oggi dediti all’agricoltura.
  • I Sena, abitanti lungo lo Zambesi, nelle province di Manica, Tete e Sofala.
  • I Nyanja o Chewa, stanziati attorno al lago Niassa sono un’etnia che parla Chinyanja (“la lingua del lago”), lingua parlata da oltre 15 milioni di persone nell’Africa meridionale.

 

Sfoglia gli altri articoli