Data storica 16 SET 2018: Etiopia ed Eritrea, firmato accordo di pace

martedì, 18 settembre 2018
 Il primo ministro etiope e il presidente eritreo durante la cerimonia di riapertura dell’ambasciata eritrea ad Addis Abeba, il 16 luglio 2018 (Getty Images)

Il premier etiope Ahmed e il presidente eritreo Afewerki hanno ratificato la decisione presa lo scorso luglio di interrompere lo “stato di guerra”, in vigore tra i due Paesi da 20 anni. Il ministro degli Esteri italiano ha espresso i suoi rallegramenti ai due leader

 

 

I leader dell’Etiopia, Abiy Ahmed Ali, e dell’Eritrea, Isaias Afewerki, hanno firmato a Gedda, in Arabia Saudita, un nuovo trattato di pace. Con la mediazione del Paese ospitante, dell’Onu, rappresentato dal segretario generale Antonio Guterres, dell’Unione africana e degli Emirati arabi uniti, i due hanno chiuso una stagione di guerra durata 20 anni.

I dettagli dell’accordo

La firma dello storico accordo, infatti, ratifica la decisione presa nel luglio scorso dal premier etiope e dal presidente eritreo di porre fine allo “stato di guerra” che ha continuato a esistere tra le due nazioni africane, anche dopo la fine del conflitto durato dal 1998 al 2000. Quella che che viene chiamata “Intesa di Gedda” prevede, fra l’altro, l’apertura di ambasciate nelle rispettive capitali (a luglio ha riaperto quella eritrea ad Addis Ababa), il ripristino dei collegamenti e l’uso dei porti eritrei da parte dell’Etiopia. “L’accordo prevede il ripristino di normali relazioni fra i due Paesi, sulla base degli stretti legami geografici, storici e culturali fra le nazioni e i rispettivi popoli”, ha fatto sapere un comunicato saudita. Il re saudita Salman, nella nota, ha “elogiato i due capi di Stato per aver esercitato una vera leadership e per la scelta coraggiosa di aver ristabilire relazioni fraterne fra i due Paesi”.

https://tg24.sky.it/mondo/2018/09/16/accordo-pace-etiopia-eritrea.html

 

Sfoglia gli altri articoli